BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalmine, via il verde e spazio al commerciale: ci sarà pure un McDrive

La famosa catena fast-food sbarcherà anche nel Dalminese, probabilmente accompagnata da un punto vendita Bricocenter e da un ristorante Roadhouse Grill nella zona vicina alla caserma dei vigili del fuoco tra via Provinciale e via Vailetta. Interessata ai lavori un'intera area di 83mila mq di verde.

Tre nuovi stabili pronti a ospitare altrettante realtà commerciali. E’ quanto sta per sorgere a Dalmine, nella zona vicina alla caserma dei vigili del fuoco tra via Provinciale e via Vailetta, proprio al confine con Lallio.

I lavori, iniziati nel settembre scorso, interessano un’area verde di circa 83.500 mq e vedranno la realizzazione di tre nuovi edifici per un totale di 23.800 mq. Tante le voci che nelle ultime settimane sono corse tra i dalminesi, tutti a chiedersi cosa sarebbe sorto in quell’enorme area: si era pensato a un’enorme Ikea, poi a un centro commerciale in stile Due Torri. Ma alla fine arriverà un McDrive, punto di ristoro della famosa catena di fast-food McDonald’s aperto fino a tarda notte, molto in voga negli States per via della comodità offerta ai clienti di poter acquistare hamburger e patatine direttamente in auto. A far compagnia al McDrive ci saranno un grande punto vendita Bricocenter e un altro ristorante, Roadhouse Grill.

Dall’Amministrazione fanno sapere che di certo non c’è ancora nulla ma le trattative con i tre marchi sono già a buon punto, soprattutto quella con McDonald’s.

I lavori dureranno almeno un paio d’anni e le realtà potrebbero aprire i battenti nel 2015.

Ma a non tutti la novità alla quale Dalmine sta andando incontro piace. Vincenzo Orlando, consigliere comunale di opposizione, ha infatti già reso pubblico il suo malcontento: "Perché la giunta Pdl-Lega aveva promesso all’inizio del mandato che avrebbe puntato sulla riqualificazione degli spazi già esistenti e inutilizzati – spiega Orlando -, ma quando si è trovata nella posizione di dire ‘basta’ all’avanzare del cemento non ha saputo tirarsi indietro. Il Pgt che dava l’ok ai lavori nell’area tra via Provinciale e via Vailetta, infatti, era stato firmato dalla precedente Amministrazione, quella guidata dall’ex sindaco Francesca Bruschi, e ha trovato il fondamentale appoggio anche dall’attuale giunta che, al contrario, avrebbe potuto rivedere il tutto e salvare quell’enormità di verde che invece andrà perso".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cristian

    sapete a chi bisogna consegnare il cv?

  2. Scritto da giovanni pisciotta

    sto cercando lavoro non so quante volte sono passato x sapere a chi dare il c.v. ma uno mi dice che passa qualcuno il mercoledi che ritira curiculum, un altro mi dice che al piu presto metteranno un cartellone che dice come fare, il comune di Dalmine non ne sa niente ditemi come si puo fare x consegnare il c.v. grazie.

  3. Scritto da lori

    dove si puo andare per fare domanda di lavoro?

    1. Scritto da Dounia

      Io volio lavorare

    2. Scritto da samuel

      Cerco lavoro qualsiasi

  4. Scritto da Marta

    Era meglio l’ikea, meno malati di cibo spazzatura e più “sano” arredamento

  5. Scritto da Chaos94ITA

    Posso dire la mia? Dico che ci servono più posti di lavoro era ora che aprissero sto nuovo CC

  6. Scritto da Vincenzo Orlando

    Vincenzo che dici?
    Ho detto che l’area è destinata all’urbanizzazione da prima dell’approvazione del PGT da parte di lega e pdl. Precisazioni si possono leggere sul blog.

    Osservazioni ne ho presentate su altri argomenti, trovi anche quelle sul blog, su questo argomento ed altro no perché avrebbero stravolto il PGT, quindi inutile farlo dalla minoranza.

