• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
02 Settembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 19:30
Argomento: 
L'interpellanza
Il consigliere della Lista Bettoni Vittorio Milesi chiede chiarimenti al presidente della Provincia Ettore Pirovano in merito allo smaltimento dei rifiuti nell’impianto Rea di Dalmine.

“A Dalmine quanti rifiuti arrivano da fuori provincia?”

Versione stampabileSend by email

Il consigliere della Lista Bettoni Vittorio Milesi chiede chiarimenti al presidente della Provincia Ettore Pirovano in merito allo smaltimento dei rifiuti nell’impianto Rea di Dalmine. Nell’interpellanza presentata in via Tasso Milesi chiede in particolare la provenienza dei rifiuti da altre province. “Considerato che la nuova convenzione sottoscritta dalla Provincia di Bergamo con la REA di Dalmine (deliberazione della Giunta Provinciale nr. 448 del 10 ottobre 2011), ha determinato un considerevole aumento dei costi di smaltimento dei rifiuti solidi urbani (+ 31%) e che a seguito di tale consistente incremento di tariffa, numerosi Comuni di Bergamo non conferiscono più presso l’impianto di Dalmine – si legge nel documento -. Da qualche tempo si stiano diffondendo voci riguardo allo smaltimento presso il predetto impianto di Dalmine di rifiuti provenienti da fuori Regione ed in particolare da Regioni del sud. Vorremmo sapere il numero dei Comuni Bergamaschi che continuano a conferire i loro rifiuti presso l’impianto REA di Dalmine con i relativi quantitativi. Il quantitativo di rifiuti provenienti da Comuni di altre Province della Regione Lombardia suddiviso per le singole Province. Il quantitativo di rifiuti eventualmente provenienti da fuori dal territorio della Regione Lombardia, suddiviso per le singole Province”.

Commenti

franco schietto:
Ringraziamo il mai lavorato Pirovano per la preoccupazione nei confronti della salute del nostro territorio !!! Ma quando mai un amministratore leghista ha tutelato il territorio, basta guardarsi intorno nelle realtà amministrate dalla lega e vedere il disastro fatto. Gli unici che ringraziano e li sostengono sono gli immobiliaristi e impresari edili e adesso si stanno evolvendo e ci stanno fregando con le autostrade -brebemi e l'acqua - uniacque. Ladroni a casa nostra.

presi in giro:
ci conviene a noi star li' a differenziare , per poi vedersi aumentare la tassa rifiuti, per poi respirare i fumi degli inceneritori per i rifiuti che arrivano dagli altri . bravi siamo, forse e' meglio non differenziare niente cosi' portano via i ns rifiuti a bruciarli da un'altra parte.

eimorti:
A quando invece un'interpellanza su tumori e leucemie che stanno mietendo vittime sempre piu' giovani nel territorio Dalminese? Ormai abbiamo perso il conto di amici, parenti e conoscenti che hanno pagato con la vita l'inquinamento di Tenaris, strade e autostrada, inceneritore. E la giunta leghista (fautrice dell'inceneritore su un territorio gia' stra-inquinato!) dopo aver falciato su tutti i servizi sociali ora si fa promotrice persino della nuova autostrada.... ma c'e' ancora qualche centralina a misurare i veleni che respiriamo quotidianamente? O ci voglion tutti morti il prima possibile?

Corrado:
il SINDACO Milesi prima di occuparsi della sua carriera e delle sue diatribe con Pirovano dovrebbe pensare alla voragine che ha creato a San Pellegrino !!! E' propio un vero politico predica bene ma razzola male ... anzi malissimo

Candide Padano:
Cos'è, il signor Milesi vive sulla luna? Non è stato un decreto del governo Monti (mi pare nel gennaio 2012) a permettere alle regioni meridionali di esportare rifiuti in altre regioni senza alcun assenso da parte di queste ultime? Altro che Olanda!! Se si fa un giro a Montichiari, scoprirà che quel che chiede di accertare a Dalmine lì è già realtà. Per far contento De Magistris avete legato le mani alla Regione Lombardia... complimenti! Ma si sa, in nome della "coesione nazionale" questo è un piccolo sacrificio.

PIO:
MA I CARI LEGHISTI CHE AVEVANO FATTO LORO BANDIERA DEI RIFIUTI MERIDIONALI FINGENDO PRESIDI E MANIFESTAZIONI CHE FINE HANNO FATTO

Alberto:
Forse non è compito solamente dei leghisti difendere la salute di chi vive sul proprio territorio. Ma magari mi sbaglio...

campacavallo:
leghisti che si preoccupano della salute del proprio territorio? Scusi ma dove ha visto/letto questa favola? Ma non ha mai girato per i comuni amministrati dalla lega negli ultimi 10-15 anni che scempio hanno fatto del gia' scarso verde? Non per niente i primi sostenitori leghisti sono del settore edile... e dopo cemento, inceneritori, capannoni gogo' ora e' il turno delle autostrade (visto che le case non si vendono piu'...) . Altro che padroni a casa nostra...

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram