BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Pirovano: “I tagli a Province e Comuni contrari alla buona gestione”

Il presidente della Provincia di Bergamo, Ettore Pirovano, a Verona per una riunione delle province del Nord non manca di esprimere la sua posizione sull'accorpamento degli enti locali.

Più informazioni su

Le Province del Nord si sono riunite lunedì 23 luglio a Verona per elaborare una strategia comune e avviare una discussione sulle nuove disposizioni del Governo che riguardano l’accorpamento delle Province. Una riunione cui hanno partecipato oltre una ventina di presidenti delle Province di Lombardia, Veneto e Piemonte, tre regioni che contano il 32 per cento della popolazione italiana, il 38 cento del Pil nazionale e il 51 dell’export nazionale.

“Le Province hanno espresso grande preoccupazione per le norme in discussione che penalizzano gli enti virtuosi e premiano quelli che non hanno mai provato a risparmiare – spiega il presidente della Provincia di Bergamo Ettore Pirovano di ritorno da Verona -. Tagli che colpisono Province e Comuni e non, ad esempio, gli oltre 3 mila Enti intermedi (consorzi, comunità montane, ecc.) dal cui taglio si potrebbero ottenere risparmi pari a 5 miliardi di euro a fronte dei presunti 60 milioni che deriverebbero dall’eliminazione delle Province. E dico presunti perché gli Uffici studi di Camera e Senato hanno certificato che dall’applicazione della spending review sulle Province non deriva alcun risparmio”.

“Senza contare che gli accorpamenti dovrebbero riguardare anche alcune Regioni considerato che ce ne sono alcune che, con 300 mila abitanti, sono di ben tre volte più piccole della Provincia di Bergamo”, commenta ancora il presidente Pirovano.

“I tagli che stanno operando a Province e Comuni sono esattamente il contrario della buona gestione perché tagliano tutto tranne i costi veri non legati a servizi che finiranno per lievitare insieme alla confusione amministrativa – ribadisce Pirovano -. Le cifre su cui vengono effettuati i tagli non contengono il costo degli stipendi dei dipendenti pubblici delle Province italiane che sono 60 mila, ovvero 1 ogni mille abitanti. Rapporto che scende alla metà nelle Province del Nord e a Bergamo. Siccome i tagli previsti dalla spending review non riguardano il costo del personale, è evidente che per chi come noi ha meno dipendenti i tagli verranno apportati, necessariamente, ai servizi. Ed è una cosa indegna”.

“Nell’incertezza della data del trasferimento di competenze dalle Province ai Comuni i tagli vengono inferti alle Province – continua Pirovano -. Faccio l’esempio degli istituti scolastici che noi dovremo cedere ai Comuni. Siccome ancora non si sa quando avverrà il trasferimento, per garantire l’inizio dell’anno scolastico a settembre, le scuole dovrà aprirle la Provincia. Ma, siccome l’anno scolastico non finisce a dicembre, mi chiedo con quali soldi garantiremo il servizio alle scuole e ai trasporti. E i Comuni (ai quali stanno tagliando il doppio di quello che tagliano alle Provincie) mi chiedo come faranno a gestirli”.

Il Presidente annuncia anche un nuovo incontro, dopo quelli già tenuti in Provincia a Bergamo, al quale verranno invitati i sindaci dei Comuni che, sul loro territorio, ospitano istituti scolastici superiori.

“Lo terremo entro fine luglio, primi d’agosto – precisa – e mi scuso per lo scarso preavviso ma la sensazione è che le cose stiano precipitando. Deve essere chiaro che noi Province non siamo antagonisti o nemici dei Comuni. Siamo sulla stessa sbarca e con loro dobbiamo capire come obbligare il Governo a usare un minimo di buon senso”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luc

    di indegno c’è il tuo stipendio di 9.000 euro mensili! ancora poco e ti mandiamo a casa con tutta la casta.

    1. Scritto da Maximilien

      A casa! Non meritano un trattamento di favore del genere, bisogna mandarli tutti a lavorare fino all’età di Matusalemme.

  2. Scritto da giuan de ghisa

    Il buon senso lo dovevate usare quando eravate al governo. Ora fate come tutti noi :tirate la cinghia e basta privilegi!

  3. Scritto da agnese

    Fanno parte della buona gestione della Provincia anche i 240.000 euro che avete buttato per l’inutile anticipato affitto per i locali della scuola di magistratura?

    1. Scritto da duedipicche

      Ehilà, fenomeno. E’ il TUO governo di massoni che ha fatto buttar via quei soldi.

      1. Scritto da Gerardo

        Ah sì ? Per una vicenda in ballo dal 2003 ? Il governo attuale ha fatto bene, invece di 3 sedi una ! E ne avanza, pedalare ! L’affitto si paga quando c’è un’ipotesi seria e sicura messa per scritto.

  4. Scritto da E' vero

    dovevano tagliarle tutte le province.
    senza continui compromessi con la casta.
    e dovevano anche tagliare ben altri e più grandi parti di casta e burocrazia.
    ma lì ci penserà lo spread, con l’economia bloccata, il lavoro a picco, la gente che finalmente forse si sveglierà.

    1. Scritto da rivoltella

      Un altro genio: ti hanno fatto credere che tagliando le provincie si sarebbero risparmiati soldi. Ma ti hanno nascosto che non vogliono tagliare gli sprechi di sanità (che costa circa l’80% del bilancio regionale) e iniettato i tuoi soldi alle banche (che sono sull’orlo del fallimento da anni).
      Paese di qualunquisti e trinariciuti.

  5. Scritto da MAURIZIO

    Che pena. Paghiamo uno stipendio di 8.565,31 euro/mese, i contributi per il vitalizio dopo solo 5 anni di lavoro burocratico, benefici mensili di ogni genere (telefono, auto, treni, aerei, assicurazioni, cinema, teatri, visite mediche…) per altri 9.000 euro/mese a gente che esprime questo livello di dibattito. Cavaliere del Lavoro Pirovano, lei e i suoi amici non valete i 17.000 euro/mese attuali e i futuri 8/9.000 euro/mese di vitalizio. Non avete idee. Non avete nulla da dire. Avete solo illegittime leggi che vi proteggono.

  6. Scritto da Gianni

    Perchè dovreste tagliare i servizi ? La logica , l’unica che viene compresa da questa gente, è quella di affamare la bestia, perchè è dimostrato che non c’è altra strada . Vedete di semplificare, non assumere personale , segare le consulenze e gli sprechi ecc. Chiudete gli enti inutili ed in perdita. Tirare la cinghia , come facciamo noi.

  7. Scritto da agnese

    X duedipicche
    Ti sei scelto un nome adatto. Io non ho padroni , tanto meno sono servo dei politici.Constato solo i fatti e i fatti dicono che i tuoi padroni ci hanno ridotto in rovina.

  8. Scritto da silvio

    Ma se le Comunità Montane le hanno già spellate…che ciciaret a fà…La guerra dei poveri ma falla tirando fuori le palle e non solo con le parole…