BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Sei Comuni bergamaschi fuori Patto di stabilità Ecco le sanzioni

Almenno San Bartolomeo, Calcinate, Clusone, Fara Gera d'Adda, Urgnano e Villongo. Pesanti le sanzioni che dovranno versare, bloccati i mutui e le assunzioni per il prossimo anno.

Più informazioni su

Sono sei i Comuni bergamaschi che non sono riusciti a rispettare gli obiettivi imposti dal Patto di stabilità nel 2011: Almenno San Bartolomeo, Calcinate, Clusone, Fara Gera d’Adda, Urgano e Villongo. Le sei amministrazioni comunali dei 119 comuni italiani, secondo il censimento ufficiale diffuso con il decreto del Viminale con le sanzioni pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale” di martedì 31 luglio sono in vistoso aumento. In soli dodici mesi si è più che raddoppiato, due volte e mezza, il numero dei comuni: erano 48 nel 2010, sono saliti a 119 nel 2011.

La sanzione è applicata con un taglio al fondo sperimentale di riequilibrio, ma in alcuni casi gli ex trasferimenti vengono addirittura azzerati e il Comune si trova a dover riversare entrate aggiuntive al bilancio dello Stato.

Agli enti inadempienti, oltre alle sanzioni, saranno bloccate le assunzioni e i mutui, mentre le spese correnti dovranno ridursi alla media dell’ultimo triennio e le indennità degli amministratori saranno tagliate del 30%. Vista l’evoluzione della finanza locale e i numeri in gioco, la rilevazione del Viminale lascia presagire che per il prossimo anno prossimo le sanzioni rischiano di essere più pesanti. Il Decreto legge "fiscale" (Dl 16/2012) ha, infatti, eliminato il tetto alle sanzioni, che ancora per il 2011 non potevano superare il 3% delle entrate correnti.

Per il 2013, invece, gli enti inadempienti dovranno pagare l’intera somma dello sforamento, a prescindere dalle dimensioni del proprio bilancio, in modo da blindare i risultati complessivi della finanza pubblica. Di seguito quanto dovranno versare i Comuni orobici che non hanno rispettato il patto di stabilità: Almenno San Bartolomeo dovrà pagare 111.517,00 euro; Calcinate pagherà 185.548,00 di cui 181.442,07 euro come somma da recuperare sui fondi erogati dal Ministero dell’Interno e 4.105,93 euro da versare al Bilancio dello Stato. Clusone avrà una sanzione 228.778,00 euro di cui 203.778,00 al Ministero dell’Interno e 25.076,67 euro da versare al Bilancio dello Stato. Per Fara Gera d’Adda la sanzione ammonta a 121.761,00 euro, mentre per Urgnano la cifra da versare è 198.158,00 euro di cui 178.461,19 euro e 19.696,81 euro al Bilancio dello Stato. Infine Villongo: 123.627,00 euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da dubbio

    Consiglio al sindaco di Urgnano di prendere “ripetizioni” da quelli di Spirano e Cologno al Serio……pardon Spirà e Cologn sol ser

    1. Scritto da mah

      è un consiglio mediocre che le sta dando a questo sindaco se uno deve coppiare che l faccia bene o ne stia fuori se io fossi in lei gli direi d’andare a ripetizione DA LOMBARDO VISTO COME VA IN SICILIA
      PENSO POSSA ESSERE LA STRADA GIUSTA.
      BASTA DUBBI

    2. Scritto da emilio

      a beh se deve prendere ripetizioni da quei signori… andiamo benone!

    3. Scritto da Jeff

      Anche san giovanni bianco non è male ……

      1. Scritto da james

        certo non male…….e magari chiedere ai cocomeri verdi come è stato possibile………..no…..nè?????????????

    4. Scritto da roberta

      Oppure il sindaco di Urgnano (in carica da solo un anno) potrebbe chiedere consigli all’ex vicesindaco di Urgnano, che ha amministrato per i quattro anni precedenti; guardacaso è dello stesso partito dei sindaci di Spirano e di Cologno… ma anche dell’ex di San Giovanni Bianco

      1. Scritto da Un caffè per Efrem

        Da tecnico vi inviterei a leggere i bilanci dei comuni prima di esprimere pareri comunque leciti. Meglio posticipare impegni con i propri fornitori e non pagare il dovuto per centrare il patto o prendersi le responsabilità dello sforamento patto, sanare il pregresso e subire le sanzioni?Non e’ questione di bandiera ma di responsabilità, non sia mai che si torni nei nostri cari paesi ad amministrare per la sola ricerca del consenso, che spesso e volentieri porta a scelte che pregiudicano il futuro dei nostri figli. Chi credete abbia creato l’enorme debito pubblico italiano? E perché ? “Adesso ci tocca fare i compiti mentre qualcuno vorrebbe ancora il carnevale “(rif.)

