BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tra jazz e fotografia, viaggio all’Ascona Festival: “Come New Orleans” fotogallery

"Tornare ad Ascona? È un po' come tornare a New Orleans". Ne è convinto Dario Guerini, una vita parallela tra fotografia e musica, due passioni che l’hanno portato in giro per il mondo e ad essere apprezzato in particolare negli Stati Uniti. Ci manda un "assaggio" del Festival di Ascona 2017

Più informazioni su

Tornare ad Ascona è un po’ come tornare a New Orleans, almeno sul piano della musica e dei piaceri correlati. Ogni anno è sempre un’emozione nuova. JazzAscona è un festival che si muove al ritmo della Big Easy, uno dei principali eventi mondiali dedicati al jazz e al New Orleans Beat. A cavallo tra giugno e luglio sequestra la città senza soluzione di continuità sul lungo lago, con quattro palchi principali, e con diversi stage sparsi nel fiabesco centro storico.

Il festival attira sempre un pubblico numeroso che affolla i concerti e le performance dalla mattina sino a notte fonda, spesso improvvisando balli collettivi che non risparmiano neppure gli strati più anziani degli spettatori. Con una quindicina di concerti al giorno il festival offre un mix musicale unico: dal New Orleans jazz allo swing, dal blues all’R&B, dal gospel al soul. Tutti  i generi rientranti nella grande tradizione della musica jazz e afroamericana trovano rappresentanza.

Sono dieci giorni di celebrazione di New Orleans con la presenza dei musicisti più significativi, che offrono uno sguardo panoramico sulla musica che si suona oggi nella Città del Delta. L’udito e la vista si ubriacano di tanta varietà musicale, braccia e gambe faticano a restare ferme, anche il palato ringrazia per le saporite degustazioni di specialità della cucina della Louisiana.

In questa 33^ edizione si sono esibite una quarantina di band e tanti giovani musicisti hanno diffuso in un clima festoso le note del jazz più autentico. E’ stato tempo anche di premiazioni.
Bruno Spoerri, un’autentica leggenda del jazz elvetico, è stato premiato con lo Swiss Jazz Award alla carriera. La sua partecipazione si è rivelata straordinaria con gli apprezzati tributi a Fats Waller, Louis Prima e Ella Fitzgerald, di cui ricorre il centenario della nascita.

A Glen David Andrews è stato consegnato l’Ascona Jazz Award alla carriera. Infaticabile cantante e trombonista originario del Tremé (la più antica comunità nera degli USA), ha deliziato i numerosissimi spettatori con un mix jazz-funk blues, accompagnato dai Twogether, due ragazzi prodigio del groovy jazz europeo (Jerôme Cardynaals alla batteria e Simon Oslender all’organo Hammond). Quando suona Glen David Andrews tutti si agitano tarantolati in un ballo collettivo. Ed è esattamente quello che accade anche al ritmo dei The New Orleans Jazz Vipers, band che propone una variegata gamma di voci, trombe e tromboni davvero avvincente.

Toccante è stato il concerto gospel per raccogliere fondi per sostenere la cantante Lillian Bouttè, ben nota al pubblico ticinese per le numerose esibizioni tenute ad Ascona sin dagli Anni ’80, che ora versa in gravi condizioni, colpita da una forma acuta di Alzheimer.

Il cartellone è ricco e poliedrico ed è impossibile assistere a tutte gli appuntamenti musicali.

Imperdibili gli acclamati artisti della Crescent City, a partire dal travolgente Glen David Andrews & Twogether. Per continuare con la Players Ella & Louie Tribute Band, progetto musicale che ha fatto rivivere – in occasione dei 100 anni dalla nascita di Ella Fitzgerald – l’avventura della coppia artistica più famosa della storia del Jazz: quella composta da Ella e Louis Armstrong. La band riunisce alcuni fra i jazzisti più in vista di New Orleans – fra cui la cantante inglese Eileina Dennis (ex vocalist di Zucchero) – ed è stata in corsa per una nomination ai Grammy Awards nel 2016. Intrigante si è rivelata pure la performance dei Chicago Stompers. La band di hot jazz più giovane d’Italia ci ha proiettato con i suoi costumi e strumenti originali direttamente nell’atmosfera ovattata degli anni ’20, epoca d’oro del jazz.

E a proposito di giovani talenti va ricordata la The New Orleans Swamp Donkeys Jass Band, una formazione davvero strepitosa di musicisti residenti a New Orleans, poco più che ventenni, che hanno proposto in maniera fresca, dinamica e assolutamente irresistibile brani di repertorio e proprie composizioni in stile traditional jazz anni 20-40.
Anche l’Italia era rappresentata. Innanzitutto con Serena Brancale e il suo progetto “Soulenco”. Già vincitrice del Premio della Critica a Sanremo 2015, la cantante e polistrumentista italiana – coadiuvata dal percussionista messicano Israel Varela – mescola sonorità mediterranee, messicane e jazz, andando ad abbattere le barriere dei generi con una coinvolgente sfumatura black. Una delle migliori scoperte di questa stagione. Da segnalare anche Paolo Belli che con uno swing travolgente e sonorità latin e pop ha divertito e vivacizzato il pubblico. Una presenza italiana di qualità è stata infine quella del Fatsology Sextet, in celebrazione del genio di Fats Waller, con Gianni Cazzola alla batteria, Sandro Gibellini alla chitarra, Mario Bianchi al vibrafono, Roberto Piccolo al contrabbasso, Alan Farrington vocals.

Dopo una giornata dedicata ad assaporare parate di brassband, concerti coinvolgenti e assaggi di cucina creola e cajun, per il popolo dei nottamboli ancora non completamente sazi non c’è di meglio che assistere e danzare alla jam session dei Jazz Five, instancabili e alternanti musicisti appena scesi dalla tante pedane ormai spente. Per fortuna la mattina gli appuntamenti musicali non cominciano prima delle 12 e si può riposare nel silenzio ondeggiante del lago.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.