BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nave urta la torre del porto di Genova: crollo, 7 morti, dispersi

Una manovra sbagliata e un disastro. E' successo martedì sera poco prima di mezzanotte al porto di Genova quando una nave, forse per via di un motore che si è bloccato, ha colpito una delle torri di controllo facendola crollare.

Più informazioni su

Una manovra sbagliata e un disastro. E’ successo martedì sera poco prima di mezzanotte al porto di Genova quando una nave, forse per via di un motore che si è bloccato, ha colpito una delle torri di controllo facendola crollare e provocando ben 7 morti. Ma ci sono ancora dei dispersi per i quali si teme il peggio. 

La situazione è drammatica.

Tra le vittime dell’incidente un pilota e due militari della capitaneria di porto. Lo ha fatto sapere un ufficiale della capitaneria, il capitano Ponzetto, in un punto stampa al porto. "Due dei morti sono miei colleghi", ha detto. Uno dei due militari dovrebbe essere una donna di circa 30 anni.  

I dispersi vengono cercati sia in acqua sia sotto le macerie della torre piloti distrutta. A questo scopo un pontone meccanizzato è stato portato nella zona della torre crollata. 

Erano da poco passate le 23,30 quando la Jolly Nero, una portacontainer della linea Messina stava lasciando lo scalo guidata da due pilotine.

La nave ha completamente sbagliato manovra ed è di fatto «entrata» dentro la «palazzina piloti», dove operano e vivono molti dei piloti della Capitaneria di Porto di Genova.

In seguito all’urto la torre, alta 54 metri, si è inclinata di 45 gradi e si è abbattuta su una palazzina adiacente, distruggendola completamente. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Discrete

    Bisognerà anche tener conto dell’azione oscillatoria provocata dalla pressione discontinua del vento sulla grande “vela” della sala di controllo traffico e di quanto ciò abbia modificato nel tempo le caratteristiche strutturali della colonna-torre in cemento armato poi sbriciolatasi. Ps. Inoltre questa torre di controllo, dove aveva la scala di sicurezza? Se si fosse sviluppato un incendio interno, come si sarebbero regolati?

  2. Scritto da Concrete

    Guardando in Google maps, si vedono chiare foto della torre in oggetto. Spetta alla Magistratura indagare e sentenziare sul grave fatto. Certo è che la torre era posta a perno di curva nel canale di porto, alla base portante angolare della banchina che è palafittata e travata ma senza controspinte diagonali tra i pilastri. Il cemento armato della torre-ascensore si è tranciato di netto forse perché non spiralato, e la massa aggettante della sala di controllo può aver agito da leva.