BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Far leggere e parlare i giovanissimi, una mission proibitiva che vinceremo con BGY

Il nostro nuovo giornale è nato da meno di un mese e siamo già stati travolti dall'entusiasmo dei giovani. Il primo passo è fatto

In pochi ci credevano, perché effettivamente oggi in Italia quasi nessuno dà troppa importanza a quello che pensano o vogliono dire i giovani.

Leggono poco, non amano i quotidiani (non solo quelli cartacei, ma anche quelli online), spesso sono immersi nella loro realtà parallela e nessuno li capisce. Quindi avvicinarsi al loro mondo è un compito tropo difficile, troppo rischioso e faticoso.

Noi invece l’abbiamo fatto. E BGY (Be Young) è il nuovo giornale che Bergamonews ha scelto di affidare ai giovani per parlare ai giovani.

Con una certa temerarietà.  Perché a oggi nessuno si era azzardato a tentare un’avventura simile. Anche perché, ammettiamolo, a parole il mondo dei ragazzi interessa a tutti, nei fatti sono pochi coloro che s’intetessano concretamente al pensiero di chi ancora non è uomo, di chi ancora deve capire da che parte stare, deve decidere cosa pensare e quale strada scegliere nel lungo percorso della vita.

Ma questi giovani qualcosa in testa ce l’hanno, e hanno una tremenda voglia di parlarne. Noi di Bergamonews l’abbiamo scoperto con l’Academy, una vera e propria scuola che ha regalato a 30 bergamaschi, tra settembre e dicembre 2016, la possibilità di scoprire il mondo del giornalismo guidati dalla redazione e da un gruppo di esperti della comunicazione.

La stragrande maggioranza dei nostri “allievi” erano giovani, qualcuno studiava in università, altri avevano da poco finito il percorso scolastico. Tutti erano accomunati da una cosa: la voglia di emergere, di fare, di creare. Di scrivere.

Allora, ci siamo detti, cosa aspettiamo a mettere a loro disposizione uno spazio di comunicazione creato e organizzato solo da loro e per loro?

Ed eccoci qua, con BGY che in meno di un mese ha già raccolto quello che cercavamo: il consenso dei ragazzi.

Il percorso è appena iniziato, la strada da fare è ancora lunghissima e i progetti da sviluppare sono parecchi. Ma siamo convinti di avere spalancato una porta che aspettava solo di essere aperta per entrare in un universo da scoprire.

Il nostro ottimismo è figlio di questo primo mese di lavoro con i giovani: il loro entusiasmo, la voglia di fare, le mille proposte ci hanno travolto sin dalla prima riunione, quando dopo aver presentato il progetto di BGY negli istituti superiori i primi candidati hanno riempito una grande aula del liceo Lussana, dove ci eravamo dati appuntamento.

Quella sera neanche le sedie bastavano, e noi organizzatori eravamo quasi increduli. Ora, invece, ci crediamo più che mai: far leggere e parlare i giovanissimi è una mission che vinceremo con BGY.

Ah, non vi ho detto che io, che coordino il progetto, sono uno dei giovani della redazione di Bergamonews.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.