BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il talento di Gabbiadini “svenduto” alla Juve: scelta giusta a 21 anni?

Manolo, fresco di esordio in Nazionale dopo una valanga di reti con l'Under, dalla Juventus sarà poi girato in prestito al Bologna, andando così a rinforzare una rivale della Dea per la salvezza. Una cessione azzardata quella della società nerazzurra?

Più informazioni su

Atalanta e Gabbiadini, una storia d’amore mai sbocciata completamente, che si sta già per chiudere del tutto. E in modo prematuro. Questione di ore e Manolo dovrebbe (condizionale sempre d’obbligo in queste situazioni) essere ceduto in comproprietà alla Juventus per una cifra vicina ai tre milioni di euro, oltre alla comproprietà del fantasista australiano James Troisi che sbarcherebbe a Bergamo. Gabbiadini però non si fermerebbe a Torino, perché la dirigenza bianconera intende mandarlo un anno al Bologna per farsi le ossa in Serie A. Andando così, indirettamente, a rinforzare una rivale della Dea nella corsa per la salvezza.

Insomma, un giro che rischia di essere molto rischioso per la squadra nerazzurra. Soprattutto perché perderebbe, in pratica senza mai averlo visto all’opera con una certa continuità, un giocatore considerato da molti come uno degli attaccanti più promettenti del nostro campionato. Poche le presenze dal primo minuto nell’ultimo campionato per il Gabbia, oscurato dalla potenza indiscutibile del Tanque Denis con il quale non ha mai trovato la giusta sintonia in avanti. Non a caso l’unico gol segnato in Serie A con la maglia nerazzurra è quello contro il Bologna, in una gara giocata in coppia con Tiribocchi.

Un ragazzo di soli 20 anni (compirà i 21 il prossimo 26 novembre), Gabbiadini, quindi con ulteriori margini di miglioramento, e fresco di convocazione con esordio nella Nazionale maggiore di Cesare Prandelli, dopo una valanga di reti con la maglia dell’Under 21. E soprattutto un ragazzo bergamasco, di Bolgare, cresciuto nel settore giovanile di Zingonia e da sempre tifoso nerazzurro. Una scelta piuttosto azzardata, quella di lasciarlo partire così.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio

    Siamo alle solite, si parla di futuro, e poi i giovani non giocano mai e alla fine si usano per fare cassa !!! per un Torisi qualunque…
    E ora sotto con Bonaventura ……. magari a fare coppia con il Gabbia a Bologna !

    1. Scritto da BERGHEM

      LA JUVE HA PAGATO 3 MIL ALL’ATALANTA PER LA COMPROPRIETA’ DI GABBIADINI… CIO’ SIGNIFICA CHE SE DOMANI O FINE ANNO GABBIADINI AVRA’ DIMOSTRATO DI ESSERE UN GIOCATORE STREPITOSO E VERRA’ VALUTATO 20 MIL, SIGNIFICA CHE L’ATALANTA POTRA’ VENDERE LA SUA META’ A QUALSIASI SQUADRA O ALLA JUVE… CHE AVREBBE QUIANDI L’INTERO CARTELLINO DI GABBIADINI… NON CREDO SIA UNO SVANTAGGIO PER L’ATALANTA… TUTT’ALTRO!!!!

  2. Scritto da mario 2

    A mio giudizio se non maturera,’ e molto ,rimarra’ una promessa,bene a fatto l’Atalanta a venderlo.

  3. Scritto da Luca

    Diciamo che Destro, insigne, immobile hanno talento e lo hanno dimostrato, gabbiadini a fatto gol solo nell’under 21, al cittadella due anni fa non era titolare fisso, io quest’anno l’ho visto giocare: grande piede sinistra, poca grinta e poca voglia di correre dietro ai difensori..

  4. Scritto da Antonio

    Mi sembra un articolo abbastanza tendenzioso, a partire dal titolo, nel senso che cerca di portare avanti la tesi dell’errore nella vendita del giocatore. Non dimentichiamo che l’eventuale cessione sarebbe in conprorpietà e lo scorso anno non mi pare che nelle sue apparizioni abbia offerto delle prestazioni memorabili, inoltre il suo procuratore continua a rompere che vuole più spazio per il ragazzo, spazio che qui a Bergamo con Denis e il gioco con una punta è difficile per lui da trovare.

    1. Scritto da Marco

      Sottoscrivo quanto scritto da Antonio

  5. Scritto da nino cortesi

    Manolo purtroppo ha limiti di grinta e determinazione. Io avrei aspettato ancora un anno a cederlo. Ma se i tecnici dell’Atalanta l’hanno ceduto, perchè comunque di fatto è più una cessione, vuol dire che sono sicuri di averlo ben soppesato e non hanno fiducia in una sua esplosione. Dice bene Prandelli però, anche senza fare il nome di Gabbiadini. I giovani necessitano di giocare in A con continuità, solo allora li puoi giudicare.

  6. Scritto da considerazione

    Partendo dal fatto che Gabbiadini ha delle grandi potenzialità, bisogna dire che il suo impegno e la grinta messi in campo, quando è stato utilizzato nella scorsa stagione, non sono stati all’altezza della situazione. Probabilmente , sia lui che il suo iperdinamico procuratore, dovrebbero stare di più con i piedi per terra.

  7. Scritto da wal42

    Spiace che un bergamasco sia venduto senza ìvederlo all’opera al Comunale ma…..a 21 anni si potrebbe anche fare un po’ di gavetta…purtroppo Gabbiadini visto come è “sostenuto” dai media e dall’opininone pubblica non ha la pazienza (l’umiltà??) di attendere il suo turno in panchina ma vuole giocare ….tanti auguri di buona fortuna e di non seguire il destino di tanti calciatori che sono andati via giovanissimi da Bg per cercare la gloria e probabilmente ne hanno avuta meno di quanto ce ne si aspettava dalle loro qualità (Orlandini, Donati, Pavan, Cigatini che poi è tornato, Floccari, Morfeo, ….)

    1. Scritto da Squiry

      Umilta’?????nn conosco persona più umile di Manolo,scelta giustissima e un GRANDE imbocca al lupo!!!….forza Gabbia!

    2. Scritto da nino cortesi

      Non nominare il nome di Morfeo invano. E’ stato il più grande giocatore atalantino di tutti i tempi. Meglio anche di Humberto Maschio.

  8. Scritto da S.Lucia

    Tutti felici e contenti. Vendiamo il centravanti dell’under 21 e lo sostituiamo con Facundo Parra. Tutti felici e contenti.

    1. Scritto da sergiopelato

      vorrei ancora precisare (per i meno attenti) che i 2 nuovi arrivati argentini sono definiti (nel loro paese) panchinari di serie b. tra gli addetti ai lavori…se poi ci aggiungiamo che il livello del campionato la’ e’ molto scadente….fate voi.Colantuono e’ un allenatore di prima fascia ma i miracoli penso non rientrino nel suo palmares.

  9. Scritto da Mitiar1

    Avesse pazienza lo si terrebbe, credo. Ma ha il procuratore che si lamenta un giorno su due, lui in campo non mostra chissà quale voglia, i soldi c’e li offrono…. Cosa bisogna fare? Accantonare Denis per fargli spazio? 8/10 milioni di questi tempi sono un’affare. E rimanendo in comproprietà può anche valere di piu’ (o di meno) tra un anno.

  10. Scritto da Geom.

    Direi che si tratta di un’operazione in linea con la storia dell’Atalanta. Certo, la nuova dirigenza era partita con altri propositi, che ora -ma non è la prima volta- vengono accantonati. Di sicuro, se un’operazione del genere fosse stata fatta dai Bortolotti o dai Ruggeri, sarebbero arrivate valanghe di critiche dalla stampa locale e dai tifosi, che invece da tempo si sono allinati a fianco della nuova società. Tempi moderni, calcio moderno.

    1. Scritto da riccardo

      Diciamola tutta per bene. Ai tempi di Bortolotti non esistevano i problemi che si hanno oggi con i procuratori e con i Ruggeri negli ultimi tempi si vendevano anche giocatori che nemmeno avevano esordito in prima squadra (vedi Brivio) e si sono venduti Montolivo e Pazzini nelle condizioni più o meno di Gabbiadini a cifre davero basse in un periodo di cifre altissime e fuori controllo. Oggi in Italia non ci sono soldi per fare mercato calcistico come dimostrano le difficoltà delle big, figuriamoci se si possono proporre prezzi alti per Gabbiadini che, ripeto, non ha dimostrato quasi nulla checché ne dica il marketing che pompa da mane a sera. Sicuri che il giocatore vorrebbe rimanere a BG?

      1. Scritto da nino cortesi

        Complimenti Riccardo lei è un ottimo conoscitore di calcio e non perchè legge la Gazzetta tutti i giorni.

      2. Scritto da veritas

        Riccardo uguale foglio stampa della società Atalanta. Chi vuole capire, capisce

        1. Scritto da riccardo

          ah,ah sei ridicolo in vino veritas, molto vino e poca veritas…

      3. Scritto da Geom.

        Beh, le scuse buone per vendere si trovano sempre. Per ogni giocatore fino ad ora venduto (da Valdes a Padoin) si sono trovati motivi che ne giustificassero la cessione. Tutto legittimo. Rimane il fatto che è un’operazione da Atalanta, come è sempre stato e come sta continuando a succedere. Solo che prima venivano criticate, oggi, invece, si trovano le giustificazioni opportune.

        1. Scritto da riccardo

          mi dici per favore ad oggi quanti e quali titolari sono stati venduti ?
          Pensare di fare mercato senza vendere e creare cash in un periodo del genere vuol dire parlare senza conoscere la situazione.del mercato calcistico italiano Per fare mercato bisogna creare liquidità e l’Atalanta è una delle poche squadre ad avere solo investito sino ad ora. Gabbiadini se ne vuole andare ed è l’occasione giusta per fare liquidità. Peluso per ora è qua (ma è oggettivamente da vendere) e Schelotto quasi certamente resta. E’ una squadra in svendita? A me non pare. Dove sono gli acquisti delle altre squadre? Paragonare l’attuale situazione di mercato con quella dlle proprietà precedenti non è proponibile.

          1. Scritto da Geom.

            Se dobbiamo raccontarci le barzellette, allora dillo subito. L’Atalanta fino ad ora ha solo investito? Quali sono fino ad ora i titiolari venduti? Vabbè, faccio come con i bambini, ripeto la filastrocca: Garycs, Guarente, Valdes, Barreto, Padoin…vai a guardarti quanto è stato incassato con queste vendite, così le barzellette non le racconti più.

          2. Scritto da riccardo

            a bè in effetti di fronte alla tua di barzelletta la mia è un trattato di filosofia…no dico si stava parlando dei titolari dello scorso anno, mi pareva chiaro, peraltro citare nelle errate vendite o svendite che dir si voglia giocatori scarponi come Garycs e Guarente venduti benissimo, direi al meglio, veri affari, e altri venduti altrettanto bene come gli altri citati che volendosene da Bg hanno fatto solo peggio (vedi Barreto e Padoin che sta per essere scaricato dalla Juve dopo nemmeno 6 mesi) la dice lunga su cosa sai di mercato calcistico e di calcio in generale, ma tant’è…

          3. Scritto da nino cortesi

            Guarente è un ottimo giocatore.

          4. Scritto da Geom.

            Il tuo trattato di filosofia, sicuramente si intitiola “Come vendere, incassare un sacco di soldi, e far credere che invece sto investendo”. Rampa fuori dalla crisi, riccardo, non puoi dire che questa società sta solo spendendo, quando ti ho dimostrato quanti soldi sono stati incassati dalle vendite (di titolari, come hai chiesto tu). Se poi i giocatori venduti non fanno fortuna, le vendite restano valide, e i soldi incassati, pure. Ma ci sei o ci fai?

          5. Scritto da riccardo

            caspita, ma è come parlare con i muri…Io mi sono riferito ai titolari dello scorso campionato e al mercato estivo di adesso, tu ti riferisci all’intera gestione Percassi. In questo mercato abbimo comprato Brivio definitivo e riscattato Cazzola e Denis per una cifra complessiva intorno ai 5 milioni di euro, gli altri sono prestiti. Cessioni sino ad ora NESSUNAa, solo prestiti (Minotti, Ardemagni e Colombi). Informati, ci sono gli elenchi completi in rete degli scambi atalantini

  11. Scritto da riccardo

    svenduto? Mah…Guardate che conta anche la volontà del giocatore (e soprattutto del suo procuratore…) non solo la società e poi 2,5 + la comproprietà di un altrettanto giocatore promettente (a leggere certi commenti sembra che i giocatori visionati e richiesti da Marino&c siano dei gormiti, ma naturalmente certi critici, gli stessi che l’anno scorso dicevano cose analoghe di Denis e Max,i la sannopiù lunga…), significa che la valutazione complessiva è sugli 8 milioni che non sono pochi con la crisi economica per un giocatore che non ha dimostrato nulla sino ad ora.

    1. Scritto da Chi sei?

      riccardo tu sei un dipendente atalanta

    2. Scritto da vic

      Il problema non è stabilire se 2.5 milioni + la comproprietà di Troisi (avuto dalla Juve a parametro 0, complimenti a Marotta), siano pochi o tanti, ma stabilire come mai certi giocatori che nell’under 21, erano riserve di Gabbiadini siano stadi venduti a molto di più (Destro e Borini). Bisogna poi considerare che l’età media della squadra e piuttosto alta, contrariamente a quando sventilato inizialmente. Al momento l’organico è inferiore a quello dell’anno scorso, non ci sono Masiello, Padoin e Brighi, sostituiti da Matheu, Kone e Parra? Speriamo bene. Max mi è sempre piaciuto.

      1. Scritto da riccardo

        Guarda che Destro e Borini hanno fatto dei signori campionati nelle rispettive squadre e Destro vedrai come sarà riserva di Gabbiadini alla prossima convocazione della Nazionale. Le valutazioni di mercato le decide appunto il mercato, non le opinioni di parte non baste sul riscontro dei numeri e del campo

        1. Scritto da Furia Rocca

          Abbiamo visto l’altra sera perché Destro costa di piú di Gabbiadini…ma dai sveglia…la differena la fanno sepre gli attributi non la tecnica. Anche Morfeo era tecnicamente un fenomeno, ma di testa? E il numero 27? Con i mezzi che aveva….ma la testa? Si é visto poi…Manolo é un br,avo ragazzo, ma se non ci metterà grinta, fra tre anno lo vedremo al Brescia prennemente in B.

          1. Scritto da nino cortesi

            E’ quella testa che ne fa un fenomeno. Morfeo un mito! Basta sentire frasi come “Io con i tuoi piedi, tu con la mia testa, altro che Nazionale, di più, molto di più!” Il primo tempo di Morfeo in una Udinese-Atalanta dovrebbe servire come testo per insegnare calcio a Coverciano alla Nazionale. Certo se trovi Zaccheroni che lo fa giocare da esterno! E come quel terzinaccio di Colantuono che fa giocare Moralez esterno. Pazzesco.