BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Conta i clienti, ottimizza i costi: app bergamasca sostiene la musica di qualità nei locali foto

Ideata dal 29enne Andrea Scagnet, l'applicazione è in grado di dire agli organizzatori di eventi quanta e quale clientela vi parteciperà, permettendo così un'ottimizzazione dell'investimento: a trarne beneficio sarà la qualità della musica proposta.

Quanto potrebbero investire nella proposta musicale club e discoteche se sapessero esattamente quante persone parteciperanno ai loro eventi? È questa la logica che ha spinto Andrea Scagnet, 29enne di Bergamo che di giorno lavora in uno studio legale e la sera si trasforma in “startupper” amante della musica, a lanciare sul mercato alla fine di aprile “Zocat”.

Si tratta del primo CRM (Customer Relationship Management ndr) System per club italiano, un sistema che permette di studiare i comportamenti della clientela, diventato una semplice App gratuita disponibile per Android e iOS: “I CRM System esistono in tantissimi ambiti – racconta Andrea – Io l’ho riadattato al mondo dei festival, delle discoteche e degli organizzatori di eventi, intervenendo sul lato business della loro attività in modo da dare maggiore sicurezza ai loro investimenti: se conosci esattamente il comportamento della tua clientela, infatti, puoi investire in modo targettizzato”.

Da circa 10 anni Andrea lavora nel mondo “della notte” e Zocat è nata da un’esigenza personale: “Il vero problema è che spesso non si conosce la clientela e non si riesce a fare del marketing mirato – ammette – La mission di Zocat è quella di salvare la cultura musicale. Mi spiego: se il club o l’organizzatore di un evento ha la certezza di fare determinati numeri, concentrerà la propria attenzione sulla proposta artistica che al giorno d’oggi è scarsa e un po’ sacrificata. In questo modo puoi ottimizzare l’investimento e i costi: se conosci i tuoi clienti sai quando e come potrai attirare la loro attenzione”.

Abbandonati i vecchi flyers e gli eventi organizzati su Facebook, Andrea ha così deciso di fondare una propria startup, avvalendosi della collaborazione di uno sviluppatore per creare l’App per dispositivi mobili: “La versione beta è disponibile per tutti i night lovers, gratuita per i clienti e a disposizione dietro la sottoscrizione di un contratto per i club – continua il 29enne bergamasco – Il servizio è già disponibile per locali e utenti che, tramite un codice QR, si potranno prenotare a un massimo di due eventi nella stessa serata. In questo modo chi ha organizzato l’evento potrà accedere agli aggiornamenti, che saranno live ogni 30 secondi, su quanta gente si è prenotata e quanta ce ne sarà: il club crea l’evento fornendo informazioni base come genere musicale, dress code ove presente ed età minima per accedere”.

zocat

La startup bergamasca in pochissimo tempo ha raccolto tanti pareri favorevoli e ha avuto il privilegio di essere selezionata per la Collision Conference di New Orleans, una tra le più grandi conferenze hi tech del mondo: “Ho avuto un riscontro molto positivo – conclude Andrea – Ho preso contatti con festival importanti che mi hanno confermato la novità della mia applicazione: il bello degli Stati Uniti è che tutti, anche le società più grandi, rispondono alle tue mail e alle tue proposte mentre in Italia si fa sempre un po’ fatica a farsi accettare. La startup è nata per la musica perchè i club ne producano e offrano di alto livello: e questo lo possono fare solo se guadagnano”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.