BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Viaggio in bici per non dimenticare le stragi di mafia: maglie ai ciclisti donate da azienda di Brembate foto

“L'Agenda Ritrovata” porterà un libro rosso da Milano a Palermo. Rosso come la famosa agenda di Borsellino e il completo per ciclisti creato dal maglificio sportivo Rosti dei fratelli Giovanni e Maurizio Alborghetti

Il 19 luglio 1992 in un attentato di stampo mafioso perse la vita il magistrato Paolo Borsellino e sparì, misteriosamente, la sua agenda rossa. Un documento importante perché conteneva una vita di indagini tra appunti, nomi e rivelazioni sulla strage di Capaci in cui morì Giovanni Falcone.

L'agenda ritrovata

A 25 anni dalla morte di Borsellino l’iniziativa “L’Agenda Ritrovata” porterà un libro rosso da Milano a Palermo, sulle ruote di una bicicletta, per testimoniare che c’è un Paese che non ha dimenticato, vuole raccontare quel che è successo e far riflettere su legalità, giustizia e lotta alla mafia. Una ciclostaffetta, lungo tutto lo Stivale, colorata di rosso come l’agenda e il completo per i ciclisti creato per celebrare Borsellino e la sua scorta (tutti i nomi sono riportati sulla tecnica personalizzata) dal maglificio sportivo Rosti di Brembate dei fratelli Giovanni e Maurizio Alborghetti che per sostenere l’iniziativa hanno regalato trenta completi.

Che fine avrà fatto l’agenda rossa di Borsellino? Cosa c’era scritto? Chi ce l’ha? Tutta l’Italia se l’è chiesto e se lo chiede ancora perché a queste domande non sono mai state date risposte. A partire dal 25 giugno 2017 il libro rosso viaggerà di regione in regione, testimoniando che c’è un’Italia che non ha dimenticato e che vuole ricordare e raccontare quel che è successo. Attraverserà l’Italia sulle ruote di una bicicletta, percorrerà terreni scomodi, accidentati e tortuosi e, come un testimone, passerà di mano in mano fino ad arrivare in Sicilia dove ci sarà la tappa conclusiva, il 19 luglio 2017.

L'agenda ritrovata

L’attentato di stampo mafioso costò la vita al magistrato Paolo Borsellino e alla sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Solo 57 giorni prima, il 23 maggio, un altro attentato ordito dalla mafia uccise Giovanni Falcone, sull’autostrada a Capaci. Ancora oggi i processi proseguono, alla ricerca della verità, dei mandanti, di una terribile connessione tra Stato e mafia: una trattativa insabbiata troppe volte. Ma le indagini e la voglia di verità non nascono soltanto nelle aule di tribunale. Su questo filo si è attivata L’Orablù, associazione culturale del comune di Bollate, che con l’idea “L’Agenda Ritrovata” vuole unire l’Italia e riportare in vita l’Agenda Rossa di Borsellino.

Spettacoli teatrali, concerti, proiezioni e dibattiti si svolgeranno lungo un percorso a tappe di 2mila km in cui l’agenda verrà ospitata in luoghi amici, raccoglierà le testimonianze di chi ha partecipato e, a Palermo, il 19 luglio 2017, verrà consegnata a Salvatore Borsellino che, in tutti questi anni, non ha mai smesso di lottare. Si può pedalare nelle varie tappe insieme ai protagonisti dell’iniziativa, organizzare e proporre eventi lungo il percorso, oppure acquistare uno dei prodotti di merchandising personalizzati. Sul sito www.orablu.com a tutti i dettagli dell’iniziativa. Alla pagina web del maglificio sportivo Rosti è possibile acquistare la tecnica personalizzata della ciclostaffetta itinerante.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.