BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Tutti contro Equitalia: ma è questo il problema?

Johannes Bückler - commentatore del Corriere della Sera - interviene sulla scelta di molti Comuni italiani di lasciare Equitalia. E spiega perché è sbagliato.

I Comuni italiani lasciano Equitalia, la società pubblica italiana incaricata della riscossione nazionale dei tributi. Johannes Bückler, su Corriere della Sera Bergamo, interviene e spiega perché questa scelta è sbagliata.

“Quando arriva una cartella di Equitalia è perché qualcuno non ha fatto il proprio dovere di cittadino” esordisce Bückler. E si lascia Equitalia chi riscuoterà? “Si vogliono creare nuovi duplicati? E chi li paga? I soliti cittadini onesti? Te pareva. Siamo proprio delle belle teste” aggiunge. “In alcuni Stati americani quando il fisco riconosce al contribuente un’effettiva difficoltà a pagare le tasse, chiede per quella tornata un cent per ogni dollaro di tassa evasa. Molto tolleranti quindi con contribuenti che non ce la fanno e poco, ma poco, ma poco, anzi pochissimo con gli altri evasori”.

Bückler rimarca che in un Paese civile dovrebbe fare leggi di questo tipo per la lotta all’evasione e poi osserva l’Italia e evidenzia come da noi tutti si lamentano di pagare le tasse per poi dividersi in due grandi gruppi: chi le paga le tasse e chi non le paga e si lamenta se viene beccato. Proprio su quest’ultima categoria si concentra Bückler. Oltre a lamentarsi questi “cercano di creare consenso intorno a loro (trovandolo persino in partiti politici)”.

Quindi lancia un invito: “Smettiamola di prendercela con chi cerca di riparare ai danni compiuti dagli altri!”. Non poteva mancare un post scriptum: “Ogni anno si evadono 120 miliardi di euro e sarà così anche quest’anno. Rammento che l’Imu sulla prima casa (che si reputa indispensabile per far quadrare i conti) darà un gettito di 3.4 miliardi. E il problema è Equitalia…sic!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ugo

    Ha perfettamente ragione

  2. Scritto da Damiano

    “Quando arriva una cartella di Equitalia è perché qualcuno non ha fatto il proprio dovere di cittadino” Non è sempre così: a mio suocero arrivò l’avviso che non aveva pagato il bollo della moto 3 anni prima. Fortunatamente aveva conservato il tagliando: bastarono due click di computer in 5 secondi, una mattina di permesso a casa dal lavoro, per farsi dire: “Ah sì, è vero, ha ragione il bollo risulta pagato!!!” E allora, cosa cacchio gli avete mandato a fare, l’avviso che non l’aveva pagato tre anni prima??? Ci hanno provato: se non avesse conservato il tagliando, passava per evasore…

    1. Scritto da Schinderhannes

      Nel suo caso Equitalia non ha colpe essendo solo un’agenzia di riscossione. L’Agente della Riscossione svolge solo un ruolo di mero intermediario tra l’ENTE Impositore ed il Debitore ed agisce sulla base delle indicazioni ricevute dallo stesso ENTE, nel rispetto della normativa vigente. Lei avrebbe dovuto nel caso rivolgersi all’ente impositore per richiedere informazioni e contestare eventualmente l’inserimento nel ruolo che ha generato la cartella esattoriale. Furono proprio questa serie smisurata di errori da parte soprattutto dei comuni a spingere Equitalia a uscire dai bandi di concorso. La legge lo prevedeva dal 1 gennaio 2012, ma furono proprio i comuni a chiedere una proroga.

      1. Scritto da Damiano

        Sì, ma… al di là dei personaggi in gioco, è una tentata truffa ai danni del cittadino… Non ci piove. Se in cinque secondi, con due click, dal loro terminale mi hanno saputo dar ragione, e confermare che il bollo era stato pagato… Pensi se mio suocero non avesse conservato il bollo: pagato una volta, pagato la seconda con multa, e bollato come evasore. Apperò, che bello Stato…

  3. Scritto da gri

    le colpe sono di chi fa la LEGGE e chi sono….PD,PDL,UDC,FLI che sostengono il governo attuale ….

    1. Scritto da Baloo

      Le leggi in vigore le hanno fatte (e recentemente) la LEGA e il PDL .Monti non ha fatto nessuna legge , ma sicuramente lo sai , solo che ci provi. In perfetto stile lega.

