BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

M5S: “Perché si chiude la saletta studio della Biblioteca Caversazzi?”

I consiglieri comunali Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni, del Movimento 5 Stelle, hanno presentato un'interrogazione scritta sulla chiusura serale della saletta studio della Biblioteca Caversazzi.

I consiglieri comunali Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni, del Movimento 5 Stelle, hanno presentato un’interrogazione scritta sulla chiusura serale della saletta studio della Biblioteca Caversazzi.

“Come noto la biblioteca Caversazzi è l’unica biblioteca aperta in orario serale durante la settimana, in particolare dalle 20.30 alle 23.30 (ad eccezione della biblioteca Tiraboschi, aperta solo il giovedì e solo fino alle 22.30) è diventata un punto di riferimento per gli studenti, specialmente nel periodo degli esami universitari, durante il quale è particolarmente affollata e si fatica nel trovare posto – scrivono Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni -. La biblioteca possiede una sala principale e una sala secondaria, la quale viene però da alcuni mesi tenuta chiusa la sera, anche se rimane aperta durante il resto della giornata. La mancata aperture serale della saletta ha determinate un peggioramento del servizio, con conseguente disagio degli studenti, che a volte sono costretti ad andare altrove per mancanza di posti”.

“La saletta in questione è adibita durante il giorno ai bambini con alcuni tavoli con altezza dedicata ed altri ad altezza normale per adulti ma fino a poco tempo fa veniva comunque lasciata aperta negli orari serali per avere una capienza maggiore di posti – concludono i due consiglieri del Movimento 5 Stelle -. Chiediamo quindi le motivazioni che hanno portato questo cambiamento e la possibilità di riaprire la saletta in questione negli orari serali per poter dare un servizio migliore vista la notevole richiesta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.