BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Seriate, sindaco insulta l’antifascismo del Pd, l’Anpi chiede immediata rettifica

“Inconcepibile - scrive l'Anpi - che un Sindaco eletto in nome e per conto della Costituzione Italiana antifascista, redatta dai partigiani dopo aver liberato l’Italia dalla belva nazi-fascista, fomenti l’odio delle nuove destre"

Con una lettera protocollata e indirizzata al sindaco Cristian Vezzoli e sottoscritta dal presidente provinciale Anpi, la presidente Vittoria Battaglia e gli iscritti all’Associazione dei partigiani di Seriate (intitolata di recente a “Fortunato Fasana”) chiedono una rettifica in riferimento a quanto pubblicato l’11 luglio scorso sul profilo Facebook del primo cittadino seriatese. E cioè: “Renzi ed il PD le priorità sono lo “ius soli” ed il reato di apologia del fascismo. Sono sicuro che in tal modo risolveremo i problemi del bel paese: avremo più lavoro per i nostri giovani, vivremo più sicuri nelle città e nelle nostre case e pagheremo meno tasse! Le priorità del PD mi fanno venire in mente le parole di una nota canzone di Vasco Rossi “stupendo” che recitano “MI VIENE IL VOMITO, E’ PIU’ FORTE DI ME….”

“E ’inconcepibile – scrive l’Anpi – che un Sindaco eletto in nome e per conto della Costituzione Italiana antifascista, redatta dai partigiani dopo aver liberato l’Italia dalla belva nazi-fascista, fomenti l’odio delle nuove destre scrivendo che il PD si occupa di fascismo anziché dei veri problemi degli italiani. Il fascismo è stato, è, e sarà sempre un problema, nonché un reato che le Prefetture devono gestire applicando la legge Scelba. La sezione Anpi di Seriate e l’Anpi Provinciale di Bergamo chiedono una rettifica, una pubblica smentita. L’Italia non è antifascista perché lo vuole l’Anpi, ma perché è regolata da una Costituzione che bandisce il fascismo in ogni sua forma, come ben sa l’avvocato Vezzoli. L’Anpi è presente per tutto l’anno scolastico in tutte le scuole della città e dell’hinterland, ma se dalla penna del sindaco escono frasi infelici e di una taratura insostenibile è una sconfitta per Seriate”.

 

Vezzoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Un Dalminese Qualsiasi

    ah quindi il sindaco di seriate sarebbe fascista???
    ma allora cacciatelo, cosa tenete un sindaco fascista!?!?!