BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Oscar Mazzoleni, un sommelier orobico alla corte di Motta

Da grande promessa e solida realtà del mondo enologico lombardo: ecco le parole del 33enne bergamasco che, dopo una carriera ricca di collaborazioni con i migliori ristoranti di Bergamo è approdato al Ristorante Macelleria Motta di Bellinzago.

Il sommelier Oscar Mazzoleni non è più una promessa. È una solida realtà del mondo enologico lombardo. A soli 33 anni, dopo una carriera ricca di collaborazioni con i migliori ristoranti di Bergamo e provincia è approdato al Ristorante Macelleria Motta di Bellinzago. Nelle prossime settimane sarà protagonista con il patron Sergio Motta e lo chef bergamasco Chicco Coria di una serie di serate dedicate alla degustazione e all’enogastronomia nelle province di Bergamo e Milano.

Quando è iniziata la sua passione per il vino?

"La mia passione per il vino è iniziata all’Istituto Alberghiero di San Pellegrino Terme dove, poco più che adolescente e ancora "rigorosamente" astemio, ho capito che la conoscenza del vino era imprescindibile per chiunque volesse lavorare nel mondo della ristorazione di qualità. Ho quindi cominciato a frequentare alcune cantine di degustazione a Bergamo e conosciuto Marco Pezzotta e Franco Fanzaga. Questi due grandi esperti hanno indirizzato i miei primi passi nell’universo poliedrico che circonda il vino. Un po’ alla volta, attraverso degustazioni e letture, visite in aziende e tour enogastronomici, ho cominciato a divertirmi e intrapreso un percorso appassionante che mi ha portato a diventare Sommelier professionista nel 2002".

La sua è una carriera molto ricca. Ha inanellato una serie stupefacente di esperienze come maitre e sommelier nei migliori ristoranti di Bergamo e provincia e non solo. Qual’è stata l’esperienza che ha contribuito di più alla sua maturità professionale?

"Sicuramente la Suvretta House di St. Moritz, in Svizzera, è stata una palestra difficile ma molto proficua. Mentre i cinque anni nel ristorante "stellato" La Lucanda di Osio Sotto hanno concretamente contribuito a lanciarmi e mi hanno aperto molte possibilità".

Dopo tanti obiettivi raggiunti, ti senti più grato alle persone o felice per il tuo successo?

"Io mi sento soprattutto Oscar Mazzoleni. Per la mia volontà e l’impegno che ci metto ad essere un buon sommelier ogni giorno. In ogni caso sono grato a tutti coloro che mi hanno aiutato a crescere".

Nella tappa più recente del tuo percorso arriva Sergio Motta, patron e anima del Ristorante Macelleria Motta. Un’istituzione nel mondo della gastronomia di qualità che ora, insieme a te, sta arricchendo il panorama della ristorazione lombarda con una serie di iniziative a cavallo tra la provincia di Milano e quella di Bergamo. Raccontaci un po’ cosa bolle in pentola?

"L’ineguagliabile esperienza di Sergio Motta nell’"Olimpo" delle carni di alta qualità fanno del Ristorante Macelleria Motta una tappa fondamentale per ogni appassionato di enogastronomia. Da qualche tempo poi abbiamo avviato una felice collaborazione con lo Chef bergamasco Chicco Coria: il 21 settembre saremo suo ospiti al One Restaurant di Dalmine con il celebre bue alla brace cotto allo spiedo abbinato a ottimi vini. Martedì 25 settembre al Ristorante Macelleria Motta sarà protagonista il vino, con una grande degustazione di "Barbareschi i Marchesi di Grésy" abbinati ad un menu di carni eccellenti tra cui l’ormai famoso tris di tartare, presentato a “piramide” e il favoloso costato di bue piemontese alla brace. Quindi a metà ottobre Chicco Coria sarà da noi per cucinare le "frattaglie secondo il suo stile". Questi scambi con l’eccellenza dell’enogastronomia bergamasca sono solo all’inizio. Nella nostra Carta ho inserito molti vini del nostro territorio, primo fra tutti il Moscato di Scanzo, e con Sergio Motta meditiamo di aggiungere al Menu alcuni piatti creati dai migliori Chef bergamaschi".

Maurizio Fiora

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco

    Ciao Oscar complimenti …. L ho sempre pensato che sapevi fate bene il tuo lavoro. Quante mangiate e bevute da porta osio…
    A presto