BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il bergamasco Bruno Santori: “Vi presento il mio omaggio jazz al Festival di Sanremo”

Il direttore d'orchestra e compositore di Ponte San Pietro, già fondatore dei Daniel Sentacruz Ensemble, presenta a Bergamonews il suo ultimo lavoro, un album con i più grandi successi del Festival arrangiati in versione jazz

Si chiama “Jazz&Remo Il Festival” e ha un obiettivo ben preciso: avvicinare due generi musicali assai differenti tra loro come il jazz e il pop. È l’ultimo progetto discografico del maestro Bruno Santori, bergamasco classe 1957, con un passato nei Daniel Sentacruz Ensemble (autori di brani celebri come “Soleado” e “Linda bella Linda”) e con all’attivo collaborazioni come direttore con la PFM e decine di orchestre in tutto il mondo.

Bruno Santori

Nel suo ultimo lavoro, uscito lo scorso 6 aprile, c’è però una grandissima fetta di vita e di carriera: il Festival di Sanremo. Festival che Santori ha vissuto per ben diciassette volte (nel 2009 è stato anche direttore artistico), e che oggi omaggia con questo album nel quale vengono proposti i più grandi successi della manifestazione rivisitati dall’artista bergamasco in chiave jazz.

Bruno Santori

Undici sono i brani contenuti nell’album:
E non finisce mica il cielo (I. Fossati) – Mia Martini – Sanremo 1982;
Quello che le donne non dicono (E. Ruggeri, L. Schiavone) – Fiorella Mannoia – Sanremo 1987;
E poi (G. Todrani, M. Calabrese, M. Rinalduzzi) – Giorgia – Sanremo 1994;
Cambiare (A. Baroni, M. Calabrese, M. D’Angelo, M. Rinalduzzi) – Alex Baroni – Sanremo 1997;
Ancora (F. Migliacci, C. Mattone) – Eduardo De Crescenzo – Sanremo 1981;
Adesso tu (E. Ramazzotti, P. Cassano, A. Cogliati) – Eros Ramazzotti – Sanremo 1986;
Luce (Tramonti a nord est) (E. Toffoli, Zucchero, E. Toffoli) – Elisa – Sanremo 2001;
Vacanze romane (G. Golzi, C. Marrale) – Matia Bazar – Sanremo 1983;
Il cuore è uno zingaro (F. Migliacci, C. Mattone) – Nicola Di Bari, Nada – Sanremo 1971;
Volare (Nel blu dipinto di blu) (F. Migliacci, D. Modugno) – Domenico Modugno, Johnny Dorelli – Sanremo 1958;
Le mille bolle blu (V. Pallavicini, C. A. Rossi) – Mina, Jenny Luna – Sanremo 1961.

“Ho lavorato parecchio tempo sulla modifica delle strutture armoniche e ritmiche dei brani cercando di non perdere l’originalità della canzone stessa e, al tempo stesso, rispettandone la linea melodica e la riconoscibilità – racconta Bruno Santori -. Questo ha permesso che amanti di generi diversi potessero apprezzare la commistione che è il fondamento di questo progetto e del mio modo di essere musicista: ‘Jazz&Remo Il Festival’ nasce dalla volontà di far incontrare parte della mia storia musicale, il Festival della canzone Italiana, con il jazz”.

Bruno Santori

Prodotto da Bruno Santori e Zenart, pubblicato da Solomusicaitaliana, l’etichetta discografica di Radio Italia, e distribuito da Sony Music, l’album “Jazz&Remo Il Festival” vede la partecipazione di Fabio Crespiatico (al basso elettrico), docente di basso elettrico ad indirizzo pop presso il conservatorio “Boito” di Parma, che ha collaborato con alcuni importanti artisti del panorama jazz nazionale e internazionale arrivando a calcare palchi come quello di Umbria Jazz; Stefano Bertoli (bergamasco, alla batteria) che ha suonato tra gli altri con Gianluigi Trovesi e Gianni Coscia ed è docente di batteria jazz presso il conservatorio “Marenzio” di Brescia; Giulia Pugliese (voce) giovane scoperta che nel 2015 ha partecipato a “The Voice of Italy”.

Bruno Santori

Dal 17 marzo 2017, inoltre, Bruno Santori è stato nominato dal ministro del turismo di Malta, Edward Zammit Lewis, “Tourism Ambassador of Malta”, un titolo prestigioso che il maestro bergamasco ha accettato con gioia ed entusiasmo: “In quell’area del Mediterraneo dove si incrociano culture di due parti del mondo così vicine ma, al tempo stesso, tanto lontane e differenti – ha spiegato Santori – è importante che la musica faccia parlare tutti con una lingua sola. Io, nel mio piccolo, cercherò di dare il mio contributo”.

BRUNO SANTORI QUARTET – JAZZ&REMO IL FESTIVAL

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.