  2. Scritto da dubito

    A Clusone ne hanno buttati talmente tanti che finalmente vedo una cifra ben investita e ridata allo stato…suggerirei più controlli all’interno del comune di Clusone la gestione dei soldi pubblici in codesto comune è alquanto strana.

    1. Scritto da Dubbio?

      Invece di dubitare, candidati, fatti eleggere, e risolvi i problemi visto che sei tanto bravo a criticare

      1. Scritto da dubito

        non è detto che ci provi…sicuramente gestirei i soldi pubblici in maniera diversa senza sprechi come stanno facendo…e cmq la mia non è una critica…,è un dato di fatto…come dicevo sopra…facciamo fare dei controlli in codesto comune…caro il mio signor…dubbio?

  3. Scritto da Emidio B.

    “Apparentemente” le sanzioni non vanno a colpire i cittadini, ma poi si sa che i tagli dei fondi all’amministrazione si riversano anche sui cittadini, e le categorie più deboli saranno quelle destinate a soffrirne maggiormente… Però, tagliare per tagliare, perche tagliare le indennità degli amministratori solo del 30%? Tanto il loro non è un lavoro, ma è un servizio (“volontariato?”) alla comunità. Se non gli stà bene si accontentino di tornare a fare il loro lavoro che già facevano nella società!

  4. Scritto da A.Z. Bg

    Meglio non pagare i fornitori che sforare l’assuerdo patto di stabilità che impedisce di usare i propri soldi. Tutta la Lombardia versa a roma dai 50 ai 70 miliardi di euri l’anno in più di quanto riceve e poi gli tooca elemosinare per i prorpi bisogni (Ag.delle entrate).La Baviera fa causa a Berlino perchè dà 3,6 miliardi di euri in più di quanto rceve.Certo in Germania non c’è il monarca giorgio da napoli.

  5. Scritto da Pippo

    Ma tutti questi sapientoni perché non si candidano loro alle prossime elezioni, si fanno eleggere, e ci fanno vedere cosa sanno fare.
    Dubito, meglio stare seduti dietro un pc e criticare senza cognizione di causa

  6. Scritto da fabiolino

    Mi viene un dubbio: ma non è che se il vicesindaco di Almenno si fosse dedicato un pò meno ad apparire sui giornali come braccio destro di Gori, e un pò più al proprio comune, forse questa pessima performance gli almennesi se la sarebbero potuta evitare?

    1. Scritto da Mah

      Secondo me il vero problema del vicesindaco di Almenno è che probabilmente è più impegnato nelle vicende Ospedale di BG. Con tutti i casini in cui probabilmente è anche lui coinvolto. Se ho letto bene il suo CV che è disponibile online il tal Frigeni dovrebbe essere coinvolto in qualche modo direttamente con tutti i casini che son successi. O aveva anche lui le fette di salame sugli occhi? A proposito perché nessuno ne parla di sto tizio? Che sia perché parte del nuovo PD che avanza? Protezioni importanti oltre a quelle di Carrara? Nessun giornalista che indaghi seriamente in proposito? Almeno per far chiarezza…

      1. Scritto da fabiolino

        “nuovo che avanza”, nel senso che ci avanza proprio….? allora sono d’accordo

  7. Scritto da nino cortesi

    Si chiamano procedure dell’orrore. E’ come piantare le carote all’incontrario.

  8. Scritto da pro euro

    1) L’Italia chiede “giustamente” comprensione in Europa … ma lo STATO italiano è spietato con i suoi COMUNI.
    2) Assurdo che il precedente Sindaco faccia i DEBITI e il nuovo Sindaco venga multato!

    Solo chi sbaglia deve pagare!!!

