BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Palazzetto, in settimana Cividini presenta il progetto al Comune

L’imprenditore Paolo Cividini, proprietario di due terzi dell’area, presenterà questa settimana il progetto del nuovo palazzetto dello sport. I tecnici si incontreranno con l’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta e con i funzionari degli uffici comunali.

Ecco il primo passo della Cittadella dello sport a Grumello del Piano. Uno degli obbiettivi di mandato della Giunta Tentorio, arenato a causa della crisi economica che non permette più investimenti milionari, sta per ricevere una scossa. L’imprenditore Paolo Cividini, proprietario di due terzi dell’area, presenterà questa settimana il progetto del nuovo palazzetto dello sport. I tecnici si incontreranno con l’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta e con i funzionari degli uffici comunali per illustrare il disegno di massima dal quale poi pianificare il lavoro. Sarà il primo passo della cittadella dello sport su cui l’amministrazione punta molto: inizialmente l’intenzione era di dare il via all’operazione con la realizzazione del nuovo stadio dell’Atalanta, ma il presidente nerazzurro Antonio Percassi non sembra essere più disposto a investire cifre astronomiche (250 milioni di euro in totale).

Ecco allora farsi avanti Cividini e la sua idea di procedere per lotti partendo proprio dal palazzetto dello sport, un’arena che potrebbe ospitare anche concerti e altre manifestazioni. La realizzazione del nuovo palasport rappresenterebbe il volano per rilanciare l’intera operazione, almeno è questo l’auspicio dell’amministrazione. Cividini è pronto a presentare il progetto, in caso di risposte affermative da parte degli uffici comunali verranno contattate anche le società che potrebbero usufruirne: prima di ogni altra la Foppapedretti, in fase di profondo rinnovamento dopo l’addio dello storico capitano Francesca Piccinini e di Valentina Arrighetti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sandro

    A tutti i veteroambientalisti iperconservatori ricordo che a Bergamo c’è bisogno di un Palazzetto dello Sport perchè quello attuale cade a pezzi, che la costruzione del Palazzetto creerà lavoro e metterà un po’ di soldi in circolazione, che il vostro “no tutto” pregiudiziale ha stancato.

    1. Scritto da Che fenomeno

      L’è riàt ol moderno. Và a scuà ol màr, và.

  2. Scritto da gervasio

    “Di questo passo non avremo più terreno da coltivare e non potremo più produrre il cibo che ci serve”.

    A lanciare il grido d’allarme è Alberto Brivio, presidente di Coldiretti Bergamo, preoccupato per “il consumo scriteriato del suolo agricolo che si sta facendo nella nostra provincia”.
    Le le generazioni future, oltre che beccarsi il debito, dmangeranno cemento.

  3. Scritto da pippo

    i sostenitori del Parco dello Sport hanno tutto il diritto di decantare le lodi di un grande progetto. Mi sia permesso di fargli notare, tuttavia, che il grande progetto è sempre più piccolo. Lo stadio sta scomparendo e temo che spariranno anche i campi sportivi per famiglie e cittadini. Alla fine, costruiremo solo un palazzetto con unn po’ di negozi intorno e tanti parcheggi. Inoltre, raccomenderei ai sostenitori del progetto di non sminuire l’importanza ambientale dell’area del Parco Agricolo. Quei “campi spelacchiati” sono comunque un’area potenzialmente recuperabile e fruibile. Il progetto PLIS serviva proprio a valorizzare un territorio oggi abbandonato, a favore della qualità urbana.

  4. Scritto da cua de paja

    Prima di dire fesserie, forse conviene chiarire cosa è “Il Parco Agricolo”: è un parco regionale che comprende un’estesa area, interessando il territorio di diversi comuni che e ne condividono i vincoli. Nasce con lo scopo di proteggere e valorizzare l’economia agricola di tutelare ambiente e paesaggio, mettendo così a disposizione di milioni di cittadini un polmone verde, un grande patrimonio di natura, storia e cultura. Un esempio è il Parco Agricolo Sud Milano che comprende 61 (sessantuno) comuni. Un parco agricolo non necessariamente deve essere un bosco ma sicuramente non è un colata di cemento chiamata “parco dello sport”. Ora chi è che scrive fesserie?

    1. Scritto da melu87

      i polmoni verdi si chiamano così perchè ci sono gli alberi che danno ossigeno!!

      in quel campo non ci sono alberi quindi zero ossigeno e quindi niente polmone verde…

      1. Scritto da cua de paja

        Scolta Melù, l’enciclopedia del web la dis isse : La fotosintesi clorofilliana è un processo chimico grazie al quale le PIANTE VERDI (e quinidi anche ORTAGGI) e altri organismi producono sostanze organiche – principalmente carboidrati – a partire dall’anidride carbonica atmosferica e dall’acqua metabolica, in presenza di luce solare. Come sottoprodotto della reazione si producono sei molecole di ossigeno, che la pianta libera nell’atmosfera attraverso gli stomi. Capit ades!

        1. Scritto da melu87

          appunto!
          li non c’è niente di tutto ciò!!

          1. Scritto da cua de paja

            Ognuno può avere la proprie rispettabilissieme opinioni … mi spiace solo non poter allegare delle foto che evidenziano lo stato attuale della zona che è bene o male coltivata. Certo non è una zona particolarmente votata alla silvicoltura ma data la natura del terreno è più idonea alle coltivazioni foraggere ed erbacee (sempre vegetali sono) . E chiudo qui la “sterile” discussione

          2. Scritto da luca

            fam capì cosa intendi per colata di cemento??? tu hai la sfera di cristallo per vedere nel futuro?? sai già come sarà il parco dello sport?? oppure hai già visto i piani detatgliati del progetto?? oppure sei solo un pò SACCENTINO!!!

