BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nessuna intesa per la Sint di Filago: si va verso 35 licenziamenti

Qualche anno fa i lavoratori dell’azienda erano oltre 100, oggi sono 66, ma la nuova procedura di mobilità aperta il 21 aprile li ridurrà ulteriormente.

Più informazioni su

Nessuna soluzione e niente accordo per 35 dei 66 lavoratori della Sint di Filago: scatteranno per questo i licenziamenti. “O meglio ‘potrebbero scattare’, visto che ad oggi non si sa quando né per quali lavoratori” spiega Paola Guerini della Fiom Cgil di Bergamo. “La situazione è talmente paradossale– come del resto sono stati alcuni passaggi della trattativa – che l’azienda non è stata in grado di chiarire quando procederà con l’inoltro delle lettere di licenziamento né nei confronti di chi, lasciando tutti i lavoratori nello sgomento e in una tensione intollerabile”.

Nelle ultime settimana si sono ripetute le iniziative di protesta, scioperi e presidi, per tentare di convincere la Sint a non tagliare metà del proprio personale. “In assemblea abbiamo dato ai lavoratori tutte le informazioni sulla conclusione negativa della vicenda – prosegue Paola Guerini – Proviamo profondo rammarico e una sempre maggiore preoccupazione per la situazione generale dal momento che l’azienda non è in grado di formulare proposte alternative ai licenziamenti. Come abbiamo più volte detto, ci preoccupa non solo la sorte di resterà fuori dall’azienda, ma anche quella di coloro che resteranno alle dipendenze di un’azienda che sembra aver perso ogni capacità di trovare soluzioni per sopravvivere”.

Proprio a seguito di questo epilogo negativo del confronto, nei prossimi giorni riprenderanno le iniziative di protesta: “Confidiamo che, anche in questa fase finale di attesa, le pressioni dei lavoratori possano condurre l’azienda a trovare una soluzione diversa da quella prospettata fino ad ora”.

La Sint di Filago è un’azienda metalmeccanica specializzata nella produzione di allestimenti di comunicazione visiva nei settori automotive, petrolifero, bancario, assicurativo e telefonico. Qualche anno fa i lavoratori dell’azienda erano oltre 100, oggi sono 66, ma la nuova procedura di mobilità aperta il 21 aprile li ridurrà ulteriormente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.