BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, avamposto europeo della Silicon Valley fotogallery

La Brembo, il Kilometro Rosso e l'istituto tecnico Giulio Natta premiato dal Miur a simboleggiare l'innovazione bergamasca nel corso degli Stati generali dell'Innovazione, presso il parco scientifico tecnologico di Stezzano, con una raccomandazione: “Festina lente? Festina” (Affrettati lentamente, ma fai presto!) Verso il futuro. Innova per lavorare”.

“Questo Paese deve volere più bene alle proprie imprese, e le imprese devono fare bene il proprio lavoro – ha detto il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti -. Le istituzioni devono produrre le migliori condizioni perché le imprese decidano di investire, di correre rischi, di innovare e quindi di creare lavoro”.

Musica per tutti gli imprenditori, presenti al Kilometro Rosso di Stezzano per la giornata, di lunedì 19 giugno, degli Stati generali dell’Innovazione, dell’Istruzione e della Formazione professionale lombarda dal titolo emblematico “Festina lente? Festina” (che si potrebbe tradurre: Affrettati lentamente, ma fai presto!) –Verso il futuro – Innova per lavorare”, che hanno salutato con un applauso spontaneo la presa d’atto del ministro del lavoro.

Nel parco scientifico tecnologico di Stezzano, luogo-simbolo dell’innovazione che ospita aziende, centri di ricerca, laboratori, attività di produzione high-tech e servizi all’innovazione, davanti a oltre 500 partecipanti, oltre a Poletti, presenti anche il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Valeria Fedeli, il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, la consigliera regionale Lara Magoni, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, e il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per la Lombardia Delia Campanelli, sono state presentate le best practice e i progetti elaborati dalle classi di studenti della scuola superiore e degli istituti tecnici superiori di tutta la regione.

“Ricerca e innovazione sono vocazione della Lombardia – il presidente della Regione Lombardia Roberto Marconi -. Una vocazione che riusciamo a realizzare bene grazie all’integrazione tra Istituzioni, mondo delle imprese, scuola e università, ma anche con il Governo, e con i ministri Poletti e Fedeli certamente, in una leale competizione sulle buone idee. Il nostro investimento in ricerca è convinto e non si ferma -ha continuato Maroni-. Quando sono stato eletto, ho messo nel mio programma di governo di arrivare a stanziare l’importo corrispondente al 3 per cento del Pil della Lombardia in ricerca, partendo dall’1,7 per cento: ora posso ora dire con soddisfazione e orgoglio che l’obiettivo è stato quasi raggiunto”.

In Lombardia una legge importante a favore delle imprese è “Lombardia è ricerca” attraverso cui, con alcuni milioni di euro vengono co-finanziati fino al 50 per cento progetti di imprese che, valutati da una commissione, vengano giudicati innovativi. Ad una precisa condizione: che si assumano giovani.

La cosa fondamentale è il fattore umano. I nostri giovani sono il nostro vero patrimonio, anche per questo noi investiamo così tanto in formazione. È un altro punto di forza è che in Lombardia, rispetto a Roma, le competenze di Istruzione, Formazione e Lavoro sono in capo a un’unica persona, l’assessore Valentina Aprea, che può quindi attivare azioni omogenee e coordinate. La forte e leale collaborazione è il nostro metodo e il nostro punto di forza – ha concluso Maroni -, certo qualche risorsa in più non guasterebbe, ma ci stiamo attrezzando”.

“Questo Paese deve volere più bene alle proprie imprese – ha detto il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti -. Le riforme varate negli ultimi anni hanno questo scopo, cominciano a dare i loro risultati. Le riforme fatte hanno anche bisogno del loro tempo per scaricare i propri effetti, adesso siamo alla maturazione dei risultati. L’impresa – ha sottolineato il ministro- è un patrimonio della collettività, mette insieme sapere, competenze, creatività e voglia di innovare”.

Rispetto al connubio innovazione e istruzione professionale, il richiamo è al decreto legislativo attuativo della Buona Scuola, quello sull’istruzione e formazione professionale.

“Nella delega sull’istruzione e formazione professionale – ha spiegato il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Valeria Fedeli abbiamo fatto la scelta di qualificare e innovare. Le aziende digitalizzate devono ospitare gli insegnanti per la loro formazione. Fare innovazione vuol dire creare benessere all’interno della società. Vuol dire un cambio di mentalità e cultura. C’è una cultura dell’innovazione e del digitale. Questo è lo sforzo che stiamo facendo come Ministero. Il fatto di essere tra i primi ad avere investito nell’agenda digitale rappresenta una scelta molto forte. Mi permetto di dire che quando parliamo di innovazione è a 360 gradi, ma sull’Istruzione, per avere numeri più alti di partecipazione dei ragazzi, noi abbiamo bisogno di fare una scelta. Il tema è che dobbiamo andare avanti in Europa, è l’Europa che consente questo tipo di sperimentazioni. Dobbiamo capire dove si trovano le nuove competenze”.

Le due rivoluzioni, quella dell’utilizzo del digitale e l’evoluzione di internet, – ha sottolineato l’assessore regionale Apreastanno cambiando il modo di educare. Noi ci siamo. Abbiamo abbandonato da tempo l’istruzione nozionistica, andiamo verso un nuovo modo di educare, questo ci è stato chiaro fin dal 2013, anno di insegnamento della giunta guidata dal presidente Maroni. La giunta regionale ha approvato una nuova misura per la formazione dei docenti: 1,4 milioni di euro per la didattica digitale, con nuovi coding (i codici informatici usati per l’insegnamento), la possibilità di utilizzare la realtà virtuale e aumentata a scuola, il tinkering, con l’inserimento dei principi del pensiero computazionale nelle attività dell’offerta formativa, una migliore accessibilità per chi ha disabilità, progetti per tutti gli ordini di scuola a partire dalla scuola dell’infanzia”.

“Grazie all’onorevole Bombassei – ha concluso Aprea perché insieme facciamo sistema e avremo grandi soddisfazioni e straordinari risultati se continueremo a lavorare insieme. Siamo noi la Silicon Valley”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.