BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tagli dei tribunali e scuola magistratura unica Galizzi: “Va bene così” fotogallery

Adriano Galizzi, per 49 anni a servizio della magistratura di cui sette come Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bergamo, giudica positivamente il taglio delle sedi distaccate del tribunale e la scelta di un'unica sede della scuola di magistratura.

La Giustizia l’ha conosciuta da vicino Adriano Galizzi. Quarantanove anni di servizio e di carriera nella magistratura. Di questi 49, sette lo hanno visto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bergamo. Non ha nostalgia di quel mondo, un tribunale, che è stata per anni la sua casa: “Anche se qualche volta passo a far visita” ammette.

Il ministro della Giustizia ha deciso per la chiusura di molte sedi distaccate dei tribunali. In provincia di Bergamo chiuderanno Clusone, Grumello del Monte e Treviglio. Che cosa ne pensa?

“Che era ora. Finalmente, ora però devono riuscire a portarla a termine questa riforma. Per troppi anni abbiamo detto che quelle sedi distaccate erano dei costi inutili. Io ho partecipato alla prima conferenza nazionale negli Anni Ottanta, quando ministro della Giustizia era Mino Martinazzoli, poi lo sostituì Rognoni. E ricordo benissimo il primo giorno di quella conferenza: l’obiettivo era chiudere oltre cento preture perché troppo costose e inutili”.

Non mi dica: non se ne fece più nulla.

“Esatto. Anzi si costituì un’associazione dei Comuni e da alcuni politici, i radicali, che si opponeva a questa proposta. Il ragionamento che seguivano era il seguente: al Sud una pretura dava da mangiare a circa duecento persone. Infatti, oltre ai dipendenti, si calcolavano i ristoranti, gli alberghi, insomma l’indotto del territorio”.

Bergamo però fece eccezione.

“No. La stessa cosa avvenne con i giudici di pace. C’erano sindaci che si battevano per non perdere la sede, ma non si comprendeva che era una dispersione di denaro pubblico e che non portava nessun vantaggio all’organizzazione della giustizia. Penso alle sedi dei giudici di pace di Zogno e di Almenno: completamente inutili. Anzi, sottraevano personale a Bergamo”.

La nuova mappa delle procure garantirà più ordine?

“Senz’ombra di dubbio. Si deve partire dal presupposto che nelle piccole procure non c’è possibilità di specializzazione per i sostituti procuratori. Per esempio: Bergamo che ha 15 o sedici sostituti, ha sei gruppi specializzati che sanno affrontare le loro procedure con molta competenza. In una procura piccola capita invece che il sostituto debba affrontare una procedura che se gli andrà bene affronterà una seconda volta magari dopo due o tre anni. Non si amministra così la giustizia”.

Serviranno maggiori spazi a Bergamo per ospitare il personale delle tre sedi distaccate?

“No. I magistrati che vanno a Clusone, Treviglio e Grumello hanno già gli uffici a Bergamo. Migliorerà l’organizzazione della giustizia, è solo questione di tempo. Mi spiace solamente per Clusone, il Comune si aveva speso risorse per sistemare la sede, ma mancava il personale e non si poteva continuare così”.

La stessa logica possiamo utilizzarla anche per la Scuola di magistratura?

“Purtroppo sì, è nata con uno spirito sbagliato. Le tre sedi erano inutili, ma servivano per accontentare tutti. Un po’ come i ministeri a Monza: si pensa di mettere quattro scrivanie e di aver aperto un ministero. La realtà è ben diversa. I corsi di magistratura avvengono attualmente a Roma e il fatto che si scelga una sede unica non è solo per risparmiare soldi pubblici, ma anche per dare una certa uniformità nella formazione dei magistrati”.

Che giudizio dà al ministro Severino?

“Il giudizio è ottimo. Sono contento che questa riforma l’abbia fatto un avvocato e non un magistrato, segno che chi opera nella giustizia ha la stessa visione dell’organizzazione della stessa. Ora però il ministro e il governo devono andare fino in fondo, non cedere ai ricatti della politica: devono portare a termine questa riforma”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aldo

    Il Galizzi Adriano, esponente dell’omonima famiglia del mandamento della Val Brembana, era così contrario al taglio dei tribunali che intervenne alla cerimonia d’inaugurazione del nuovo palazzo di giustizia a Clusone: http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/131379/.

  2. Scritto da elisabetta colombo

    Mi permetta di ringraziare lei e tutti i suoi colleghi,costantemente attaccati da alcuni politici,per l ottimo lavoro sampre svolto nonostante le difficolta’ da sempre incontrate grazie elisabetta

  3. Scritto da Pervinca

    Sono in completo disaccordo con Galizzi. Se ci fossero più scuole di magistrati ci sarebbero più opportunità per tutti di intraprendere quella professione. Adesso ci vanno solo “alcuni”.

  4. Scritto da Luigi Potenza

    Galizzi, lo si sa, pur essendo stato un ottimo magistrato, è il vestale di una casta. Si è battuto perchè l’edificio di Piazza Dante un tempo adibito a Pretura, Tribunale, Procura, Ufficiali Giudiziari, fosse lasciato alla sola Procura con infiniti spazi vuoti. Lui è contrario anche alla sede unica della scuola, perchè ritiene che i magistrati non abbiano bisogno di andare a scuola e di aggiornarsi.

    1. Scritto da Pietro

      @Potenza – classico italiano che fa dire alle persone ciò che ha capito lui. Galizzi ha detto che è bene che ci sia un’unica scuola per magistrati per avere una uniformità di formazione e non mi sembra cosa da poco.

  5. Scritto da Luciano Avogadri

    Grazie Galizzi.
    Speriamo solo che ora non riparta il treno dei soliti benaltristi, forma italiana di chi non vuol cambiare nulla.