BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Partita e processione Quando sacro e profano si mischiano in Coppa

Il punto di Luciano Passirani si ferma sul match che sabato sera ha visto i nerazzurri sfidare il Padova per la Coppa Italia: non si poteva evitare la concomitanza dei due eventi? In passato la cosa era stata gestita diversamente.

Più informazioni su

di Luciano Passirani

L’Atalanta, a differenza dell’anno scorso, dimostra di credere nella Coppa Italia; un poco meno il pubblico più numeroso alla processione per la festa dell’Apparizione della Madonna in Borgo Santa Caterina: 10.000 partecipanti contro non più di 4.000 paganti allo stadio. Molti mi hanno chiesto se non era possibile evitare la concomitanza dei due eventi, il sacro e il profano tanto per intenderci, che secondo il parroco di Santa Caterina era stato nel passato gestito in maniera di non crearla.

Per parlare di calcio non c’è storia per un Padova venuto solo a difendersi. L’Atalanta gioca da Atalanta e il turno di coppa è superato già dopo la prima mezz’ora, il resto è accademia e possesso di palla dei nerazzurri che si sono presentati con un inusuale 3-4-2-1 che ha finalmente permesso di valorizzare il vero talento atalantino, quel Jack Bonaventura che tolto dalle rincorse difensive a cui è costretto in fascia e sistemato assieme a Maxi dietro Denis ha fatto la differenza e non solo per la rete, in splendida rovesciata. Peccato che Colantuono,che di solito non brilla per sensibilità (ma questo per stare in panca può anche essere un pregio), ha pensato di toglierlo dopo sessanta minuti e non vi dico l’espressione del talentino neroazzurro.

Non hanno brillato invece Schelotto e Denis. Il primo mi è sembrato distratto, quasi che l’esordio in Nazionale l’abbia di fatto convinto a sentirsi ristretto in quel di Bergamo, mentre il secondo mi è apparso ancora appesantito e lontano dal bomber a cui ci ha abituato. Allo stato attuale non c’è una alternativa a Denis, quindi dobbiamo solo sperare che si ripeta.

Penso che mai come quest’anno sarà decisivo l’approccio mentale dell’intera rosa, perché l’anno scorso oltre ai meriti di Colantuono, venne come naturale reazione alla penalizzazione di 6 punti. Non dimentichiamo che l’Atalanta parte comunque da -2, certo sta peggio il Siena a -6 e con una rosa non ancora ben definita, ma il nostro calendario iniziale pare meno abbordabile rispetto all’anno scorso dove iniziammo a Genova contro una squadra che poi finì per salvarsi all’ultima di campionato.

Domenica sera la Lazio, che per ora non ha brillato, con un allenatore nuovo con poca conoscenza del calcio italiano, potrebbe rappresentare la migliore occasione per annullare subito l’handicap, prima delle due rischiose trasferte di Cagliari e Milano, sponda rossonera. Fermo restando che trovo assurdo che i campionati partano con la campagna acquisti ancora in corso, tento un’analisi della rosa dell’Atalanta. L’Atalanta è Marino dipendente, nel bene e nel male: non mi riferisco solo al lato squisitamente tecnico perché i recenti accordi commerciali vanno in questa direzione e Bergamo guarda caso si trova ad avere in comune con il Napoli lo stesso sponsor di acque minerali.

Nella provincia di Bergamo sicuramente le numerose aziende che dispongono di sorgenti per lo stesso prodotto non erano attratte ovvero non dispongono dello stesso potere commerciale per competere. Anche questo è un pregio del nuovo direttore generale che merita attenzione per la mirata campagna acquisti, luci e qualche lato oscuro, partendo sempre da due considerazioni: il momento economico e l’aspetto meramente dei risultati, spesso non possono andare a braccetto.

E’ un discorso a cui ho già dedicato qualche pensiero: i Percassi sono intervenuti nel momento più delicato della storia dell’Atalanta. Gli sceicchi, i nuovi ricchi dell’est non fanno per noi, mentre si allontana il nuovo stadio dopo la rottura tra Cividini e il patron nerazzurro. Come ho sempre sostenuto meglio ripensare alla ristrutturazione dell’attuale.

Tornando alla rosa bergamasca, le luci a cui accennavo partono dall’avere già una difesa ampiamente collaudata e persino fin troppo numericamente completa. Con il ritorno definitivo di Stendardo, ragazzo intelligente che ha preferito le certezze bergamasche, disponiamo di tre centrali di livello. A metà campo la conferma di Cigarini – economicamente comunque pesante – ha condizionato altre scelte , perché Cazzola e Kone, ragazzo interessante, non sono la stessa cosa. Qui Marino potrebbe tenere in serbo una valida alternativa (Donati o Migliaccio ?).

Rimango fortemente perplesso per la cessione di Gabbiadini, vuoi perché il ritorno economico non è eclatante, vuoi perché oggi Parra come alternativa a Denis è tutto da valutare e non si conoscono i tempi di rientro di Marilungo. Ma anche qui Marino potrebbe all’ultimo momento stupirci.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fanighot

    “Molti mi hanno chiesto se non era possibile evitare la concomitanza dei due eventi”
    uno… due al massimo?

  2. Scritto da marino foletta

    Sostituire Bonaventura , visto il ruolo che ricopre, su una partita ormai chiusa, ad inizio stagione, con 32 gradi e la prima di campionato domenica prossima non mi è sembrata una mossa sbagliata…. poi se si vuol cercare la polemica a tutti i costi…

    1. Scritto da gianfranco

      xche’ lui si deve sempre adattare a ogni ruolo

    2. Scritto da gianfranco

      giusto il cambio hai ragione ,ma sembra che e’ sempre lui e x primo cambio,: quando prendera’ il ritmo di tutta una partita ??????? anche gli altri giocavano che c’erano 32 gradi .

  3. Scritto da Giovanni

    Son d’accordo con Passirani che iniziare i campionati con il mercato ancora aperto non e’ una cosa intelligente.Per quanto riguarda la concomitanza tra partita e processione,se questo ha creato dei problemi,era sicuramente da spostare la partita non la processione.

  4. Scritto da Marco

    Tutti i bergamaschi sono grati al Sig. Passirani per l’ennesim perla che ci ha regalato!

  5. Scritto da atalantino

    Ormai è evidente che Passirani ha bisogno di un pallottoliere nuovo. 10.000 alla processione secondo nemmeno gli organizzatori, ma solo Passirani. 7/800 secondo la questura (è un modo di dire). Del resto Passirani è quello che ha contato 400 tifosi alla famosa Marcia dell’orgoglio atalantino quando invece erano 4/5000. Dai, però fa caldo e la vista si annebbia…

    1. Scritto da veritas

      Un atalantino che cita la questura……??Guarda che anche l’Eco di Bergamo parla di 10.000. 4/5000 alla marcia dell’orgoglio, siiiiiii annebbiati come Te da Doni. Da ridere

  6. Scritto da il polemico

    sacro e profano….se uno non è credente,va allo stadio,se uno non gli importa nulla del calcio,va alla processione,se uno è credente e tifoso,farà valere quale è più forte la sua fede,se uno non è credente e non tifoso,stava a casa o da altra parte.non vedo nulla da criticare

  7. Scritto da Orobico

    C’era più gente alla processione perchè era gratis

    1. Scritto da fanighot

      Giusto!!!