BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Gabbiadini al Bologna, la Dea ora aspetta il suo gioiello australiano

Troisi sbarca a Bergamo con un biglietto da visita non indifferente, che parla di 10 gol e 5 assist con la maglia del Kayserispor. Non male per un centrocampista che, però, dovrà adattarsi al calcio maschio del Bel Paese.

Più informazioni su

Ormai non ci sono più dubbi: Manolo Gabbiadini sarà presto un giocatore del Bologna. La notizia circolava già da settimane ma tra pochissimo diventerà ufficiale. Il giovanissimo attaccante classe 1991 sarà prelevato dalla Juventus in comproprietà dai nerazzurri e subito girato in prestito ai rossoblù. Il diritto di riscatto della seconda metà del cartellino sarà tutto bianconera.

L’avventura del bomber di Bolgare sotto le Mura Venete, dunque, si può dire definitivamente chiusa, tant’è vero che in quel di Sestola, il quartier generale estivo dei bolognesi, Gabbiadini è atteso nelle prossime ore.

In nerazzurro, sempre tramite la Juventus, arriverà invece Jaimes Troisi, l’ala offensiva australiana che i torinesi gireranno al club di Antonio Percassi con la formula della compartecipazione.

Tecnico, veloce e dal gol facile, l’esterno australiano che andrà a rinforzare la rosa di Stefano Colantuono è un talento che, ne siamo certi, non passerà di certo inosservato. Arriva sotto le Mura Venete a fari spenti ma per lo scacchiere nerazzurro sarà una pedina preziosissima. Troisi sbarca a Bergamo con un biglietto da visita non indifferente, che parla di 10 gol e 5 assist con la maglia del Kayserispor. Non male per un centrocampista che, però, dovrà adattarsi al calcio maschio del Bel Paese.

Troisi diventerà così il primo calciatore australiano a giocare nella massima serie con la casacca dell’Atalanta, anche se non sarà il primo australiano in assoluto a indossare la maglia della Dea: prima di lui, infatti, anche Adrian Anthony Madaschi, originario di Perth ma nipote di immigrati bergamaschi, aveva militato nel club orobico. Madaschi era arrivato all’Atalanta a 15 anni nel 1998, ha vinto con la Primavera due Coppe Italia ma non è mai riuscito a esordire in prima squadra.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.