BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Doni: “Temevo i ladri, non volevo scappare”

L'ex capitano atalantino incontra in carcere l'assessore regionale Daniele Belotti e l'onorevole Giacomo Stucchi. "Emozionato ma è trattato bene, anche se non può leggere giornali o vedere la televisione".

Più informazioni su

La barba incolta, i pantaloni della tuta che indossava lunedì, quando la polizia è andata a prenderlo di notte, un giubbetto di pelle per ripararsi da un po’ di freddo e le lacrime agli occhi, non appena ha visto il tifoso “numero uno” che gli andava incontro. Cristiano Doni ha incontrato nel pomeriggio del 22 dicembre nel carcere di Cremona l’assessore regionale Daniele Belotti e il deputato leghista Giacomo Stucchi. Non ha trattenuto il pianto, ha parlato tra l’emozionato e l’impaurito.

Aveva voglia di parlare, tra una domanda e l’altra dei due politici, in una sala affiancata alla sua cella, dopo quattro giorni passati senza poter vedere l’avvocato, senza poter leggere un giornale o ascoltare la radio. Borse agli occhi per Cristiano Doni, preoccupato soprattutto della reazione della città di Bergamo e della tifoseria, che da un decennio l’avevano adottato. Il desiderio di spiegare: “Mi hanno riferito quanto scritto sui giornali: che sarei scappato. Non è vero. Ho temuto che fossero i ladri, allora ho provato ad allontanarmi dall’ingresso. Ero in pigiama. Ma non volevo di certo scappare”. Queste le parole di Doni riferite dal deputato Stucchi.

“E’ preoccupato di quel che possono pensare i tifosi, è preoccupato per la moglie e la figlia – aggiunge Stucchi -. Non vogliamo in nessun modo scendere nel merito delle indagini, ci basta capire come sta. E’ trattato molto bene, come tutti gli altri detenuti, in una struttura che risulta davvero ben gestita. Al di là di questo, però, il morale di Cristiano Doni è sotto un treno. Sono gli altri detenuti, che possono vedere la televisione o ascoltare la radio, che gli raccontano cosa sta accadendo fuori, cosa si dice di lui”. E’ proprio tramite gli altri detenuti che l’ex capitano ha potuto sapere come andava la partita dell’Atalanta con il Cesena, nella serata di mercoledì. Si è anche lasciato andare ad una battuta: “Dovevo andare io in galera perché segnasse Peluso”. Per Doni è stata l’occasione di incontrare persone note. Per i due politici sensazioni strane. “Non facile, non facile vederlo così”, secondo Stucchi e Belotti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Manuela

    Ah. Ah. Ah. Paura dei ladri, lui ha sottratto la verità e ha paura dei suoi simili. Belotti e compare….siete Stucchevoli….

  2. Scritto da ureidacan

    Non erano i ladri, ma le guardie!

  3. Scritto da Sil

    ma perchè i ladri arrivano col lampeggiante?….

  4. Scritto da wies

    povero Doni,così provato!Certo che la paura,dei ladri, (dice lui…) fa brutti scherzi,e se lui ha paura chissà noi.
    auguri

  5. Scritto da gigi

    Stucchi, sei un parlamentare!!! Perchè non vai a trovare anche Filippo Carobbio. Forse perchè non è un giocatore dell’Atalanta. Ma è bergamasco doc, molto più di Doni. Cosa non si fa per una manciata di voti. Vergogna.

    1. Scritto da Jack per Gigi

      Gigi vergognati tu. Belotti e Stucchi hanno incontrato anche Carobbio non solo Doni e hanno parlato pure con altri detenuti non calciatori. Se poi ti informi su internet vedi che lo Stucchi come componente del Consiglio Europeo ha presentato una relazione dopo aver visitato le prigioni di più di 20 stati dell’Europa. Leggi prima di parlare. Ma forse degli sfigati che ha incontrato nelle varie carceri non fregava nulla a nessuno e nessun giornalista lo ha chiamato.

    2. Scritto da anna

      prima di scrivere cavolate leggi e informati…

  6. Scritto da ciocca

    w la dea, Doni non lo capiro’ mai ,sono vicino alla figlia.

  7. Scritto da Padano vero

    Ma dai Giacomo,Daniele che fate?Con tutto il rispetto per il sig.Doni il quale puo’ procurarsi il miglior avvocato sulla piazza nazionale ,con tutti i problemi che hanno le famiglie padane normali voi non avete di meglio da fare?Avete parlato almeno con gli altri detenuti o vi siete limitati all’ex capitano?Se è uno spot elettorale è pessimo.

    1. Scritto da Manuela

      Se non hai capito bene di cosa si sta parlando, zitto. Non è questione di invidia, la questione è più complessa.

      1. Scritto da padano vero

        Cara Manuela non sei tu che devi dirmi di stare zitto,io parla e scrivo fin che voglio.Al contrario di te credo in una Padania libera ed indipendente,Liberta’ vuo dire parlare e scrivere cara manuela,ma tu forse ti ispiri a governi nord-coreani.Buon anno

    2. Scritto da Giuseppe

      A te che te ne frega se Giacomo e Daniele, sono andati
      a trovare Doni, non sarai mica invidioso ?

  8. Scritto da 081

    …povere stelle!!!

  9. Scritto da Pasquale Lancia

    L’assessore Belotti non è il tifoso numero 1 dell’Atalanta e non appare, da quello che dice, neanche un politico di cui andare fieri. I veri tifosi dell’Atalanta, questi sì tutti insieme numeri 1, sono quelli che da Bergamo a Sulmona, la mia città, fino ad altre parti d’Italia, amano questa squadra e sono preoccupati per lei. Rispettano il dramma umano di Doni in attesa degli sviluppi della vicenda giudiziaria, ma devono essere pronti a condannarne pubblicamente il comportamento se la sua colpevolezza dovesse venire accertata dalla magistratura. Perché il danno alla città di Bergamo, all’ATALANTA e ai suoi tifosi sarebbe gravissimo e irreparabile.

  10. Scritto da Marco

    Io penso che la lega si debba sbarazzare velocemente di queste elemento. Con tutte le cose costruttive che un uomo politico sarebbe chiamato a fare questo individuo va a trovare un miliardario probabile delinquente in carcere?? Io non ho parole. In merito al discorso dei ladri si denota l’abitudine cronica di quel giocaore lì a raccontar palle in continuazione

    1. Scritto da il polemico

      beh,non so se è peggio lui,o quel precedente presidente del consiglio,che dopo avere ottenuto l’estradizione dagli stati uniti di una assassina,la fa portare a roma con l’areo di stato,oppure che da tutti gli onori,compreso villa e scorta,ad un noto esponente del terrorismo curdo…siamo alla fine anni 90

  11. Scritto da roberto

    paura dei ladri??? ma non si era detto che addirittura l’arresto era stato troppo eclatante con poliziotti che indossavano la famosa pettorina POLIZIA…??? mi sembra anche questa trovata di Doni assolutamente fuori luogo e campata per aria … potrà mai iniziare a parlare da uomo responsabile e maturo piuttosto che continuare a preferire queste tesi difensive senz alcun capo nè coda??

  12. Scritto da Luca Lazzaretti

    Mi son sempre chiesto il perchè i politici della cosidetta “destra”vanno in carcere a trovare solo i personaggi più o meno famosi..mai una volta che vadano quando ci sono i casi tipo Cucchi,Uva o altri…e mai che commentino questi fatti gravissimi..ci si chiede se in Italia l’Habeas Corpus è in vigore solo per alcuni…mah!

  13. Scritto da Tommy

    Al di la delle indagini, Stucchi non parlare di carcerati trattati bene quando il problema numero 1 e’ il sovraffollamento!che i politici controllino la situazione delle carceri ogni mese e non solo quando in gabbia c’e’ um giocatore!rispetto per chi e’ stato privato della liberta’ ma sopratutto della dignita!

    1. Scritto da il polemico

      ma se c’è sovraffollamento,di chi è la colpa?’del cittadino che rispetta le regole,o del cittadino che delinque e che poi si lamenta pure se gli tocca stare stretto?

      1. Scritto da rello76

        X Polemico : Commento vergonoso … mi stupisco che te lo abbiano pubblicato … complimenti alla redazione. Cosa vogliamo fare, giustiziarli tutti ? Ma ti rendi conto? Un cittadino disonesto paga con il carcere. Ma non deve pagare vivendo anni in 5 in una cella da 2 senza i minimi requisiti di igene e rispetto umano. Altrimenti a sto punto giustiziamoli che il problema si risolve.

  14. Scritto da roberta

    Scusate, ma quindi durante l’incontro Belotti e Stucchi hanno parlato con Doni di elementi riguardanti il momento dell’arresto? Ma non si era detto (proprio in un articolo qui su BGnews) che in occasione delle visite degli istituzionali è vietato parlare di questi argomenti, ma solo delle condizioni di salute? Per favore, c’è qualche avvocato od esperto di diritto che può chiarirmi le idee e, se del caso, intervenire? Grazie.

  15. Scritto da Aladin

    Il tifoso numero uno?? : ma per piacere, attenti ai termini. La coppia leghista ci rimanga pure in carcere.
    Poi, che il doni volesse scappare o meno non me ne importa una cippa. Non è questo il punto. Spero solo che domani all’interrogatorio, per una volta, si comporti da uomo.

    1. Scritto da miky

      hai ragione.

  16. Scritto da alberico

    Una domanda per l’assessore Belotti: ha fatto altre visite in carcere? Mi pare che sia un diritto dei consiglieri regionali quello di visitare le carceri della regione per rendersi conto del loro stato e di come vivono i carcerati.
    Se la visita è stata fatta solo per parlare con Doni poteva risparmiarsela. Se invece è una delle tante che Lei fa periodicamente allora tanto di cappello.