BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Università, Censis: Bergamo 11esima tra i medi atenei, 10-20mila iscritti

Siena, Trento, Sassari, Trieste, Udine, Brescia, Marche, Urbino, Salento, Venezia Ca' Foscari. E poi Bergamo.

Più informazioni su

Siena, Trento, Sassari, Trieste, Udine, Brescia, Marche, Urbino, Salento, Venezia Ca’ Foscari. E poi Bergamo. Tra le medie università statali (cioè quelle tra i 10 e i ventimila iscritti) l’ateneo della nostra città è 11° secondo la classifica ufficiale del Censis.

La ricerca prende in considerazione vari indicatori: i servizi offerti agli studenti (come il numero di pasti garantiti per iscritto o i posti letto), la spesa per le borse di studio erogate, le strutture messe in campo dalle diverse Università, come biblioteche o laboratori scientifici, l’informatizzazione e i servizi digitali offerti e il grado di “internazionalizzazione”, ovvero la capacità di attrarre studenti stranieri e la quantità di risorse messe in campo per la mobilità internazionale

Tra i mega atenei statali – quelli con una media di oltre 40.000 iscritti – il primato spetta all’Università di Bologna, seguito da Firenze, Padova, Roma La Sapienza, Pisa, Palermo..

Poi ci sono i grandi atenei, tutte quelle Università che raccolgono dai 20.000 ai 40.000 iscritti. Una fascia che vede svettare l’Università di Perugia, forte dei processi di internazionalizzazione che da sempre la caratterizzano e varie Università del Centro-Nord (Pavia, Parma, Modena e Reggio Emilia).

Quindi le medie, come Bergamo appunto, che per i parametri valutati ha ottenuto un punteggio di 81,4, mentre la prima, Siena, si conquista un 99,4.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pluto

    Non ho mai compreso la ragione di suddividere le università in base al numero di iscritti. E’ un modo per mascherare meglio che le università locali sono solo dei super licei o super istituti?