BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Con la crisi più crimini Tornano a crescere i reati A Bergamo sono 46.956

I dati del Ministero dell'Interno, rielaborati dal Sole 24 Ore, mostrano un'Italia con più furti, borseggi, truffe e rapine. Per quanto riguarda i furti, nel 2011 a Bergamo se ne sono registrati 4.525 con un incremento del 4%.

Dopo tre anni di flessioni in Italia tornano a crescere i reati (+5,4%). Furti in appartamento, borseggi, scippi e rapine nei negozi tornano ad aumentare nelle provincie italiane e raggiungono quota 2milioni e 760mila, delitti spinti in parte dalla crisi economica, tant’è vero che sono proprio i reati di tipo predatorio (furti e microcriminalità) a registrare gli incrementi maggiori anche a due cifre. Attraverso i dati 2011 resi noti dal Ministero dell’Interno, il Sole 24Ore ha stilato una graduatoria delle provincie più colpite: Milano si conferma la provincia più a rischio, mentre Bergamo si piazza al 32° posto. Nella provincia orobica il numero complessivo dei reati nel 2011 è stato di 46.956, per quanto riguarda i furti, a Bergamo si sono registrati 4525 con un incremento del 4%.

Le prime dieci provincie in graduatoria in base all’incidenza dei reati denunciati in rapporto alla popolazione (ogni 100 mila abitanti) sono: Milano, Rimini, Bologna, Torino, Roma, Genova, Prato, Ravenna, Firenze e Imperia. Curiosa la mappatura dei reati in Italia che esce dall’elaborazione de Il Sole 24 Ore: Napoli spicca per l’incidenza di rapine e truffe, Catania per le auto rubate e gli scippi, Lucca, Pisa e Pavia le abitazioni più “visitate”.

La criminalità di strada denota aumenti vistosi: in particolare, i borseggi (“furti con destrezza”) sono stati oltre 134mila, con un aumento del 16%, le rapine quasi 40.600 (interessando non tanto le banche, dove il fenomeno è in calo, bensì gli esercizi commerciali), con un incremento del 20% rispetto al 2010. Sono invece quasi dieci al giorno in più gli scippi (“Furti con strappo”) che sono passati da circa 14.200 a oltre 17.600 (+24%).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Crisi?

    Ma non ha detto oggi Passera che vede l’uscita dalla crisi?

  2. Scritto da Maverik

    65.000 detenuti con solo 45.000 posti in galera

  3. Scritto da Puhibol ?

    Come è possibile ? adesso ci sono la lega ed il pdl, Sui manifesti elettorali avevano messo gli incrociatori ed i paracadutisti. Ah già, c’è la secca del Morla e gli incrociatori sono in difficoltà.

    1. Scritto da poeraITALIA

      lo chieda a PISAPIA santo degli ZINGARI come funziona a MILANO

      1. Scritto da Narno Pinotti

        Da come scrive, par di capire che lei non metta piede a Milano dal maggio 2011 all’incirca. I manifesti elettorali li hanno già tolti da un pezzo, lo sapeva? Ma forse gli ascoltatori di RadioTheFamily4% non sono stati aggiornati.

      2. Scritto da Jumbo

        Esattamente come prima , quando c’erano gli altri

        1. Scritto da mahhh

          come tu hai detto,è tutto uguale a prima.quindi che senso aveva cambiare?

          1. Scritto da Jumbo

            Perchè un sindaco fa altre 3 milioni di cose , queste in genere le fanno le forze dell’ordine , sono i soliti cacciatori di palle che ci hanno impostato una campagna elettorale ben organizzata vendendo idiozie.

  4. Scritto da il polemico

    e pure gli accusati,che grazie al’indulto escono praticamente ancora prima di essere condannati

  5. Scritto da Mauro Invernizzi

    I penalisti ringraziano :-)