BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Centrodestra insorge: “No alla Prefettura al Palazzo della Libertà”

Andrea Tremaglia di Fratelli d'Italia e Stefano Benigni di Forza chiedono di bloccare il trasferimento della Prefettura da via Tasso a Palazzo della Libertà: "rischia invece di diventare un altro edificio semivuoto nel centro della nostra Bergamo".

“Palazzo della Libertà? Intervenire il prima possibile per scongiurare questa sconfitta per la città” è quanto propongono Andrea Tremaglia di Fratelli d’Italia e Stefano Benigni di Forza Italia, annunciando un ordine del giorno al prossimo consiglio comunale “per chiedere alla Giunta Gori di porre rimedio a questo errore”.

“Abbiamo infatti appreso dalla stampa che il Demanio stanzierà fino a quattro milioni di euro per adattare il Palazzo della Libertà a sede della Prefettura. Crediamo invece che il Palazzo della Libertà abbia qualità architettoniche e artistiche tali da renderlo sprecato per degli uffici”.

“Quello che potrebbe essere un potente stimolo per la vita culturale, e non solo, rischia invece di diventare un altro edificio semivuoto nel centro della nostra Bergamo, chiuso dopo le 17. Spazi enormi destinati alla burocrazia statale in un momento peraltro nel quale si punta sempre di più a ridurre il personale. Al Sindaco va bene così?”, domandano Tremaglia e Benigni.

“A noi sembra uno spreco: chiediamo a Gori di intervenire per impedire questa sconfitta per la città. Con l’ordine del giorno domanderemo l’adozione di ogni possibile iniziativa per fermare il trasferimento della Prefettura a Palazzo della Libertà e ragionare seriamente sul futuro di questo importantissimo edificio nel cuore di Bergamo”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.