• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
24 Luglio 2014 - Ultimo aggiornamento: 21:00
Argomento: 
Valbrembo
Un esposto in Procura a Bergamo, la donna accusa: "Il Comune di Valbrembo mi elargisce aiuti economici, ma poi ne rivuole una parte in contanti". Il sindaco Claudio Ferrini: "E' tutto falso, denunceremo chi ha architettato questa vicenda".

“Il Comune mi aiuta
poi si riprende i soldi”
Il sindaco: “Tutto falso”

Versione stampabileSend by email

Un’accusa pesantissima: “Il Comune di Valbrembo mi elargisce contributi per la mia precaria condizione economica, ma poi li rivuole in contanti senza rilasciare ricevuta”. Antonella Agosti ha descritto i dettagli di questa vicenda in un esposto che ha presentato nei giorni scorsi in Procura della Repubblica. Sei consiglieri comunali - Antonio Raineri; Giovanni Abalsamo; Enrico Gambirasio; Marina Milesi; Virgilio Bonalumi e Stefania Ambrosini - hanno presentato un’interpellanza con richiesta di risposta scritta e la richiesta della convocazione d’urgenza del consiglio comunale.

Il sindaco, Claudio Ferrini, ha già convocato il consiglio comunale per il 1° ottobre e afferma: “E’ tutto falso, denunceremo chi ha architettato queste accuse infamanti”.

L'ESPOSTO IN PROCURA

Secondo il resoconto di Antonella Agosti presentato in Procura “il 21 aprile 2011 la giunta del Comune di Valbrembo, considerata la mia situazione di grave disagio socio-economico, deliberava di concedermi un contributo economico di 1.500 euro, finalizzati al pagamento degli allacciamenti delle utenze dell’appartamento a me assegnato”.

La donna va in municipio a ritirare il mandato di pagamento e qui le viene comunicato che parte di quel contributo dovrà essere restituito all’amministrazione comunale. Dei 1.500 euro versati a suo favore dal Comune di Valbrembo ne restituisce così 1.000.

“Mi veniva spiegato in quell’occasione che i mille euro sarebbero stati necessari per attivare gli allacciamenti delle utenze dell’elettricità e del gas per la fornitura di una cucina usata del valore stimato in euro 700. Nessuna ricevuta mi venne rilasciata a fronte della consegna del denaro, né successivamente mi venne mostrata documentazione attestante l’effettivo impiego del denaro”. Un secondo episodio simile si ripresenta ai primi di febbraio 2012 quando la donna si presenta in banca a riscuotere mille euro erogati a suo favore a dicembre 2011 dal Comune di Valbrembo per far fronte alle spese di affitto. Dei mille euro ricevuti, la donna sostiene di averne consegnati 650 euro in contanti a due assessori comunali “per rimborsare la Caritas degli aiuti che in passato mi aveva concesso. Neppure in questo caso mi veniva rilasciata alcuna ricevuta per il denaro consegnato in contanti, né ho potuto visionare documentazione di sorta circa l’effettiva destinazione dello stesso”.

L'INTERPELLANZA

Il paese non si parla d’altro. I sei consiglieri comunali scrivono nell’interpellanza: “data la gravità dei fatti segnalati e delle responsabilità penali che da essi derivano a seguito di mancate segnalazioni da parte di Pubblici Ufficiali (quali noi consiglieri siamo) ed Ufficiali di polizia giudiziaria (quale è lei) alla autorità giudiziaria competente, siamo pertanto a richiederle esaustiva risposta scritta a tutti i questi proposti, in quanto, come Lei avrà certamente potuto appurare, non riguardano segreti istruttori ma solo richieste di chiarimento in merito alle procedure amministrative che sono in uso nel Comune di Valbrembo”.

LA REPLICA DEL SINDACO

Alle pesanti accuse risponde pacato il sindaco Claudio Ferrini: “Quanto riportato dalla signora Agosti è tutto falso. Abbiamo tutte le ricevute, le testimonianze, le lettere dell’assistente sociale e le pezze giustificative dei contributi a lei elargiti da parte dell’amministrazione comunale e dimostreremo l’infondatezza di queste accuse nel prossimo consiglio comunale. Denunceremo chi ha architettato questa campagna diffamatoria nei confronti dell’amministrazione comunale”.

Commenti

No problem:
Ma dove sta il problema? Il sindaco dimostrerá con i mandati di pagamento le bollette liquidate e la cucina. È tutto si sgonfierá, spero.

Marco:
La modalità seguita non è corretta...è questo il problema, ci sono dei passaggi che sono poco trasparenti. Secondo l’ordinamento italiano il Comune è l’Ente di governo più diretto ed immediato della popolazione e del territorio e rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo. Non si tratta di beneficenza ma di un servizio che il comune eroga ai propri cittadini che sono in difficoltà economica, Il Sindaco Ferrini aveva presentato nel suo programma elettorale un fondo di solidarietà per aiutare famiglie e lavoratori bisognosi dov'è finito?La prossima volta la cucina vi conviene prenderla all'ikea 900euro nuova!

John Locke:
Non penso, fino a prova contraria, che qualcuno in Comune si sia attivato per mangiare qualche centinaio di euro alle spalle della collettività. Mi sembrerebbe una cosa da terzo mondo. Penso invece che ci siano in giro personaggi che considerano dovuti certi contributi e provano pure fastidio se non ricevono in mano quanto avevano preventivato di ricevere. Questa gente dovrebbe invece solo ringraziare, perchè i contributi dati a loro sono tolti ad altri che magari,per grande pudore, si vergognano a chiederli.

Cucina scavolini:
Magari per vendere una cucina di un parente si. Al prossimo consiglio vedremo di chi è questa cucina e se la vendita è stata regolare o una donazione da 700 euro

Simone:
mai contenti, a fossura ti criticano : 500 euro a fondo perduto, una cucina e gli allacciamenti pagati dal Comune. e in più ti denunciano!

Giacomo:
Il probelma è di fondo. Il Comune, in questi periodi di difficoltà, non dovrebbe più fare beneficenza. Se non viene soltanto criticato: è più utile che migliori l'aspetto urbano, illumini le strade tappi le buche, tinteggi le scuole!!

MarcheseDelGrillo:
Hai paura che chi non ha più da mangiare inciampi nelle buche o si offenda per il colore delle scuole ?Quand'è che deve fare assistenza (non beneficenza) il comune ? Quando non ci sono problemi e sono tutti belli paciarotti ? Toglimi una curiosità , alla domenica per caso vai a messa ?

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram