BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Il Governo cancella i “tribunalini” di Treviglio Clusone e Grumello

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legislativo sulla revisione delle circoscrizioni giudiziarie, che segna così anche la futura chiusura delle sezioni nella nostra provincia. Una decisione attuata per ottenere un abbassamento delle spese.

Le sezioni distaccate dei tribunali di Treviglio, Clusone e Grumello e di tutti gli uffici dei giudici di pace sul nostro territorio sono destinati ad accorparti al tribunale di Bergamo. Il Consiglio dei ministri ha approvato in forma definitiva il testo del decreto legislativo di revisione delle circoscrizioni giudiziarie, che segna così anche la futura chiusura delle sezioni nella nostra provincia. Una decisione già annunciata nei mesi scorsi dal ministero di Giustizia, secondo quella manovra di snellimento per ottenere un abbassamento delle spese e un miglioramento del sistema giudiziario.

Saranno 220 le sedi periferiche che confluiranno nei tribunali provinciali. Una scelta destinata a rivoluzionare il vecchio sistema. Con l’approvazione del decreto legislativo sono soppressi anche 667 uffici dei giudici di pace: nella nostra provincia cancellati quelli di Almenno San Salvatore, Clusone, Grumello, Lovere, Treviglio e Zogno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gio

    si ma se non si licenzia il personale dove e e il risparmio ?? , a mandarli in pensione prima = lo stesso costo di uno stipendio
    cosi si libera un posto e ne asumeranno un altro altri debiti
    bisogna licenziare in tronco 500 000 statali a estrazione solo cosi ci sara un risparmio altrimenti sono gli stessi tagli degli ultimi 30 anni =balle balle balle e debiti e nuove tasse per noi

    1. Scritto da doctor

      ..il turn over dimagrira’ di 500.000 unita’ nel giro di tre o quattro anni il personale della pubblica amministrazione senza gettare sul lastrico 500.000 famiglie con evidenti problemi recessivi e altro…macelleria facile quando si parla di altri…cassa integrazione e rete protettiva del welfare quando di parla di noi…..

  2. Scritto da Narno Pinotti

    Ma i ricorsi e soprattutto i certissimi risarcimenti milionari ai licenziati tirati a sorte chi li paga? Per dimostrare che le idee deficienti costano molto di più che nessuna idea.

  3. Scritto da Mauro Invernizzi

    E gli affitti delle strutture dove li mettete?

  4. Scritto da lera ura

    bene avanti cosi, aspettiamo con ansia la chiusura di altri uffici statali…Riorganizzatevi…

  5. Scritto da ezio bordoni

    Pare che il risparmio nazionale all’anno sia solo di qualche decina di milioni. Se è così spenderemo di più in benzina, per non dire dei costi umani e di tempo oltre ai disagi. Meglio puntare sulla semplificazione dei procedimenti, e delle certificazioni, e sulla digitalizzazione di tutti gli atti, attrezzando adeguatamente uffici e dipendenti