  7. Scritto da vincenzo che dici?

    Non è vero che l’amministrazione Bruschi ha dato il via a questo intervento, men che meno al pgt che è stato voluto dalla giunta attuale e basta. E’ vero invece che l’area è produttiva e commerciale da sempre, poi bisogna vedere come la gestisci e il piano del commercio e del traffico non pongono limiti, al contrario del centro ” storico”:che osservazioni hai presentato a suo tempo a riguardo? nessuna. vabbè la propaganda elettorale, però…….

    1. Scritto da VINCENZO ORLANDO

      Non ho detto che l’amm Bruschi ha dato il via a questo intervento, ma che già prima del PGT approvato da lega e pdl, quindi con l’amm precedente, nell’area era prevista l’urbanizzazione. Ho presentato osservazioni su altro (se le cerchi sul blog le trovi), su questo le mie osservazioni avrebbero stravolto il PGT, quindi inutile. Dico solo ciò che è vero, senza troppi inutili distinguo, perché altrimenti non si capisce la sostanza.

  8. Scritto da area di poco pregio

    Damine ha 7 parchi , l’area incriminata di certo non ha destinazione a verde, t quello che c’era vicino all’autostrada e al rondò l’amministrazione l’ha venduto rendendolo edificabile. sarebbe già bello se tenessero quello che c’è: tante critiche ai palazzi di 5 piani, ma con il verde intorno e poi in via PIOXII costruiranno villette a tappeto mangiandosi tutto il verde, scelte sbagliate anche se poi qc va fatta: dicano i verdisti con cosa paga le spese il comune se non con gli oneri

  9. Scritto da cosa vi aspettavate?

    cosa vi aspettavate da chi a voluto a Dalmine un inceneritore? che tra l’altro è in causa con la stessa amministrazione leghista che l’ha voluto perchè non vuole pagare le royalties rispettando la convenzione. Grande idea: e i Cividini e i Pellegrini sono ancora li con l’aggiunta di quel genio della Terzi in regione e del facchinetti assessore

  10. Scritto da Michele Russo

    Stefano, il tuo discorso fila ma non tiene conto di una parolina che lega le persone da millenni e che si chiama “Comunità”. Ci ridurremo tutti a non uscire di casa per fare la spesa con l’e-commerce ? Senza rapporti sociali e personali ?? Spero proprio di no ,altrimenti sarà inutile vivere….

  11. Scritto da Facci

    Fortunello chi troverà lavoro in questi posti. Stipendio da fame e lavaggio del cervello. Orgoglioso di essere italiano.

  12. Scritto da Stefano

    Viva i centri commerciali, nel resto del mondo occidentale(ma ormai anche in molti paesi in via di sviluppo) non esiste il piccolo commerciante, e si vive benissimo: prezzi più bassi e maggiore varietà di prodotti. L’obiezione secondo la quale quando saremo vecchi avremo bisogno del negozio sotto casa non tiene conto dello sviluppo di internet e dell’ e-commerce: già oggi molti supermercati consentono di comprare online e farsi portare la spesa comodamente a casa.

    1. Scritto da Paolo

      Ma quali prezzi più bassi?,
      Informati prima di parlare i centri commerciali in Italia sarebbero fuori mercato in quasi tutto il pianeta, quanto alla varietà di prodotti era valida all’inizio oggi quasi tutti propongono poca scelta puntando soprattutto sui loro marchi sviluppati ad hoc, prodotti da aziende estere e impacchettati localmente in modo da poter mettere sulla confezione il luogo più vicino e famigliare alla gente del posto con margini di guadagno astronomici

  13. Scritto da beppe

    un altro centro?bello….praticamente una volta i centri facevano chiudere i negozietti,adesso si chiuderanno tra di loro…già in quello di stezzano non c’è mai nessuno,sono proprio curioso di vedere quante persone frequenteranno questo nuovo mostro…

  14. Scritto da giuseppe

    qualcuno ha fatto i conti di quanto il comune prendera’ dalle concessioni edilizie? ( un obolo assurdo ma che frutta parecchio)