  9. Scritto da Giovanni

    abito da poco ad Almenno, è incredibile quanto il sindaco abbia la necessità di apparire ovunque, in qualsiasi iniziativa, in qualsiasi giornalino, in ogni foto pubblica! fosse pensando meno alle apparenze e più ai bilanci economici non saremmo in questa situazione; meditate gente

  10. Scritto da Un Sindaco

    Tutti che criticano senza sapere che fare il sindaco é una grande
    rottura di palle. Servire la cosidetta società civile che altro non è un esercito di infanti incapaci di arrangiarsi su qualsiasi vicenda umana, é una grande rottura di palle.
     C’é chi si lamenta della prostituta fuori casa, chi del bar che fa rumore, chi del fatto che non gli asfalti la strada, che non tagli l’erba del giardino pubblico, che non spali subito la neve dalle strade, che non fai questo al posto di quello. Ti smazzuoli per tutti questi infanti e come premio sei colui che ruba lo stipendio al popolo.
    Ma andate voi ad amministrare la comunità, e vedrete la fine che farete.

    1. Scritto da non sindaco

      nessuno ti obbliga, l’hai voluto tu o, alla peggio, l’ha voluto il tuo partito.
      vai a casa e lascia spazio ai giovani (magari disoccupati).
      buona gornata.

    2. Scritto da Panerai

      E’ inaccettabile che un sindaco scriva certe cose , se per lui amministrare una comunità ( solo il fatto lo dovrebbe gratificare ) è una rottura di palle , forse dovrebbe pensare a chi ha dato il voto alla sua lista , a quei cittadini che hanno creduto in un suo progetto ! Io abito in uno dei sei comuni ” spendaccioni ( Almenno S.B ) e se fosse stato il mio sindaco ( tra l altro il signore si firma anonimamente : un sindaco ) a scrivere una simile stupidata , mi vergognerei veramente per lui ! Un grazie a tutti gli amministratori che ci credeno , malgrado tutto !

    3. Scritto da Panerai

      E’ inaccettabile che un sindaco scriva certe cose , se per lui amministrare una comunità ( solo il fatto lo dovrebbe gratificare ) è una rottura di palle , forse dovrebbe pensare a chi ha dato il voto alla sua lista , a quei cittadini che hanno creduto in un suo progetto ! Io abito in uno dei sei comuni ” spendaccioni ( Almenno S.B ) e se fosse stato il mio sindaco ( tra l altro il signore si firma anonimamente : un sindaco ) a scrivere una simile stupidata , mi vergognerei veramente per lui ! Un grazie a tutti gli amministratori che ci credeno , malgrado tutto !

    4. Scritto da cua de paja

      Scusi ma se trovo una prostituta fuori casa la devo invitare a bere un caffè o rischio una denuncia per adescamento? Se trovo una buca nel marciapiede la posso tappare senza incorrere nella sanzione per lavori abusivi sul suolo pubblico? Ridicolo !!
      Le auguro di non essere eletto alle prossime consultazioni comunali. Lei ne guadagnerà in salute…… i suoi concittadini molto di più.

  11. Scritto da 55 mano

    Finalmente anche in Italia i comuni vengono multati, le leggi non si interpretano, vanno rispettate.
    Non è che qualche Amministrazione Comunale multata abbia volutamente sforato il patto di stabilità, realizzando opere da sfoggiare poi nella campagna elettorale imminente?. VERIFICARE PER CREDERE.
    Gia altri comuni lo hanno fatto senza pagare multe.

  12. Scritto da Calcinatese

    In realtà per quanto ne so, non si tratta di multe, ma si minori trasferimenti da parte dell Stato. Ritengo che Il meccanismo del patto è fondamentalmete ingiusto. In buona sostanza non permette ai comuni di spendere i propri soldi (i soldi dei propri cittadini) accumulati con parsimonia nel corso degli anni, e se ciò non bastasse il denaro devono essere tenuto presso la Banca d’Italia senza percepire alcun interesse, una vera truffa!
    Un comune come Calcinate si trova ha sforare il patto solo per avere usato i propri soldi per pagare la realizzazione delle nuove scuole, quindi in Italia se si è onesti e si pagano i propri debiti usando i propri soldi si vieni penalazzati…

    1. Scritto da 55 mano

      Non era più corretto abbassare le tasse comunali, sapendo che c’era una legge ben precisa (anche se ingiusta ma LEGGE da rispettare) che non si potevano spendere quei soldi?, E’ facile poi per gli amministratori lamentarsi dicendo che le opere servono ai nostri CITTADINI, quando nel contempo si lasciamo andare alla malora altri edifici.