BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Architetto di Treviglio sfregiato con l’acido, 29enne confessa: “Mi faceva prostituire”

L’aggressore ha riferito agli agenti che la vittima, con il quale aveva una relazione, lo costringeva a prostituirsi con altri per incassare i soldi delle prestazioni

Più informazioni su

Il 29enne brasiliano fermato venerdì mattina dalla polizia per l’aggressione con la soda caustica avvenuta in via Città del Fiume, a Milano, ai danni di un architetto di 43 anni di Treviglio ha confessato e ha ammesso le proprie responsabilità.

L’aggressore ha riferito agli agenti che aveva una relazione con la vittima e che lui lo costringeva a prostituirsi con altri per incassare i soldi delle prestazioni, con la minaccia di diffondere online foto private. Il pm Isidoro Palma ha chiesto al gip la convalida del fermo e la misura cautelare in carcere.

Il bergamasco e il brasiliano si erano dati appuntamento in zona Porta Venezia nel pomeriggio di giovedì e il 29enne aveva portato con sé dell’acido. Secondo le prime ricostruzioni, i due avrebbero iniziato a discutere e, in pochi minuti, l’aggressore avrebbe gettato addosso all’architetto la soda caustica.

La vittima ha riportato gravi ustioni al volto, al collo e al busto ed è stata trasportata all’ospedale Niguarda dal 118. I medici riferiscono che le sue condizioni sono “serie” ma “non è in pericolo di vita” e la prognosi è di 40 giorni.

Nel 2006 l’architetto era stato coinvolto in una vicenda personale che l’avevo portata sotto processo. Segue nel 2012 una condanna a tre anni per calunnia aggravata, ingiurie e diffamazioni.

Il presunto aggressore si trova ora in carcere San Vittore in attesa dell’interrogatorio di convalida dell’arresto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.