BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In Italia ci si laurea a 26 anni: poi la metà dei ragazzi vuole andare all’estero

Ci si laurea a circa 26 anni, un anno in meno rispetto al trend di dieci anni fa. Ma ci si iscrive all’università con 1,5 anni di ritardo dopo aver conseguito il diploma di scuola superiore. Lo rende noto l’indagine sul profilo laureati 2016 di AlmaLaura

Più informazioni su

Ci si laurea a circa 26 anni, un anno in meno rispetto al trend di dieci anni fa. Ma ci si iscrive all’università con 1,5 anni di ritardo dopo aver conseguito il diploma di scuola superiore. Lo rende noto l’indagine sul profilo laureati 2016 di AlmaLaura, presentata a Parma nel corso del convegno “Università e Skill nella seconda fase della Globalizzazione”, alla presenza del ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli.

L’età media alla laurea per il complesso dei laureati del 2016 è pari a 26,1 anni: 24,9 anni per i laureati triennali, 26,9 per i magistrali a ciclo unico e 27,5 anni per i laureati magistrali biennali.

Il dato del Rapporto di AlmaLaurea tiene conto anche del ritardo nell’iscrizione al percorso universitario (ritardo rispetto alle età “canoniche” dei 19 anni per la triennale e il ciclo unico e di 22 anni per la magistrale biennale), che tra i laureati del 2016 in media è pari a 1,5 anni.

L’età alla laurea è diminuita rispetto alla situazione pre-riforma e continua a diminuire negli ultimi anni: l’età media era infatti 27,1 anni nel 2006, di un anno più elevata rispetto alla situazione attuale.

È interessante notare come la quota dei giovani accademici pronta a partire, oggi, sia pari al 49 per cento: era il 38 per cento nel 2006. Un laureato su tre non ha problemi a trasferirsi in un altro continente, uno su quattro accetta spostamenti frequenti. Il 52 per cento si dice disponibile a trasferire anche la residenza. Solo il 3 per cento dei laureati analizzati, quota residuale si vede, è indisponibile a qualsiasi tipo di trasferta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.