BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dopo Cagliari la testa dell’Atalanta va al mercato, con un imperativo: Gasperini deve restare

In Sardegna per conquistare matematicamente l'Europa, poi si penserà ai cambiamenti da fare. Ma si dovrà ripartire dal tecnico che tanto bene sta facendo a Bergamo

Bergamo è follemente innamorata di Gian Piero Gasperini. A sottolinearlo – ancora una volta – la splendida coreografia di domenica della Curva Nord, anche se di dubbi non ce ne sono mai stati. Ma ancora più importante è che Gian Piero Gasperini si è innamorato di Bergamo. Bellissima la festa con i tifosi dopo il pareggio con il Milan, che ha portato l’Atalanta ad un minuscolo passo dall’Europa League. Emozionante anche l’abbraccio con Antonio e Luca Percassi, oltre che con tutta la squadra.

Le probabilità che l’ex allenatore del Genoa sieda ancora sulla panchina dell’Atleti Azzurri d’Italia nella prossima stagione sono sempre più alte, lo ha sottolineato lui stesso in conferenza stampa: “Di fronte all’affetto, non si può tradire la fiducia”.

Ma attenzione.

“Bisogna capire con la società se viaggiamo sugli stessi binari”, sottolinea Gasperini. È chiaro che con la seconda qualificazione europea consecutiva in tasca è necessario sedersi ad un tavolo e ragionare. Quale futuro per questa squadra? Nella testa dell’allenatore c’è un’Atalanta che anche nella prossima stagione lotta su più fronti, cercando di alzare sempre più l’asticella.

Chiaro che qualche partenza ci sarà (Cristante su tutti), ma il bilancio del 2017 chiuso in positivo di circa ventisette milioni rende la società solida, senza la necessità di guadagnare dal calciomercato. Anzi, probabilmente serviranno degli acquisti ed è proprio su questo punto che a fine stagione si discuterà, ricordando che vanno sostituiti due giocatori importanti come Caldara e Spinazzola.

Ora per un’ultima settimana la testa va al campo. Domenica contro il Cagliari, ultima giornata del campionato di Serie A, va conquistata definitivamente (e finalmente) l’Europa League. L’obiettivo sesto posto è ancora fattibile, servono i tre punti sperando che il Milan non vinca contro la Fiorentina. Evitare i preliminari sarebbe l’ideale, per non dover iniziare la stagione con quasi tre settimane d’anticipo.

Poi tutti in vacanza, tranne chi andrà in Russia per i Mondiali. Prima, però, una scelta fondamentale per il futuro: Gasperini ancora sulla panchina dell’Atalanta? “Resta con noi”, chiedono i tifosi.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.