BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il mito Giacomo Agostini compie 75 anni: suo l’inarrivabile record di 15 mondiali vinti foto

Il pilota bergamasco detiene il mostruoso record di quindici campionati vinti, tra 500 e 350: a fine carriera è diventato opinionista e testimonial.

Quasi cinquant’anni di carriera alle spalle, 15 campionati mondiali vinti e un’infinito elenco di successi: questo è Giacomo Agostini, pilota bergamasco mito del motociclismo mondiale che il 16 giugno spegne 75 candeline.

Dopo gli esordi difficili dovuti anche alla reticenza del padre, nel 1961 partecipò alla prima gara ufficiale in salita “Trento-Bondone”, in sella alla fiammante Moto Morini Settebello comprata con l’aiuto degli amici.

L’anno successivo fu notato da Alfonso Morini nella gara Bologna-San Carlo e durante i tre anni successivi, per una fortunata serie di eventi, fu uno dei piloti di prima guida della scuderia.

Nonostante l’attaccamento a Moto Morini, quando nel 1965 Carlo Ubbiali gli offrì un’incontro con MV Agusta accettò di buon grado. Le prime impressioni su Conte Agusta non furono delle migliori: “Mi fece aspettare moltissimo tempo in anticamera e, quando mi dette udienza, mi disse a bruciapelo: ‘E tu cosa sei qui a fare?’”, ma come ben sappiamo i problemi si risolsero molto in fretta perchè il dream team eccezionale nato da questo colloquio dominò incontrastato dal 1966 al 1973. In quel periodo “Ago” vinse 7 titoli in 500 e altrettanti in 350, vincendo tutti (o quasi) i GP a disposizione.

A causa di attriti nel 1973 passò alla Yamaha con un contratto da due stagioni da 300 milioni di Lire l’una. Molte critiche derivarono da questo “tradimento” che scatenò commenti negativi dovuti anche a delle perplessità per la mancanza di esperienza nella moto a due tempi.

Ogni dubbio fu smentito dal titolo in 350 che vinse nella stagione di debutto, seguito da molti altri successi come la 200 Miglia di Daytona dove sconfisse i migliori piloti americani.

A conclusione di una carriera eccezionale quattordici stagioni da team manager per portare la sua esperienza e i suoi consigli ai più giovani: il 16 giugno si festeggia non solo il mito del pilota-star, opinionista e testimonial ma soprattutto il grande uomo dietro alla leggenda. 

Chiara Midlarz

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.