BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Come in Bergamasca, a Padova strisce pedonali padane: ma l’ideatore viene condannato

Il responsabile dell'area tecnica manutenzioni del Comune di San Martino di Lupari che autorizzò i lavori, il geometra Giuseppe Stefano Baggio, è stato condannato a risarcire per danno erariale la municipalità

Come in Bergamasca anche nel Padovano non passano inosservate le “strisce pedonali padane”. Come scrive Il Messaggero, per i 55 passaggi pedonali del Comune di San Martino di Lupari, in provincia di Padova, a sfondo verde, realizzati tra il 2008 e il 2012, però, il responsabile dell’area tecnica manutenzioni del Comune che autorizzò i lavori, il geometra Giuseppe Stefano Baggio, è stato condannato a risarcire per danno erariale la municipalità, per la somma di 1.155 euro, più 593 euro di spese processuali.

La sentenza è stata emessa dalla Sezione giurisdizionale per il Veneto della Corte dei Conti, presieduta da Guido Carlino con giudici Gennaro Di Cecilia e Giuseppina Mignemi. A chiamare in giudizio il funzionario è stata la Procura regionale il 19 aprile dello scorso anno.

L’amministrazione comunale guidata da Gerry Boratto, al tempo in forza alla Lega Nord, oggi della compagine di Flavio Tosi, come accaduto in altri comuni, aveva deciso di colorare di verde l’asfalto tra le linee bianche dei passaggi pedonali. Verde come il colore del partito di riferimento dell’allora maggioranza cittadina.

La stessa idea era venuta, nel 2010, alle amministrazioni comunali di Misano Gera d’Adda e di Spirano. Anche in quel caso non mancarono le polemiche, anche se non si arrivò a una denuncia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.