BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Carlotto in Rai, Gandi al centrodestra: “Siete garantisti a fasi alterne”

Il vicesindaco di Bergamo dopo le polemiche per la conduzione del programma Real Criminal Minds su Rai4 affidata al giornalista condannato e poi graziato per omicidio: "Rispetto per la famiglia della vittima, ma si racconti come si deve la vicenda e non in modo semplicistico"

“Parlo da cittadino, non da politico o da avvocato”. È con queste premesse che Sergio Gandi, vicesindaco di Bergamo, è voluto intervenire sulla questione legata alla conduzione del programma Real Criminal Minds affidata dalla Rai al giornalista e scrittore Massimo Carlotto, condannato per l’omicidio della 24enne Margherita Magello avvenuto nel 1976 e poi graziato dal presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro nel 1993 dopo una vicenda processuale lunga e ancora oggi non del tutto chiara.

Cosa che sottolinea Gandi: “In 17 anni sono stati fatti 7 processi e 11 sentenze, con 87 giudici – togati e non – impegnati e divisi sul caso. Questo – spiega il vicesindaco – chi ha criticato la scelta di mettere Carlotto alla conduzione di un programma Rai non l’ha detto. Anzi, è stata fatta una ricostruzione della storia troppo approssimativa, assolutamente incompleta e semplicistica. Quella di Carlotto è invece una storia complessa, difficile da capire. E ridurre il tutto a ‘quell’uomo è un assassino’ non è giusto”.

“Con questo non voglio discutere sulle sentenze, non voglio dire che Carlotto è innocente e nemmeno che è colpevole. Solo – continua Gandi – mi sento in dovere di intervenire su una vicenda che è diventata un attacco politico che mi ha irritato. Si è montata una questione senza arte né parte, e anche con una bella dose di incoerenza: qualcuno ha attaccato Carlotto in quanto pregiudicato assunto in Rai e poi, pochi giorni dopo, si è detto entusiasta del ritorno di un altro pregiudicato sulla scena politica, sostenendo che potesse guidare un partito e, addirittura, una Nazione. In altre parole: la riabilitazione post-sentenza va bene solo per qualcuno”.

Chiaro il riferimento a Silvio Berlusconi e all’attacco al giornalista fatto dalla senatrice di Forza Italia Alessandra Gallone (leggi QUI): “Questo garantismo a fasi alterne non mi sta bene – attacca ancora il vicesindaco di Bergamo -. Carlotto è un pregiudicato e non può lavorare in Rai mentre Berlusconi, nonostante la condanna, potrebbe guidare il Paese. Non è giusto questo. Stiamo parlando di due reati diversi, d’accordo, ma questo è un garantismo di parte: per alcuni sì, per altri no”.

Infine una considerazione, doverosa, per i familiari di Margherita Magello, la 24enne uccisa con 59 coltellate il 20 gennaio 1976, delitto per il quale Massimo Carlotto fu condannato in via definitiva a 18 anni di reclusione (dei quali ne scontò 6, prima della grazia arrivata nel 1993): “Purtroppo questa vicenda è diventata politica – spiega Gandi -, ma non ci si deve dimenticare del dolore della famiglia di Margherita, per la quale nutro un grandissimo rispetto”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.