BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il caldo è arrivato: 10 regole per proteggerci

Contro l'emergenza caldo, salvo improvvisi temporali che caratterizzano l'estate, il Comune di Treviglio invita i cittadini a seguire il decalogo: "Arriva il caldo, come proteggerci" del Ministero della Salute, che contiene alcuni consigli e raccomandazioni utili.

Contro l’emergenza caldo, salvo improvvisi temporali che caratterizzano l’estate, il Comune di Treviglio invita i cittadini a seguire il decalogo: “Arriva il caldo, come proteggerci” del Ministero della Salute, che contiene alcuni consigli e raccomandazioni utili.

I principali fattori di rischio che aumentano la suscettibilità individuale agli effetti delle alte temperature sono: l’età avanzata e la presenza di patologie a carico degli apparati respiratori e cardiovascolari.

Si tratta di 10 regole consigliate dal Ministero della Salute per contrastare il caldo, cui l’Amministrazione ha voluto aggiungere un 10 bis come azione preventiva nei confronti dei fatti di abbandono in auto di minori, riportati di recente dai media.

Sempre per questi episodi, il vicesindaco Pinuccia Zoccoli Prandina ha indicato (anche se ormai consolidato) alle educatrici dei nidi, di avvertire telefonicamente alle ore 9 l’eventuale assenza ingiustificata del bambino alle famiglie, utilizzando tutti i riferimenti in possesso e depositati dai familiari.

Il piano “emergenza caldo” vede la partecipazione dell’Auser con un progetto di telefonia sociale soprattutto per anziani soli e l’Anteas – Cisl con il progetto “Adotta un nonno”.

Le locandine per pubblicizzare l’emergenza caldo saranno distribuite ai Centri Ascolto, alle farmacie, ai medici, ai comitati di quartiere, ai patronati, mentre saranno recapitati dei volantini a tutti coloro che ricevono il pasto veicolato a domicilio e alle persone che usufruiscono del servizio Sad (Servizio di assistenza domiciliare).

Per quanto riguarda le persone anziane, (specialmente se vivono sole), è raccomandata un’attenzione particolare: ove possibile è bene aiutarle a svolgere alcune piccole faccende, come fare la spesa, ritirare i farmaci in farmacia, ecc. Il vicesindaco invita a segnalare urgentemente ai Servizi sociali eventuali situazioni di disagio: «E’ importante mettere in atto una serie di buone abitudini che aiutano a contrastare il caldo, leggendo attentamente il decalogo del Ministero della salute, con una particolare raccomandazione a non esporsi direttamente al sole e a non assumere bevande ghiacciate. Invito le persone anziane a evitare di stare sole, di tenere a portata di mano, in caso di malessere, i numeri telefonici dei propri familiari, conoscenti, medico di famiglia e Pronto Soccorso».

1) INDOSSARE UN ABBIGLIAMENTO ADEGUATO E LEGGERO;

2) RINFRESCARE L’AMBIENTE DOMESTICO E DI LAVORO;

3) RIDURRE LA TEMPERATURE CORPOREA;

4) RIDURRE IL LIVELLO DI ATTIVITÀ FISICA;

5) USCIRE DI CASA NELLE ORE MENO CALDE DELLA GIORNATA,

6) LAVORARE ALL’APERTO SENZA RISCHI (evitare disidratazione e colpi di calore)

7) BERE CON REGOLARITÀ ED ALIMENTARSI IN MANIERA CORRETTA;

8) ADOTTARE ALCUNE PRECAUZIONI SE SI ESCE IN MACCHINA;

9) CONSERVARE CORRETTAMENTE I FARMACI;

10) ADOTTARE PRECAUZIONI PARTICOLARI IN CASO DI PERSONE A RISCHIO;

10bis) NON SOSTARE, NEANCHE PER BREVI PERIODI, IN AUTO FERME AL SOLE, NÉ LASCIARE MAI PERSONE (BAMBINI O ANZIANI) E NEPPURE ANIMALI DOMESTICI ALL’INTERNO E/O CON FINESTRINI CHIUSI;

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.