      1. Scritto da gri

        oramai la lega lè nada con tutta la spazzatura dell PD caro compagno…
        rassegnati che il futuro non è ROSSO come t aspetti …pensa alle stelle …

    2. Scritto da zio gio

      No caro Gri, sono regole che esistono da vari anni e non da qualche mese……. quindi non ci vuole molto a capire che sono norme legiferate dai precedenti governi. Intelligenti pauca!!!!

  4. Scritto da zio gio

    prendersela con Equitalia è veramente ridicolo, essa svolge semplicemente un ruolo di riscossione; è stata voluta dal legislatore (leggasi partiti politici & C) per far cassa in modo deciso….
    E’ demenziale presentarsi a Equitalia con il fucile, bisogna andare alla Camera dei Deputati o del Senato a farsi sentire…….

  5. Scritto da anna

    equitalia cerchera’ anche gli evasori, ma spesso sbaglia.. emette cartelle che devono essere pagate subito, anche se sono sbagliate… e poi quando ce li tornano i soldi??
    Le persone di quitalia che sbagliano, dovrebbero essere denunciate e pagare con i loro soldi x gli errori che fanno!!!!!!!!!!!!!!!!
    Almeno cosi provano cosa si prova dall’altra parte, quando trovi davanti un incompetente

    1. Scritto da Albert

      Anna, quella che sbaglia sei tu. Le cartelle equitalia le stampa e le spedisce (questo è il suo compito per legge). Chi le crea sono gli enti impositori (comuni, consorzi, stato. regioni ecc.) che poi le consegnano ad equitalia. Quindi le cartelle pazze le creano, se le creano, tali enti. Inoltre le azioni esecutive che equitalia pone in essere, sono stabilite da leggi (votate in parlamento) fatte dai nostri parlamentari che poi vanno in TV a dire che equitalia affama gli italiani. Quindi INFORMATEVI E RIFLETTETE !!!

      .

    2. Scritto da Schinderhannes

      Equitalia non emette cartelle errate (che la limite emette l’ente impositore (es. il comune, la provincia, la regione, l’Inps o quant’altro . E tantomeno cerca evasori.

  6. Scritto da Carlo Pezzottac

    Personalmente, non ho nulla contro EQUITALIA. A me, non ha mai chiesto nulla di più del dovuto. Se qualcuno ha dei problemi con loro, significa che non hanno la coscienza tranquilla, come cittadini che pretendono solo, senza dare il dovuto.

  7. Scritto da MAURIZIO

    1. Abbiamo ricevuto due cartelle di iniquitalia pur avendo pagato le tasse regolarmente. Per far riconoscere le nostre ragioni abbiamo speso 70.000 euro di avvocato, NON RIMBORSATI da disequitalia, e aspettato più di 9 anni. Quindi smettetela di blaterare sulla santità dello stato e di disequitalia 2. se non distinguiamo chi non paga perchè non ce la fa da chi non paga per comprarsi la villa non c’è nessuna discussione possibile. Volete il fisco all’americana? Bene, vogliamo lo stato, la burocrazia, i tribunali, i prezzi della benzina, delle automobili, dei servizi, le opportunità di lavoro e il mercato del lavoro americani.

  8. Scritto da Max

    Al di la di torti e delle ragioni, la cosa piu assurda è prendersela con i dipendenti di Equitalia. A voi piacerebbe essere sequestrati da un cliente perchè dell’azienda in cui lavorate, non lo ha soddisfatto?

    1. Scritto da TEO

      Non è giusto prendersela con i dipendenti, ma le attuali norme sono state studiate da Tremonti in accordo con Befera, è con loro che dobbiamo prendercela

  9. Scritto da paolo

    non e’ il caso di disturbare professoroni per affermare che le tasse vanno pagate.Penso che il problema sia innanzitutto di non vedersi decurtare del 60% il frutto del proprio impegno e del proprio lavoro.Ricordo che le tasse,per chi non evade,in Italia sono pari al doppio e piu’ rispetto a tutti i Paesi del mondo.In secondo luogo sono le battute ironiche del sig. Befera(40.000 euro al mese di soldi pubblici)su situazioni drammatiche che non meritano affatto le battutte di uno sciocco. Si spera che un esattore diverso,gia’ come lo e’ sempre stato nel passato,sia piu’ serio e sensibile ai problemi dei cittadini.

  10. Scritto da AURELIO

    un problema di una fascia limitata della popolazione coinvolta in errori che va comunque tutelata e le strade da percorrere ci sono ,si solleva un polverone ad uso e consumo di chi non vuole contribuire in modo equo e proporzionale all’equilibrio di gestione della comunità statale….