BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Incompatibilità religiosa, così 4 bambini disertano le lezioni sul jazz”

È quanto pubblicato su Facebook dal direttore del Centro didattico produzione musica, Claudio Angeleri. Il post ha scatenato un grande dibattito, con decine e decine di commenti

Più informazioni su

“Pensavo fosse uno scherzo, invece purtroppo è vero: 4 bambini di una scuola elementare non verranno alle lezioni concerto sul jazz per incompatibilità religiosa”. È lo sfogo pubblicato su Facebook da Claudio Angeleri, direttore del Cdpm (Centro didattico produzione musica).

“I loro genitori – scrive Angeleri – forse non sanno che molti musicisti jazz sono di religione musulmana, così come di altre fedi e religioni. Proprio il jazz è stato inoltre dichiarato dall’Unesco patrimonio immateriale dell’umanità per le sue caratteristiche di inclusività, fratellanza e pace. Esattamente il contrario di quello che fanno proprio quei genitori”.

Il riferimento di Angeleri è al progetto Incontriamo il jazz 2017 – Bergamo per International Jazz Day. Un progetto didattico sul jazz rivolto agli studenti delle scuola primarie, medie e degli istituti superiori.

Il post di Angeleri, nella vita pianista, compositore  e didatta, ha subito scatenato un grande dibattito, con decine e decine di commenti: “Per tanti musulmani la musica è illecita e vietata”, ha scritto qualcuno.

“A me non risulta che siano tantissimi – ha risposto Angeleri -. Anzi direi proprio che siano una minoranza molto esigua. Nel nostro caso 4 su 1700. Ma questo non c’entra col fatto che la scuola e gli operatori devono continuare a insistere sulla cultura come strumento di libertà e democrazia”. “Non bisogna mollare e continuare a insistere e dialogare”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.