• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
31 Ottobre 2014 - Ultimo aggiornamento: 16:46
Argomento: 
La storia
La bimba di Albino, affetta da una malformazione al cervello, con l'offerta di diecimila euro ricevuta dalla Curva Nord dell’Atalanta ha potuto iniziare una costosa terapia. Commossa la mamma: “Questi tifosi hanno un cuore grande. Aiutateci anche voi”

“Grazie anche agli ultrà,
la mia piccola Elisa
ora inizia a camminare”

Versione stampabileSend by email

Con indosso la sua magliettina nerazzurra è riuscita, aiutata dal papà, a compiere qualche piccolo passo sul palco della Festa della Dea, facendo commuovere tutto il popolo atalantino presente. Elisa Montei è una bimba di cinque anni che abita ad Albino con suoi inseparabili genitori, Eleonora e Andrea. Nata senza problemi di salute, con i suoi tre chili e mezzo di peso, dopo due mesi di vita ebbe un’infezione alle vie urinarie.

Da qui iniziò la sua triste storia: “Elisa aveva difficoltà nelle normali azioni quotidiane, come camminare, mangiare, o anche solo nel mantenere dritta la testa – il racconto di mamma Eleonora-. Fino all’impietosa diagnosi dei medici: malformazione al cervello, nella zona frontale e laterale sinistra, con grave ritardo psicomotorio e ipertonia agli arti. Dopo le prime cure con faticose sedute di fisioterapia, che portarono alcuni progressi, abbiamo scoperto il metodo Adeli: una terapia innovativa adatta a questi tipi di casi”.

Ecco la possibile soluzione ai problemi di Elisa, con il solo difetto di essere troppo costosa per le tasche dei suoi genitori: “Fin da quando abbiamo scoperto la sua malattia, non ci siamo mai fermati un minuto per cercare una via d'uscita. Questo metodo Adeli, che ora c’è anche a Lodi, inizialmente veniva praticato solo in Slovacchia. Ed è carissimo. Allora abbiamo iniziato a cercare aiuto, attraverso le donazioni della gente”.

Sono tante le persone, bergamasche e non, che iniziano ad offrire denaro per la piccola Elisa. Fino al contributo più grosso che arriva due anni fa e porta i colori nerazzurri: “I ragazzi della Curva Nord dell’Atalanta, venuti a conoscenza della nostra storia, organizzarono una cena a base di costine e ci donarono l’intero ricavato della serata. Ben diecimila euro, che ci permisero di partire per la Slovacchia e di iniziare il nostro lungo percorso di terapia”.

Un viaggio che ha portato ulteriori progressi, come si è potuto vedere sul palco della Festa della Dea, con Elisa che inizia a muovere le sue gambe: “Quando siamo saliti su quel palco mi sono commossa. Adesso la nostra gioia riesce almeno a fare qualche passo, sempre aiutata da me o dal suo papà. Per questo ringrazio i ragazzi della Curva Nord, perché hanno davvero un cuore grande. Magari i cattivi, come spesso vengono descritti, fossero tutti così. Mi ha emozionato molto anche la foto che abbiamo fatto con il direttore Marino e la carezza del presidente Percassi alla nostra bimba. Però il traguardo di una vita normale per Elisa è ancora lontano, quindi chiunque voglia aiutarci può farlo attraverso i dati del conto corrente che ci sono sul nostro sito: www.unsognoperelisa.it”.

Commenti

marino foletta:
Ci sono persone in attesa di processo e daspate (quindi stanno scontando una condanna a prescindere dall'esito del processo) , comune di Bergamo e limitrofi negli anni hanno fatto multe per migliaia di euro per i manifesti della festa (non so quanti ne siano stati fatti alle varie feste dall'unità alla lega nord passando per gli alpini), ma in ogni caso vedere camminare Elisa su qul palco vale mille volte le sciocchezze che i delatori possano dire. Avanti così!

lotty:
E' lo stato sociale che dovrebbe farsi carico delle cure per questi bambini. Non intendo offendere nessuno, ma troppe volte questi casi dolorosi vengono strumentalizzati, così la penso io.

lotty:
appunto, lo stato sociale sta scomparendo! Sai quanti bambini e adulti sono nelle stesse condizioni di necessità di terapie? La maggior parte sopporta dignitosamente con grandi sacrifici economici, pensa un po' se tutti si rivolgessero alla beneficenza con tanta pubblicità...io, ripeto io, lo trovo ingiusto e strumentale.

greatguy:
io invece penso che di fronte a certe cose o si sta zitti o si fanno i complimenti! c'è una bimba con dei problemi, c'è qualcuno che si da da fare e fa una donazione, la bimba ne trae beneficio. che altro c'è da aggiungere, solo forza Elisa e bravi ai ragazzi della nord. Al massimo denunci la mancanza dello stato sociale e eviti polemiche con chi INVECE qualcosa di concreto lo ha fatto!!!!

lotty:
no io non faccio complimenti e non sto zitta per far piacere a lei. Vorrei vedere se senza tanta pubblicità sarebbero successe le stesse cose, chi ha bisogno non deve essere costretto a chiedere aiuto agli altri, ormai così va il mondo e i diritti vengono ignorati.

greatguy:
signora mi faccia capire,cosa le da cosi fastidio? a me sembra una buona notizia, una persona con dei problemi ha ricevuto una mano da qualcuno e i suoi problemi ora sono meno pesanti. mi spiece che lei trovi da polemizzare anche su questo,le auguro di trovare serenità

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram