BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Conti Saldature, nuovi macchinari e ampliamento dell’area produttiva: “Puntiamo a crescere” foto

Dal sogno di Sperandio alle tecnologie del futuro a tenere il passo nella Conti saldature è la tradizione del successo.

“Nel Futuro della Tradizione”. Potrebbe essere questo lo slogan adatto allo slancio produttivo della Conti Saldature Snc, azienda bergamasca operante a Verdello, sulla cresta dell’onda da più di 40 anni e che vanta i migliori tecnici nel settore della prefabbricazione e saldatura degli acciai destinati a componenti per apparecchi a pressione.

Passato, presente e futuro sono legati indissolubilmente in questa realtà dove si respira ancora l’aria delle tecniche apprese artigianalmente eppure elevate ad eccellenza. Fatto riconosciuto da numerose certificazioni di qualità ottenute nel corso del tempo e in continuo divenire.

Tutto ciò però non sarebbe stato possibile senza la passione, il sacrificio e la determinazione del suo fondatore e anima pulsante, Sperandio Conti, vero pioniere nel campo delle saldature autogene.

Conti Saldadure

Dopo aver viaggiato molto e aver lavorato per grandi ed importanti imprese rientrò in Italia ed ebbe l’idea di trasfondere tutto il suo bagaglio in una azienda che portasse il suo nome. E così fece. Dal 1976 operò instancabilmente, investendo ingenti risorse in tecnologie e soprattutto nella formazione del personale, per creare la struttura attuale della Conti Saldature.
Una scelta che prosegue tutt’ora, dopo la scomparsa di Sperandio nel 2015, sotto la guida dei due figli Fabio e Simone. Una peculiarità che potrebbe apparire controproducente ma che in realtà è il fiore all’occhiello dell’impresa, dato che ognuno degli operai specializzati e dei collaboratori conosce e sa realizzare ogni processo lavorativo e si mantiene in costante aggiornamento.

La struttura dell’azienda dà lavoro a 10 persone, compresi i due titolari, mentre Bruna, vedova di Sperandio, è presidente onorario della società.
Anche la struttura economica e finanziaria è piuttosto florida. L’utile prodotto nell’ultimo bilancio ammonta a circa 1 milione e mezzo di cui il 20% è investito nell’acquisto di macchinari moderni in termini di saldatura ed altro oltre che nella formazione del personale. A tutto ciò bisogna sommare le quote necessarie per mantenere e rinnovare le certificazioni dei vari enti.

Le varie commissioni e collaborazioni hanno portato la realtà verdellese ad espandersi sul territorio nazionale ed internazionale toccando persino la Russia e il Canada, grazie ad una particolare tipologia di estrazione non inquinante del petrolio nelle paludi.

Simone Conti, che ricopre la carica di Welding Specialist & QC Inspector, ci racconta l’importanza di mantenere la filosofia di suo padre nell’impresa: “Mio padre è sempre stato l’anima di questa azienda. La sua filosofia è molto semplice, da una parte c’è la specializzazione, ossia preparare operai di alto livello, dall’altro il carisma che lui trasmetteva a chiunque gli stava attorno e che noi cerchiamo di ricordare. Questo vuol dire stare accanto all’operaio, farlo sentire come uno di famiglia. E qui lo si diventa per davvero. Loro sono tutti assunti a tempo indeterminato, e ciò lo dico con una punta di orgoglio di questi tempi”.

Conti Saldadure

Che cosa c’è nel futuro della Conti Saldature? “Il trend recente ci rimanda un’azienda in salute con forte desiderio e richiesta di espansione e collaborazione. Ovviamente tutto si farà passo dopo passo. Il più importante obiettivo è l’ampliamento dell’area produttiva, per la quale è in fase di studio la modalità realizzativa. Ci sono poi numerose proposte di collaborazione con clienti importanti e per questo puntiamo all’acquisto di nuove apparecchiature moderne, sempre più automatizzate ma in grado di svolgere il lavoro con risultati di grande qualità, oltre che rapidità”.

Il mercato del lavoro e di questo settore è in rapido sviluppo e se si vuole controbattere ai potenti mezzi del low-cost bisogna puntare sulla qualità, sulla professionalità, sulla garanzia del processo produttivo. Tutti requisiti che in questa realtà non paiono per nulla dei miraggi, perché supportati dalla grande preparazione e dallo spirito con il quale si affrontano le giornate.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.