  15. Scritto da ottusi

    l’ottusità al potere. Per far ritornare fertili e agricoli i terreni cementificati ci vogliono centinaia di anni. Ci stiamo giocando il futuro. Il resto sono frottole ( e speculazione … ma tanto mangeremo tutti da Mac Donald’s)

  16. Scritto da car

    Beh noi che abitiamo vicino “ringraziamo” di cuore questa giunta comunale.I disagi per la chiusura di via Vailetta sul Provinciale e per la continua colonna di traffico su via Stella Alpina ci vengono regalati sono per una nuova montagna di cemento? Nessuno ha pensato che a poche centinaia di metri non ci sono capannoni ma civili abitazioni ? Un Mac Drive aperto tutta notte? Complimenti ai nostri amministratori, tanto loro abitano da un’altra parte

  17. Scritto da Peter Anderson

    Non vedo il motivo di tanta polemica. Il luogo non è certo adatto per un parco visto che ha strade battute su ogni lato. Meglio una destinazione commerciale. Mi concentrerei a rendere parco la zona tra la piscine e l’antenna semmai che è raggiungibile a piedi e vicino al centro. E proteggerei la zona lungo il fiume Brembo che è rimasta abbastanza intatta. Farei una continuazione del parco di Treviolo con la cura degli alberi esistenti e piantumazione di nuovi con pista ciclabile, panchine ecc

    1. Scritto da cua de paja

      Scusa ma hai scritto una seie di inesattezze. Dalmine è e fa parte del Plis del Brembo quindi la zona è già di fatto parco . Treviolo NON E’ nel Plis e di fatto la zona del Brembo e lo stesso parco Callioni non sono protetti da vincoli. Se poi tu intendi che devono avere l’aspetto del giardinetto pubblico e del parco giochi per bambini …. bhe allora

      1. Scritto da roberta

        Studia un pò di più. I PLIS per legge non hanno vincoli se non quelli imposti dagli strumenti urbanistici, che possono essere imposti tal quali in altre aree non costituenti PLIS.

        1. Scritto da cua de paja

          Sig.Roberta S cerchi di essere piu obiettiva e leggere senza pregiudizi. Non ho scritto che i vincoli li da il Plis, ma è anche vero che se un comune entra in un Plis ha sicuramente lo scopo di tutelare le aree che da definito e delimitato. I Plis in quanto sovvracomunali hanno strumenti, finanziamenti e accesso a bandi che un singolo comune difficilmente potrà mai avere e quindi se il comune ha intenzione di tutelare un’ area ha tutto l’interesse ad aderire ad un Plis.

  18. Scritto da Olciccio

    Pazzesco, a poche centinaia di metri abbiamo l’ex centro convenienza, a meno di un km il centro le due torri, a una manciata di km curno … ma di quanti centri commerciali abbiamo bisogno?
    Ma soprattutto in 83500 mq = 83,5 ha (leggasi ettari) poteva nascere un bellissimo parco!!!!!!!!!!!!!!!
    Abbiamo bisogno di smog o di “mangiasmog”?

    1. Scritto da paolot

      Forse hai le pile scariche nella calcolatrice, gli ettari sono 8,35

    2. Scritto da gio

      perfettamente d’accordo, però sono 8,35 ha. comunque un’enormità. basta con questi maledetti centri commerciali.non se ne può più

      1. Scritto da Olciccio

        capita anche ai migliori l’errore di calcolo … :)

  19. Scritto da cio

    Benissimo !!! Bellissimo !!! Scelta perfetta, così dopo aver “consumato” fra Dalmine, Osio Sotto, Zingonia si riprendono “le forze” con un bel Mac !!!

  20. Scritto da Roby

    Ma porcamiseria ad un solo km di distanza zona Stezzano ci sono i capannoni dell’ex centro convenienza, tutti chiusi a parte scarpe&scarpe, il bingo e poco altro!!! Ma sistemateli e mettetevi li dentro!!! Che bisogno c’è di portare via quel poco verde che ci rimane!!!

