BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Finanziamo lo studio di fattibilità per prolungamento del tram da Albino a Vertova” fotogallery

Mancano i 70 mila euro per finanziare lo studio di fattibilità per il prolungamento del tram da Albino a Vertova

“Facciamo un fronte comune mettendo a disposizione i 70 mila euro necessari per finanziare lo studio di fattibilità per il prolungamento del tram da Albino a Vertova”.

È questo l’appello lanciato da Riccardo Cagnoni, Presidente del Comitato prolungamento Teb Albino-Vertova, nel corso dell’incontro pubblico tenuto nella serata di giovedì 20 aprile all’auditorium delle Scuole Elementari di Clusone.

“Le risposte dei cittadini – prosegue Cagnoni – sono state più che positive, viste le 11.400 adesioni al Comitato al quale fanno parte grandi imprenditori, come il presente Pierino Persico, e la maggior parte dei Sindaci dei paesi della Valle Seriana (32 su 38). Il costo totale dello studio di fattibilità del prolungamento del tram ammonta a 130 mila euro e ne mancano 70 mila per poterlo mettere in pratica”.

Presente alla serata l’ex e primo Presidente della Teb, Gianfranco Ceruti, il quale illustra i tre elementi chiave per la buona riuscita del progetto: “Coraggio, entusiasmo e determinazione: senza questi fattori la tramvia non sarebbe mai partita. Sono molto orgoglioso di aver realizzato quest’opera, un’opera talmente grande al punto che è nata la voglia di espanderla. Con volontà e passione si possono raggiungere grandi traguardi e sono contento che la stessa passione ce l’abbia anche questo comitato, perché la tramvia deve estendersi”.

Le fa eco l’onorevole Giancarlo Salvoldi, colui che nelle sue battaglie si è sempre battuto per difendere e tutelare l’ambiente (da lui definito “il creato”) e quindi grande sostenitore del rilancio delle linee su ferro: “Il sogno è che la Teb arrivi fino a Vertova e, perché no, fino a Clusone; io ci credo e significativa è la presenza questa sera delle varie autorità”.

“Il tram – interviene l’amministratore delegato di Teb Gianni Scarfone rappresenta un esempio importante di come si affronta un investimento; un’opera che ha comportato tre anni e mezzo di lavoro, senza sforare le previsioni. I risultati ottenuti in termini di passeggeri sono ottimi: il primo anno si contavano 3 milioni di utenze, oggi se ne contano 3 milioni e mezzo. Il progetto della Teb è ben integrato con la Sab e con l’Atb; inoltre, il tram ha migliorato la qualità della vita delle persone che risiedono lungo il tracciato apportando notevoli benefici all’ambiente e all’aria”.

Filippo Simonetti, l’attuale presidente di Teb, ricorda che il 24 aprile di otto anni fa veniva inaugurata ufficialmente la tramvia e si unisce al coro precedente: “Le innumerevoli adesioni al Comitato per il prolungamento rappresentano un dato straordinario e da questo fattore bisogna trarre la forza per realizzare questo progetto”.

Incoraggianti le risposte dei consiglieri regionali presenti all’incontro: “Vale la pena impegnarsi per questo scopo – afferma sicuro il consigliere Angelo Capelli di Area Popolare – un progetto che mira a migliorare la viabilità e sarebbe quindi vergognoso se la regione non mettesse sul tavolo i 70 mila euro necessari, magari anche a rate”.

Entusiasmo che si legge anche nelle parole del consigliere Jacopo Scandella del Partito Democratico:Questo è un grande progetto: c’è bisogno di persone motivate e che credano in questo, perché in Valle sono presenti tutte le risorse necessarie. Dobbiamo crederci come politici, come cittadini, come imprese e come territorio: con la determinazione niente è impossibile. È importante effettuare uno studio di fattibilità, per questo motivo l’impegno è quello di sostenere la richiesta delle risorse per permettere lo studio”.

Più cauto il pensiero del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Dario Violi:Concordo sul fatto che la Regione deve fare la sua parte, visto che gli enti locali hanno fatto la loro. D’altra parte, però, non mi piace vendere sogni: lo studio di fattibilità va effettuato ed è utile, ma non facciamoci troppe illusioni sulla buona riuscita del progetto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.