BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Raccolta funghi, ok alla convenzione ma Valbondione si oppone: “Tariffe troppo alte”

Il rappresentate del Comune di Valbondione, Vittorio Moraschini: "Fino a tre anni fa il costo era di 8 euro, quest'anno 30. L’incremento è eccessivo, pertanto a Valbondione la raccolta quest’anno sarà gratuita"

È stata approvata durante l’assemblea della Comunità Montana della Valle Seriana di mercoledì 7 giugno la convenzione per la raccolta dei funghi. Tuttavia, c’è chi ha già deciso di non adottarla. Nel corso della serata è stato illustrato il regolamento per la raccolta, al quale ogni comune ha la libertà di scegliere se aderire o meno. La convenzione prevede il rilascio di un tesserino dal costo di 10 euro giornaliero e 30 euro stagionale. L’assemblea ha approvato la convenzione, mentre il rappresentate del comune di Valbondione Vittorio Moraschini si è astenuto: “Quest’anno la raccolta funghi a Valbondione sarà gratuita, non riteniamo corrette le tariffe di 30 euro: tre anni fa il costo era di 8 euro, l’incremento è troppo alto”.

Presentato anche un nuovo bando per lo sviluppo delle valli Prealpine. “Un bando – spiega Danilo Cominelli, Presidente della Comunità Montana Valle Seriana – che mira a finanziare le opere e le infrastrutture per la montagna. Si tratta di un finanziamento a fondo perduto per due progetti di sviluppo destinati alla provincia di Bergamo, per un totale di 2.571 milioni. Compito della Comunità Montana presentare la proposta alla Regione Lombardia sottoscritta da almeno cinque comuni (confinanti e contigui) la cui popolazione totale non deve superare i 15 mila abitanti. Noi puntiamo sul fatto di avere due Comunità Montane (quella della Valle Seriana e della Valle di Scalve) e speriamo di avere buone possibilità; in valle sono stati coinvolti 8 comuni, vogliamo dare spazio a territori con poca popolazione”. Il progetto deve essere presentato entro il 20 giugno.

Buone notizie, infine, per gli amministratori e gli operatori della Valle Seriana e della zona dei laghi bergamaschi in attesa di accedere ai bandi dei Piani di sviluppo locale: il Tar della Lombardia ha respinto tutti i ricorsi che avevano congelato l’iter. Per il Gal della Valle Seriana e dei Laghi Bergamaschi si parla di ben 7,1 milioni di euro da erogare in 3 anni, anche se i ricorrenti potrebbero ancora appellarsi al Consiglio di Stato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.