    1. Scritto da Mark

      è sempre e solo una questione di soldi, purtroppo…

  21. Scritto da Cesare

    Chi e’ informato sulla questione , lanci qui una petizione!! Sommergiamoli di firme !!

    https://secure.avaaz.org/it/petition/start_a_petition/?source=splh

  22. Scritto da Luciano Avogadri

    Mi sembra una decisione coraggiosa di operatori che hanno ancora fiducia, e sperano di non incappare nelle solite lungaggini o nelle innumerevoli invenzioni che arriveranno sulla “speculazione edilizia”.
    Auguri di cuore.

  23. Scritto da Telemark

    Basta con i centri. A tutte le persone che si lamentano perchè i piccoli negozi chiudono!!!! Da piccolo commerciante dico: siete voi che frequentate i centri e che li fate prosperare lamentandovi dei figli che ingrassano come Americani e delle mogli che impazziscono per i “fantastici prodotti tutti uguali”. Provate a fare la spesa in negozi sotto casa e vedrete la differenza nella qualità, nel servizio e soprattutto nei prezzi. Chi dice che nei centri si risparmia? Provate

  24. Scritto da Marco

    I dalminesi si lamentano adesso? Quando ci sono le ruspe già pronte? Si lamentano perché si parla di McDonald’s ma dov’erano quando si scriveva e parlava di bosco delle attività? o centro servizi? è mesi che si sa! che si sognavano? alberi e piante?

  25. Scritto da Alberto

    Che schifo questi cementificatori professionisti e politicanti servi che non guardano al di là del loro naso. Ah l’erba verde, grande sconosciuta ai nostri figli e nipoti…

  26. Scritto da Edo

    finalmente un centro commerciale nuovo! ci mancava perche chi si trova lontano da le due torri o auchan o esselunga o iper o coop o pellicano o ipercoop… avrà un entro commerciale più vicino a casa!

  27. Scritto da voltagabbana

    adesso si lamenta ma 5 anni fa
    il consigliere idv sosteneva in coalizione il sindaco Pd, diretto successore della sigra Bruschi e assessore con la sindaca.
    Probabilmente nel coalizzarsi col pd, non sapeva del prg gia’ approvato e da eseguire, diciamo, a sua insaputa…benvenuti in campagna…..elettorale, dove le tutti sono piu’ buoni e attenti al verde, al cittadino , ….ai voti

  28. Scritto da Guli76

    Ma perché… c’era davvero ancora del verde a Dalmine?
    Comunque questo è quello che merita una popolazione abituata a spostarsi solo in macchina, e che ama passare i sabati e le domeniche al centro commerciale, lasciando la moglie dalla parrucchiera e i bambini a pascolare nei fast-food.
    Comunque mi dispiace.

  29. Scritto da Michela

    Basterebbe un po’ di buon senso. Si vuole costruire un nuovo esercizio commerciale? E sia. Ma perché non qualificare una parte dei metri quadrati con un po’ di verde? o come proponeva qui sopra qualcuno con una coltivazione – spaccio di prodotti bio. La mia domanda è retorica, chiaramente, dato che la risposta è nota a tutti ed è “frusciante”

  30. Scritto da Filippo

    Ottusitò e miopia e codardia e preoccupazione solo del vantaggio immediato; queste sono le logiche che sostengono queste decisioni politiche.
    Policiti piccoli e incapaci !

  31. Scritto da Simone

    Eh la Lega. si vede che l’onorevole Invernizzi ed il segretario Belotti hanno cambiato idea sulle superfici commerciali che consumano suolo…! Mi sembrava d’aver letto programmi diversi.

  32. Scritto da anna

    beh, che ce ne saremmo fatti di un polmone verde alle porte dell’autostrada, dell’inceneritore, della dalmine. Che schifo respirare, facciamoci un aerosol di schifezze, molto meglio

  33. Scritto da usiamo il cervello

    Ma La Lega non aveva detto basta ai Supermercati? Ve li ricordate i proclami del Belòt? Ah, già, ma naturalmente è da domani che si comincia, e poi è sempre colpa dell’amministrazione precedente (Lega e PD uniti nello scempio…)

  34. Scritto da stefano

    ce n’era proprio bisogno, se l’area fosse stata più grande magari anche un aeroporto per i cittadini di Dalmine e dintorni che quello di Orio è un pò distante…moriremo di cemento!

