BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Banda dei furti in casa, 14 in Bergamasca in soli due mesi: dove e come agivano

I malviventi a caccia di preziosi e denaro in contante. Nel mirino diverse abitazioni della Valseriana e non solo

Sono accusati di 52 furti in abitazione commessi tra il maggio 2015 e luglio 2016, molti dei quali compiuti in Bergamasca. È di cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere e due obblighi di dimora il bilancio dell’operazione dei carabinieri di Verbania, che hanno smantellato una banda di malviventi albanesi compresi tra i 20 e i 43 anni d’età e operanti in tutto il nord Italia, in particolare nelle province di Verbania, Novara, Aosta e Lecco. Il valore totale della refurtiva ammonta a circa mezzo milione di euro.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, la banda avrebbe fatto visita nelle case della Bergamasca per ben 15 volte nel giro di soli 2 mesi (un numero molto alto se si considerano i 52 episodi contestati in totale) prendendo di mira diversi Comuni, molti dei quali siti in Valle Seriana.

La prima risale al giorno 8 dicembre 2015, ad Albino. Da allora si sarebbe susseguita una vera e propria raffica di furti: 2 messi a segno a Cene , 1 a Caprino Bergamasco, 2 in Roncola, 3 a Clusone (più un quarto tentato furto), 1 a Casnigo, 1 a Capizzone, 1 a Leffe e altri 2 ad Albino il 13 febbraio 2016.

Banda furti in abitazione

L’indagine ha preso il via nel giugno scorso a seguito di episodi seriali di furti in abitazioni perpetrati a Baveno (Verbania), attraverso l’analisi dei dati raccolti sulle scene del crimine che hanno permesso di individuare le autovetture in uso agli indagati. Questo, spiegano gli inquirenti, ha consentito di ricostruire l’attività legata a più batterie di ladri, i quali erano soliti incontrarsi in un bar della provincia di Monza-Brianza prima di effettuare le trasferte criminose.

Inoltre, dal monitoraggio delle bacheche dei profili Facebook riconducibili ad alcuni degli indagati, è stato possibile rilevare come degli ‘amici’ virtuali avevano postato delle fotografie panoramiche del Lago Maggiore che testimoniavano la loro presenza nella zona dei furti proprio nei giorni in cui si erano verificati.

In particolare, i malviventi agivano in orario serale e notturno, scegliendo abitazioni apparentemente non occupate dai proprietari, forzando gli infissi per penetrare al loro interno e razziare soprattutto preziosi e denaro in contante.

FURTI CONTESTATI – DOVE E QUANDO IN BERGAMASCA:

8/12/2015 Furto perpetrato ad Albino

10/12/2015 Doppio furto perpetrato a Cene

14/12/2015 Furto perpetrato a Caprino Bergamasco

15/01/2016 Doppio furto perpetrato in Roncola

27/01/2016 Tentato furto a Clusone

29/01/2016 Doppio furto perpetrato a Clusone

30/01/2016 Furto perpetrato a Casnigo

3/02/2016 Furto perpetrato a Capizzone

5/02/2016 Furto perpetrato a Clusone

5/02/2016 Furto perpetrato a Leffe

13/02/2016 Doppio furto perpetrato ad Albino

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.