BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un antico incantesimo per la leggenda delle Quattro Matte

Continua la rubrica curata da Mirko Pizzaballa, classe '92, sulle leggende che si celano dietro alle meraviglie naturali del territorio orobico. Conoscete le Quattro matte e la loro storia?

Più informazioni su

Ci troviamo a Colere, un paese della provincia di Bergamo situato sotto le pendici della regina delle Orobie, la Presolana, noto per le sue piste da sci molto frequentate in inverno.

Da qui possiamo scorgere quattro cime che si innalzano: sono conosciute come “Le quattro matte” e, secondo la leggenda, in giornate particolarmente fresche e limpide, si possono sentire ancora i lamenti delle sorelle – “le quattro matte”-.

La leggenda narra che in questo paese abitavano quattro sorelle di nome Erica, Gardenia, Genzianella e Rosina. Tutte belle, vanitose e altezzose.

Avevano fatto innamorare tutti i ragazzi della valle, ma nessuna di loro si era mai fidanzata. A loro interessava solo essere desiderate ed ammirate.

Un giorno, però, capirono che anche per loro il tempo stava passando, perciò decisero di findazarsi prima che la loro bellezza svanisse: scelsero quattro fratelli di bella presenza.

Il giorno delle nozze si avvicinava e la valle non parlava d’altro, qualche giorno prima le quattro sorelle decisero di andare raccogliere la legna nel bosco al di sotto della Parete Est della Presolana; qui incrociarono un gruppo di gnomi, strani e buffi esseri che popolavano i boschi di quelle valli.

Le ragazze si avvicinarono con un’atteggiamento altezzoso e superbo, con loro consumarono la colazione e proseguirono tutta la giornata con balli e canti; gli gnomi si fecero promettere dalle fanciulle che ogni sabato sarebbero passate da loro per trascorrere del tempo insieme, le sorelle accettarono prendendo alla leggera un così grande impegno che avevano stipulato con gli gnomi.

Per diversi sabati le sorelle tornarono a far visita agli gnomi sempre più felici delle visite, ma ignoravano il fatto che le ragazze si stavano prendendo gioco di loro.

Un giorno uno degli gnomi scese nel bosco vicino al paese e vide due boscaioli parlare, zitto zitto si nascose e stette ad ascoltare: i due parlavano di quattro fanciulle che si stavano vantando del fatto di prendersi gioco di un gruppo di gnomi.

Lo gnomo corse subito a riferire quello che aveva sentito al capo degli gnomi e radunò immediatamente tutti gli esseri del bosco per discutere di quel fatto. La decisione fu presa: le quattro ragazze non sarebbero mai più tornate alle loro case.

Il giorno seguente le quattro sorelle, ignare del fatto accaduto il giorno precedente,  andarono nel bosco per incontrare gli gnomi, che chiesero alle ragazze di seguirli.

Arrivarono su una sella della Presolana che si apriva con un terribile precipizio su Colere e gli gnomi continuarono a cantare un cupo e triste lamento mentre si allontanavano dalle fanciulle.

Le quattro sorelle non fecero neanche in tempo a gridare che un fulmine si scaraventò su di loro illuminando tutta la vallata: la vendetta dei folletti si compì e le ragazze si trasformarono in pietra diventando parte della montagna.

Le ragazze così sarebbero sempre rimaste a fianco dei folletti.

quattro matte

Oggi da Colere si vedono questi quattro pinnacoli e si dice che nelle fresche giornate gli escursionisti che salgono sentono ancora il lamento delle quattro fanciulle.

Ora tocca a voi credere o meno alla leggenda, salite per un’escursione e provate a sentire qualche lamento…

Fotografie di Aurelio Belingheri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.