  35. Scritto da Willer

    E meno male che qualche hanno fa ci avevano inviato il questionario…”sentite la necessità di un area commerciale ?” naturalmente ed evidentemente ha vinto il no… e come al solito i politicanti insulsi…che ci ritroviamo ( per poco ancora ) taaaaaaaa…eccovi serviti… concessioni e gnam gnam

  36. Scritto da stefanoc

    Un meraviglioso modo di congedarsi dopo un produttivo lustro nel quale abbiamo visto ,sceneggiate tra assessori, promozioni in regione, zero manutenzioni.
    Considerato che non sono stati in grado di pilotare il rinnovo del casello, con ovvi problemi di viabilita’, generare altro traffico ai limiti dello svincolo e veramente assurdo, mi auguro una seria analisi dell’impatto ambientale/viabilistico

  37. Scritto da Simone

    Ma alle 2 torri c’è già un Mc Donalds, io vorrei capire il senso……

  38. Scritto da Anto

    Ha un minimo di idea delle sue idee? Percorra la villa d’Almè Dalmine direzione curno. A un certo punto incotrerà alla sua destra un intero complesso (doveva essere un centro commerciale) totalmente vuoto e abbandonato. Prenda la francesca per farsi un’altra idea di capannoni. E secondo lei un altro centro commerciale produrrà tutto questo lavoro? ementificazione selvaggia= lavoro? Spero non sia un padre di famiglia. Sia lungimirante.

  39. Scritto da Il Conte

    La zona rasa al suolo era occupata da moltissimi alberi centenari, ormai unico “polmone verde” in una zona altamente inquinata mentre poco distanti ci sono parecchi magazzini vuoti. Quando ho visto lo scempio una lacrima è caduta. Questa operazione “commerciale” è un vero e proprio crimine contro il pianeta. I miei ossequi Il Conte (che tra l’altro tra un pò dovrà cercarsi un lavoro….)

  40. Scritto da Marcus

    Sì, sì avanti con centri commerciali, supermercati e McDonald’s che per i vecchi non ci sarà piu’ possibilità di procurarsi il cibo – se non guidi l’auto sei tagliato fuori e i negozi sotto casa spariscono -, i bambini ingrasseranno con il cibo americano gonfiato di grassi e ipercalorico, e chi vi lavorerà resterà senza famiglia perchè dovrà lavorare di notte, di domenca e quando il business lo richiederà.

    1. Scritto da paolot

      Và che non ti obbliga nessuno ad andarci. Se i nostri concittadini non ci andassero, questi posti non esisterebbero. Invece ci sono e proliferano proprio perchè scelti e frequentati dalla gente. Avete voluto il libero mercato? Eccolo.

  41. Scritto da Arabella

    Poi si ritroveranno con gli esercizi chiusi (antegnate ) o dimezzati (iper orio) a farne le spese in primis l’ambiente e diciamolo pure Dalmine non e’ proprio il meglio con le sue lunghissime code a tutte le ore ,l’autostrada,la ternaris,la circonvallazione e chissà quanto estrarranno ancora i maghi dal cilindro ,poi gli operai che verranno essi in cassa. Piantate gli alberi ,fate un giardino botanico dateci aria pura da respirare, bottegai da strapazzo

  42. Scritto da il polemico

    3 realtà che daranno lavoro a diverse persone,tra la costruzione e il funzionamento a pieno regime, e ovviamente all’opposizione queste soluzioni non vanno mai bene,perchè pare che per loro produrre lavoro sia sufficente raccoglierlo dalle piante che verrebbero piantate nell’area verde

    1. Scritto da roberta

      Potremmo riaprire le nostre fabbriche di mine antiuomo a forma d giocattoli per bambini, che ci hanno reso famose fino a pochi anni fa. Sai quanti posti di lavoro si creerebbero?

    2. Scritto da Sergio

      Procura lavoro anche una coltivazione e uno spaccio di ortaggi bio…. Abbiamo proprio bisogno di incrementare il cemento e divorare prodotti McDonald, visto che già conduciamo una vita sana….