          3. Scritto da cua de paja

            Se non conosco mi informo, leggo e cerco di capire quello che leggo. Se non ho informazioni non scrivo solo per togliere polvere dalla tastiera. Sicuramente non mi permetto di giudicare e dare epiteti a chi scrive qui. No, certo dal progetto il campo da calcio è in erba non sintetica, li il cemento non c’è, come ho fatto notare in altri miei msg da altre parti il cemento c’è e anche tanto. Basta vedere e confrontare i dati di progetto.

          4. Scritto da luca

            MA QUANTE NE SAI !!!!!

  5. Scritto da MAURIZIO

    Oggi un grande parco attrezzato con servizi sociali, ricreativi e sportivi dà sicuramente più utili di uno stadio di calcio, di un discreto centro commerciale di 80mila mq e delle orrende villette a schiera in finta classe A. Il primo fa guadagnare soldi ai Municipi e preserva al salute delle persone. I secondi fanno guadagnare le Spa, i politici, le loro imprese e i loro consulenti prezzolati.

  6. Scritto da Stefano

    Ma smettetela di lamentarvi!!!!!
    Primo, non è un parco verde la Grumellina, secondo adesso avete rotto e lo stadio che già esiste è troppo vicino alle abitazioni per fare concerti e lo stadio nuovo è troppo capitalistico…..
    Proposta del giorno, risparmiamo soldi al Comune, per intervenire economicamente al progetto, bruciamo il Paci Paciana, almeno non rompono i coglioni alle 5 di mattian con della musica del cazzo!!!!!!!!!!

    1. Scritto da caio

      BRAO STEFANO!!!! … TA GHET REZU’!!!!

    2. Scritto da mancio

      Forse hai inquadrato i problemi dello stadio esistente e del nuovo progetto…
      Ma cosa c’entra il Pacì, in zona industriale di Lallio, che vi si può giocare al massimo a calcio a 5…….
      D’altro canto insultare è il miglior modo per nascondere la mancanza di argomentazioni valide

      1. Scritto da Stefano

        L’insulto gratutito purtroppo è l’unico modo per poter far pubblicare delle ragioni che si discostano da quelle dell’editor del sito.
        Solitamente sono meno scurrile e con più argomenti da trattare.
        Il problema Paci sorge nel momento in cui, dato che la storia della nuova cittadella dello sport non è la prima volta che viene trattata, la gente si lamenta per il baccano che lo stadio nuovo potrebbe causare e lamentano un dispendio economico da parte del Comune per il sollazzo di poche persone…..
        Ecco perchè cito il Paci, circolo ristretto a pochi, dove il Comune non solo finanzia ma addirittura ha “regalato” la location, non proprio in zona prettamente industriale oltretutto!!!!

        1. Scritto da Gianluca Breda

          “Ecco perchè cito il Paci, circolo ristretto a pochi, dove il Comune non solo finanzia ma addirittura ha “regalato” la location, non proprio in zona prettamente industriale oltretutto”

          Raramente mi è capitato di leggere tante c… tutte insieme…

  7. Scritto da Giovanni 61

    ma Voi cosa pensate che finalmente a Bergamo avremo il Ns. Stadio, sono 40 anni che ne sento parlare ho vistro progetti su progetti ma non si è mai fatto nulla, Percassi non vende case da più di un’anno ed è in crisi profonda a mio parere, iniziamo a finire l’ospedale che è più importante lasciamo il divertimento ancora qualche anno in sospeso
    bye

  8. Scritto da GP

    ma non l’aveva gia presentato PERCASSI il progetto beh comunque sia è l’ultimo pezzo di polmone verde a BERGAMO
    che schifo sempre interessi e soldi ma cosa se ne fanno non ne hanno abbastanza??
    PERCASSI-CIVIDINI nessuno è eterno

    1. Scritto da Ettore Muti

      Più che un polmone, il bronco di uno che fuma 2 pacchetti di MS al giorno…

    2. Scritto da melu87

      polmone verde un campo spelacchiato??
      ma per favore smettila!
      l’unico polmone verde è il parco dei colli (sai almeno li ci sono gli alberi a differenza del campo della Grumellina)
      Basta dire fesserie!

      1. Scritto da MAURIZIO

        Da secoli appiamo che i campi spelacchiati hanno la possibilità di trasformarsi in verdi prati rigogliosi qualora ricevessero abbondanti e regolari flussi di un elemento naturale chiamato acqua. In più, se negli stessi campi scavassimo buche di forma regolare ed in ciascuna di esse inserissimo una pianta legnosa chiamata albero, otterremmo un ambiente naturale. Un tempo, a nord di Milano, vi erano ettari ed ettari di prati spelacchiati. Oggi, il cosidetto Parco Nord ha, è il caso di dire, radicalmente trasformato quella landa desolata in un luogo utile alla salute dell’uomo e, ancora di più, all’economia dei Municipi che lo gestiscono.

      2. Scritto da gua

        anche un campo spelacchiato è sempre meglio che una colata di cemento

        1. Scritto da Sì stadio

          Ricordo che nemmeno gli agricoltori vogliono il parco agricolo.

          1. Scritto da gianni

            Perché lei è un agricoltore, pensavo un impresario edile….

          2. Scritto da Sì stadio

            Sono uno che si è stancato dei vincoli del parco agricolo che non mi permettono di coltivare cosa più conviene.

          3. Scritto da Tone

            Sì stadio? Ma se non c’è nemmeno, lo stadio! Che barzelletta!

          4. Scritto da no al cemento

            coltivare mariuana è severamente vietato