BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Chi mi ripara il pc? Pago 50 euro”: Utopicon, portale per servizi, il prezzo lo fa il cliente

Il progetto è di tre amici bergamaschi e permette al committente di scegliere esattamente il prezzo al quale vorrebbe che venga fatto un determinato lavoro: una piazza virtuale dove chi ha capacità e possibilità economiche viene in soccorso di chi invece, per qualsiasi ragione, non è in grado di soddisfare un bisogno.

Più informazioni su

“Cerco per riparazione lettore cd ma che mi costi 20 euro”. E’ uno degli annunci sul portale web Utopicon. Immaginate di poter scegliere voi il prezzo per un lavoro di manutenzione, ma non solo, di cui avete bisogno: utopia? Non esattamente, grazie all’idea di tre amici e colleghi bergamaschi che da qualche mese hanno lanciato appunto “Utopicon”, piazza virtuale dove domanda e offerta si possono incontrare e soddisfare le relative necessità.

Il progetto è nato in seno a una banca cooperativa del territorio, dove Sergio, 42 anni di Cavernago, Matteo, 38 anni di Urgnano, e Fabio, 36 anni di Brusaporto, si sono conosciuti: “Essendo ogni giorno a contatto con la gente abbiamo riscontrato che sempre più persone, a causa della crisi, rinunciava a soddisfare alcuni bisogni o a risolvere dei problemi perchè non ne avevano le possibilità economiche – spiega Sergio – Dall’altro lato, allo stesso tempo, c’erano tante persone disoccupate o alla ricerca di un’occasione per arrotondare che avevano capacità e risorse per svolgere lavoretti quotidiani”.

Così i tre soci hanno cercato un modo per mettere in contatto questi due mondi, creando un portale web gratuito che ha la particolarità di lasciare a chi esprime il bisogno l’onere di stabilire il prezzo che è disposto a pagare per quella prestazione: “Solo chi ha la necessità di risolvere un problema può inserire un annuncio – continua Sergio – È importante spiegare che il prezzo deve essere sostenibile per chi cerca la prestazione e non allineato a quelli che sono i normali prezzi di mercato perchè altrimenti l’iniziativa perderebbe di senso”.

Il sito può essere consultato senza registrazione, con foto, prezzo e una piccola anteprima delle richieste già pubblicate accessibili a tutti: per visualizzare l’annuncio completo e accedere ai contatti occorre invece creare un profilo (sempre gratuito) dal quale poi interagire come committente o come offerente.

Le categorie selezionabili sono le più varie (casa, animali, cucina, economia, persona, scuola o trasporti) e ovviamente il fattore della prossimità geografica gioca un ruolo fondamentale.

“Per incentivare al lavoro di qualità – aggiunge Sergio – abbiamo creato un sistema di recensioni e feedback: una volta ottenuta la prestazione il cliente valuta il servizio, permettendo ad altri utenti di avere precise referenze. L’idea è quella di creare una vera e proprio comunità, un passaparola in versione virtuale. L’abbiamo chiamato Utopicon da un lato per richiamare l’idea di utopia di una società migliore e più sostenibile e dall’altra abbiamo giocato con l’inglese e con le tre parole ‘U’, ‘Topic’ e ‘On’, che insieme significano ‘Tu metti il tuo annuncio, il tuo topic, online’”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.