BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pazzia e tradimento nel “Berretto a sonagli”: “Perché il pubblico vuol rompere gli schemi” foto video

Al teatro Donizetti va in scena dal 14 al 19 marzo la commedia di Luigi Pirandello nella versione del regista Valter Malosti, che per la prima volta affronta il drammaturgo siciliano confrontandosi con uno dei testi più popolari dell'autore

“Una storia di corna e tradimenti”. Così, senza troppi giri di parole, il regista Valter Malosti e l’attrice Roberta Caronia introducono “Il berretto a sonagli”, commedia di Luigi Pirandello che sbarca al Teatro Donizetti di Bergamo nella versione dello stesso Malosti, che affronta per la prima volta il drammaturgo siciliano confrontandosi con uno dei testi più popolari dell’autore.

Il Berretto a Sonagli, intervista

In scena, accanto a Malosti (regista ma anche attore nel ruolo di Ciampa), Roberta Caronia nei panni di Beatrice Fiorìca, Paola Pace (Donna Assunta La Bella/la Saracena), Vito Di Bella (Fifì La Bella), Paolo Giangrasso (Delegato Alfio Spanò), Cristina Arnone (Fana) e Roberta Crivelli (Sarina Ciampa).

Il cuore della commedia di Pirandello riguarda l’onore minacciato di un uomo sposato. E naturalmente, si potrebbe subito aggiungere, di una donna sposata. La signora Beatrice, moglie del cavalier Fiorìca, sospetta che il marito la tradisca con la giovane moglie del suo scrivano Ciampa: rosa dalla gelosia, con la riluttante complicità del delegato di polizia Spanò, ordisce una trappola per sorprendere i due in flagranza di reato, senza calcolare l’esito di tale progetto nei confronti di Ciampa. La reazione di Ciampa sarà furiosa. Non gli resterà che difendere il suo ”onore”, dovrà uccidere la moglie e il cavalier Fiorìca.

Il Berretto a Sonagli

“Tutto quel che succede a questo punto non è più un problema di credibilità dell’avvenimento – spiega Malosti – al punto che sapere se Ciampa uccide o meno, se diventa pazzo o no, sono domande che non attendono risposta, poiché l’atto resta, qui, sospeso come un “non voler giudicare” dell’autore: ci sono solo fatti, apparenti e ambigui, ai quali si tratta di dare una forma, ora la più opportuna, ora la più indecente”.

In Pirandello, più che una risposta, la pazzia, con i suoi artifici, con la sua messa in scena nel Berretto a sonagli, è una posizione umoristica, l’astuzia feroce di Ciampa consiste nel mimare per la signora Fiorìca l’esempio dell’abisso della follia, in modo che lei alla fine vi precipiti.

Già, la pazzia. Un tema che, ultimamente, sale molto volentieri sul palco dei principali teatri bergamaschi: “Dal punto di vista scenico l’attore ama interpretare personaggi di questo tipo – racconta Roberta Caronia -. E poi è un tema che funziona sempre. Al pubblico piace perché a teatro immagina di vedere qualcosa di forte, in grado di rompere gli schemi della società”.

GUARDA QUI LA VIDEO INTERVISTA

Lo spettacolo andrà in scena da martedì 14 a venerdì 17 marzo alle 20.30; sabato 18 alle 15.30 e alle 20.30; domenica 19 marzo alle 15.30. Per avere ulteriori informazioni e per i biglietti contattare la biglietteria del teatro Donizetti telefonando al numero 035.4160601/602/603 da martedì a sabato dalle 13 alle 20; domenica dalle 14 alle 15.30 (solo nelle domeniche di spettacolo). Per l’acquisto online dei biglietti accedere al sito vivaticket.it. Per informazioni e dettagli sugli spettacoli: telefonare al numero 0354160681 oppure inviare una mail a info@donizetti.org

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.