BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anesa, volto unico del M5S in Consiglio: “Gori non sminuisca il nostro 4%”

Tra gli ex candidati sindaci in aula anche Nicholas Anesa, candidato del Movimento 5 Stelle che conquista il seggio avendo raggiunto quasi il 4%

Non dimentichiamoci di Nicholas Anesa. A fine elezioni e alla (quasi) vigilia dell’insediamento del nuovo Consiglio comunale, tra gli ex candidati sindaci in aula non troviamo solo Giacomo Stucchi, ma anche Anesa, candidato del Movimento 5 Stelle che conquista il seggio avendo raggiunto quasi il 4%.

Nicholas Anesa

Unico della sua lista, il proprietario della pasticciera vegana Dolcevita, è pronto a prendere il posto che nella scorsa amministrazione era di Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni.

“Questi mesi sono stati una bella esperienza, anche se molto faticosi visto che io passavo dal niente al tutto e mi dovevo confrontare contro esperti in politica, mentre fino a ieri facevo il caffè. Credo che la mia forza sia quella di essere sempre stato capace di ‘buttarla sul ridere’, mostrando la mia onestà e semplicità: in tanti, infatti, mi hanno detto di aver apprezzato il mio modo di parlare terra a terra. Ora si entra in gioco e, per quanto riguarda la nostra opposizione, dobbiamo ripartire da zero, applicando delle migliorie: l’attività di Fabio (Gregorelli) le cui idee non mi sono sembrate mai molto chiare, ci ha molto penalizzato nel nostro mandato, soffocando la competenza e bravura di Zenoni che di certo mi aiuterà nei prossimi anni, grazie alla sua esperienza. Siamo felici del risultato ottenuto, certo, l’ambizione massima era arrivare alle due cifre, ma era davvero un sogno. È una grande conquista essere entrati in Consiglio, visto che siamo partiti danneggiati da persone deleterie che, fortunatamente, se ne sono andate”.

Autoanalisi e anche uscire dalle mura della sala consigliare per portare il Movimento in associazioni e realtà bergamasche: queste le promesse che lei e la sua squadra vi siete fatti per i prossimi cinque anni. Ma vi ripromettete anche di fare opposizione a Giorgio Gori se sarà necessario? 

“Spingerò affinché una delle nostre ‘quote rosa’ entri nel Consiglio delle donne e per entrare a far parte delle tante associazioni e reti sociali presenti sul territorio. I nostri cavalli di battaglia su cui insisteremo saranno un turismo sostenibile, mobilità, verde, commercio, e partecipazione. E di certo non lasceremo perdere la questione del Parcheggio della Fara: per me è una gran porcata. A Gori gliel’ho sempre detto e non cambio idea. Si tratta di un progetto stupido, non trasparente e di cui non si sa niente”.

Per Anesa il parcheggio della Fara è l’esempio principe del fallimento di Gori per quanto riguarda la partecipazione: “Gori ha avuto delle serie mancanze in questi cinque anni e vincere al primo turno non significa necessariamente che lui sia il più bravo in assoluto, dopotutto non aveva seri avversari e lo dico anche di me stesso. Spero si renda conto che ci sono delle criticità che sono da affrontare: perché anche se ha raggiunto un  risultato incredibile non significa che non esistano. Deve imparare ad ascoltare: in questi cinque anni ha sempre fatto il sindaco che decide e che, quindi, fa senza confrontarsi con nessuno. Spero che ci sia un cambiamento nel suo modo di affrontare i tanti progetti da fare come per Porta Sud, per cui deve ascoltare anche i desideri dei cittadini e non solo degli imprenditori”.

Più ascolto della cittadinanza, certo, ma anche dei consiglieri di minoranza, specialmente di quelli considerati “meno” perché entrati in Consiglio con pochi voti.

“Vorrei che non venisse sminuito il nostro non quasi 4%, perché, dopotutto, tra gli assessori in Giunta c’è anche chi ha preso, in percentuale, meno di alcuni nostri candidati. La nostra carta vincente sarà la libertà: il bello di essere soli è che non dobbiamo favori a nessuno. Quello che dovremo dire, quindi, lo diremo, senza peli sulla lingua”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.