BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cordata della Presolana, Paolo Franco: “Le nostre montagne, vere e proprie risorse preziose di acqua”

"Quando si tratta di grandi eventi finalizzati alla valorizzazione ed alla promozione del nostro Territorio, Uniacque Spa non manca mai nel dare il proprio contributo" così commenta Paolo Franco presidente di Uniacque che ha partecipato nella mattina di domenica 9 luglio alla Cordata della Presolana.

Più informazioni su

“Quando si tratta di grandi eventi finalizzati alla valorizzazione ed alla promozione del nostro Territorio, Uniacque Spa non manca mai nel dare il proprio contributo” così commenta Paolo Franco presidente di Uniacque che ha partecipato nella mattina di domenica 9 luglio alla Cordata della Presolana.

“A maggior ragione quando “l’oggetto della promozione” sono le nostre montagne, vere e proprie risorse preziose di acqua che Uniacque Spa preleva direttamente alla sorgente per poi distribuirla attraverso i rubinetti di casa di buona parte della provincia. Acqua fresca, buona, oligominerale, controllata e garantita dalle analisi del nostro laboratorio certificato.
Non solo, proprio sotto la Presolana e le Prealpi Orobie, sono state scoperte negli scorsi anni dai Gruppi Speleologici Bergamaschi enormi riserve incontaminate di acqua naturale. Bacini strategici, sui quali Uniacque Spa in collaborazione con i Gruppi speleo ha da tempo avviato una ricerca accurata e specifica, in grado di sviluppare e favorire nei prossimi anni l’utilizzo delle acque carsiche ai fini idropotabili” prosegue Franco.

“Infine, sempre per rimanere all’interno della metafora della Cordata della Presolana e al simbolismo della montagna, quando ci si prepara per un’ascesa importante, è bene conoscere: il terreno e le asprezze che ci attendono, le capacità di tutti i componenti della cordata, l’utilizzo dei materiali e la tecnica alpinistica. Lo stesso vale per una grande azienda che si sente parte integrante di un Territorio. Perché la crescita economica e sociale di una terra passano anche attraverso una rete virtuosa che contempli fiducia reciproca, competenze e condivisione delle informazioni. Esattamente come una cordata, ci dovremo muovere all’unisono per raggiungere tutti, e sottolineo il tutti, la nostra vetta” conclude il presidente di Uniacque.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.