BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Donizetti Night, Bergamo trionfa con la cultura e dimostra di esser la città dell’opera foto

Grande successo di pubblico per l’evento organizzato da Fondazione Donizetti in occasione della chiusura del teatro dedicato al compositore bergamasco.

Un detto popolare dice che con la cultura non si mangia, ma Bergamo ha dimostrato con la Donizetti Night che non solo ci si mangia, ma ci si nutre.

Grande successo di pubblico per l’evento organizzato da Fondazione Donizetti in occasione della chiusura del teatro dedicato al compositore bergamasco. Migliaia di persone si sono riversate per le strade della perla orobica seguendo le 92 manifestazioni sparse in giro per la città lungo 23 palcoscenici.

Spettacoli teatrali, esibizioni musicali, danza ed arte, il tutto sulle note delle opere del compositore bergamasco spesso conosciute all’estero e meno in patria.
Un’occasione, la Donizetti Night, in grado di avvicinare giovani e meno giovani alla lirica e di varia conoscere sotto un altro occhio, che è si è trasformata in un trionfo come dimostrato dalle parole di Francesco Micheli, direttore artistico della manifestazione: “È stata una sorpresa per noi visto che è un anno che prepariamo la manifestazione, ma il pubblico l’ha vista solo questa sera e ha risposto positivamente. Spero che continui anche dopo di me e chi lo sa, che magari diventi una tradizione, come un santo patrono laico”.

Ciliegina sulla torta della serata lo spettacolo teatrale “Gaetano Donizetti, ovvero matti da slegare”, dove sono stati protagonisti lo stesso Micheli ed Elio, nei panni di un Donizetti stacanovista e rigorosamente bergamasco; accompagnati dal pianoforte di Simone Guerreri e dalla voce del soprano Elisa Maffi. Un ritratto del compositore di Borgo Canale che lo ha contraddistinto come un “Banderas del melodramma” che “crea melodie come brioches” come definito simpaticamente dallo stesso Elio; un ritratto all’insegna di sketch alternati da arie di “Don Pasquale” e di “Lucia di Lammermoor”.

“È stato un pubblico attivo, che ha cantato quando doveva cantare e ha risposto quando necessario – ci confessa un Elio sorpreso dagli auditori bergamaschi –. È stata una grande emozione esibirsi qui a Bergamo ed è andato tutto bene”.

Con la Donizetti Night si chiudono le celebrazioni per Donizetti e con esso chiude anche il teatro omonimo. Se per rivedere la struttura operistica dovremmo aspettare circa due anni, per la Donizetti Night l’appuntamento è fissato al prossimo anno e, visto il grande successo di questa edizione, chi lo sa che non diventi una tradizione bergamasca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.