BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Matusalemme bergamaschi della politica, la classifica In testa c’è Calderoli

“Sono sempre le stesse facce da decenni”. Il modo di dire che prende di mira i politici italiani è quanto mai azzeccato per la classifica stilata nei giorni scorsi dall’onorevole dell’Italia dei Valori Stefano Pedica. Ecco la classifica dei bergamaschi.

“Sono sempre le stesse facce da decenni”. Il modo di dire che prende di mira i politici italiani è quanto mai azzeccato per la classifica stilata nei giorni scorsi dall’onorevole dell’Italia dei Valori Stefano Pedica che ha messo in fila i cento parlamentari “matusalemme” di Camera e Senato. Non una semplice curiosità statistica, ma una petizione per chiedere agli italiani di non votare più i “vecchi nomi” della politica. Il parlamentare con maggiore permanenza alla Camera è Giorgio La Malfa, ex ministro negli anni 80: il suo debutto da onorevole risale al 1972. Al secondo posto Mario Tassone (Udc), deputato da 34 anni e 14 giorni. Quindi Francesco Colucci (PdL) 33 anni e 34 giorni. Al quarto posto, appaiati, due "big": l’attuale presidente della Camera Gianfranco Fini (Fli) e il leader Udc Pier Ferdinando Casini, entrambi con 29 anni e 32 giorni. Al Senato è il presidente della Commissione Antimafia Beppe Pisanu ad essere al primo posto: 38 anni e 128 giorni per lui. Il secondo, Altero Matteoli del Pdl, è staccato di ben 9 anni. E i bergamaschi? Nella classifica di Pedica compaiono i leghisti Roberto Calderoli e Roberto Castelli (residente a Cisano bergamasco). Noi abbiamo classificato anche gli altri, dai più “matusa” ai più giovincelli.

Roberto Calderoli (Lega Nord) 1992

Roberto Castelli (Lega Nord) 1992

Giorgio Jannone (Pdl) 1994

Giacomo Stucchi 1996

Antonio Di Pietro (Idv) 1997

Gregorio Fontana (Pdl) 2001

Valerio Carrara (Coesione nazionale) 2001

Gabriele Cimadoro (Idv) 2001

Carolina Lussana (Lega Nord) 2001

Giovanni Sanga (Pd) 2006

Pierguido Vanalli (Lega Nord) 2006

Nunziante Consiglio (Lega Nord) 2008

Mauro Ceruti (Pd) 2008

Ivan Rota (Idv) 2008

Sergio Piffari (Idv) 2008

Savino Pezzotta (Udc) 2008

Alessandra Gallone (Pdl) 2008

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Il problema è anche quello di un massimo di 3 legislature a prescindere dall’età del candidato. Ma il problema vero è quello dei nominati (in Italia si chiamano “nominati a vita”) che non si sa chi li ha scelti, che curriculm abbiano, dove vanno, cosa vogliono e chi veramente rappresentano. Non esiste un metodo logico democratico di “valutazione”, di “selezione”, di “giudizio” che debba essere, come deve essere, nelle sole mani degli elettori. Solo in questo caso le scelte si possono dire legali e democratiche. Per iniziare a sfondare questo muro di gomma assurdo, candiderei solo ex-sindaci con almeno due mandati effettuati. Basta avvoltoi che escono dal cilindro travestiti da coniglietti.

  2. Scritto da Andrea Marco

    Ho un dubbio: ma Sanga e Misiani non sono onorevoli dal 2006?

    1. Scritto da carlo salvioni

      Esatto

    2. Scritto da roberta

      Esatto, hai ragione tu. Ma la cosa che mi stupisce di più è il dato relativo a Di Pietro: ho approfondito e ho scoperto che, alle prossime elezioni politiche, Di Pietro avrà accumulato ben 11 (undici) anni in Parlamento. Visto che parlano tanto (anche lui e il suo partito) di rinnovamento, di limite ai due mandati, ecc ciò significa che per coerenza tra pensiero e azione lui stesso non si candiderà più? Oppure il suo motto è: “Fate come dico ma non fate come faccio?”

    3. Scritto da Redazione Bergamonews

      E’ vero. Grazie per averci segnalato l’errore. Avevamo perso il biennio 2006/2008 di Prodi.

  3. Scritto da genio

    semplice ! licenziamoli tutti “ma senza vitalizio però ,altrimenti li abbiamo ancora sul groppone a vita” per inadempienza a ruolo, da un semplice referendum, cosi semplice…

    1. Scritto da ANTONIO

      E’ QUESTO E’ IL PROBLEMA PRINCIPE PERCHE QUESTI SIGNORI SI SONO FATTI LEGGI AD PERSONAM PER USCIRE DALLA PORTA E RIENTRARE DALLA FINESTRA.
      BISOGNERA CAMBIARE TUTTO …ALTRO CHE NUOVA LEGGE ELETTORALE …. sempre a loro favore!!!

  4. Scritto da il polemico

    se non ricordo male,jannone nel 1996 non era stato eletto,ma rieletto nel 2001,dall’articolo sembra in carica da 18 anni,in verità sono 13

  5. Scritto da stefanorossi

    unico sistema e’ far capire ai nostri politici che e’ ora di resettare tutto e ricominciare con gente nuova cosi da dare fiducia ai mercati che non si fidano della nostra classe politica tutta gente che non ha mai lavorato veramente!!!!

  6. Scritto da Damiano

    Il problema vero, è che pur mandandoli a casa, si intascheranno un bel po’ di vitalizi e “pensione”… Quindi saranno ancora sul groppone di noi contribuenti. Io direi, anche per il modo sciagurato di come hanno conciato il Paese, che se ne dovrebbero andare a casa senza un euro di pensione. (Addirittura chiederei la restituzione di ciò che hanno immeritatamente intascato fino ad oggi!) E che cominciassero a lavorare. Vedrete che per i loro affari personali, saranno capaci di far tornare i conti e non andare in rovina, come hanno fatto governando e rovinando l’Italia…

  7. Scritto da Mario

    Nel 1992 con “mani pulite” dicevamo le stesse cose, sono passati 20 anni e non è cambiato niente…… anzi.

  8. Scritto da fabiogregorelli

    Dai 20 ai 40 anni che decidono nelle stanze che contano ” PER IL BENE DEL PAESE” per poi scaricare le colpe sempre ad altri ma se alla fine sono sempre loro? Si danno il cambio a fare guardie e ladri, come nel gioco.

  9. Scritto da Pietro

    Si continua a sentir parlare della volontà da parte dei parlamentari di modificare la legge elettorale, ma nessuno di loro osa proporre l’equiparazione della durata in carica dei parlamentari e senatori a quella in vigore per l’elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale. DURATA IN CARICA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE.
    Il sindaco e il consiglio comunale durano in carica per un periodo di cinque anni.
    Chi ha ricoperto per due mandati consecutivi la carica di sindaco non è, allo scadere del secondo mandato, immediatamente rieleggibile alla stessa carica.
    Questa non è UTOPIA ma un metodo semplice per liberarsi dei tanti parassiti citati nell’elenco della lista riportata nell’articolo.

  10. Scritto da dimitri

    il vero problema è uno solo…se si cambia legge elettorale…sono tutti i casi…ma la cosa che piu mi disgusta è vedere la sen. gallone…per quali meriti? a parte fare interventi di cui non sa nulla, pur di apparire….si è solo attaccata al carro…e va dove tira l vento….a casa…vai a lavorare…