BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Luca, morto in moto a 44 anni: “Amava la Ducati e i suoi nipoti” fotogallery

Residente a Bergamo, elettricista, non era sposato e non aveva figli. Lascia nel dolore i genitori, le sorelle e gli adorati nipotini

Avrebbe compiuto 45 anni il prossimo 19 marzo Luca Salvoldi, l’elettricista scomparso domenica mattina in seguito ad un tragico incidente stradale a Dalmine (LEGGI QUI). Lo schianto si è verificato intorno alle 11.30 in via Bergamo.

Stando a quanto appreso dalle forze di Polizia Locale, l’uomo stava viaggiando in sella alla sua moto, una Ducati 848 Streetfighter; aveva da poco lasciato la frazione di Mariano e si stava dirigendo verso via Lombardia, quando per cause ancora da accertare è finito contro una macchina, una Ford Focus familiare con a bordo una famiglia di Ponte San Pietro – rimasta illesa nello scontro – che stava svoltando in un parcheggio.

Il motociclista avrebbe tentato una lunga e disperata frenata. Sarebbe poi scivolato sull’asfalto con la due ruote prima di impattare contro la fiancata sinistra dell’auto.

Un colpo che si è rivelato fatale: l’uomo è spirato poco dopo a a causa dei gravi traumi riportati e inutili sono stati anche i soccorsi e i tentativi di rianimazione da parte del 118.

Nella vita di tutti i giorni, Salvoldi lavorava per la Cofely Italia Spa, una ditta esterna che svolge lavori di manutenzione alla Tenaris Dalmine: “Una grande persona con un grande cuore, sempre disposto a dare una mano”, lo ha ricordato un collega su Facebook. “Un’altra stella si è aggiunta al firmamento. Ma noi ti ricorderemo che ancora sorridi – ha scritto un’altra -. Era una persona semplice, con due passioni: la sua moto e quella per i suoi nipotini. Parlava sempre di loro”.

Residente a Bergamo, in via Francesco Zignoni, nel quartiere di Grumello del Piano, Salvoldi era single e non aveva figli: lascia nel dolore i genitori, le sorelle FedericaStefania e annche quei nipotini con i quali adorava farsi fotografare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.