BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Era sede del contrabbando, diventa centro per la legalità: sabato la consegna con don Ciotti

L’appartamento di via Marconi 49/B a Seriate, confiscato ai beni della mafia, sabato 18, sarà consegnato all’associazione «Centro di Promozione della Legalità Bergamo (CPL) e Rete S.O.S.», per diventare la nuova sede del Centro per la legalità gestita dai giovani.

Un tempo sede per il contrabbando, ora Centro per la legalità. L’appartamento di via Marconi 49/B a Seriate, confiscato ai beni della mafia, sabato 18, sarà consegnato all’associazione «Centro di Promozione della Legalità Bergamo (CPL) e Rete S.O.S.», per diventare la nuova sede del CPL. Il progetto, selezionato e finanziato dalla Regione Lombardia e dall’Ufficio Scolastico Provinciale, prevede che la casa confiscata diventi un Centro per la Promozione della Legalità gestito dalla Consulta provinciale studentesca, dalle scuole e associazioni in rete, guidata dal capofila Isis Giulio Natta e composta da 60 scuole e 20 enti istituzionali, tra pubblici e privati. L’obiettivo è promuovere una cittadinanza attiva, finalizzata alla divulgazione dei saperi della legalità agli studenti di Seriate e della provincia di Bergamo.

La cerimonia di consegna inizierà alle 9 al teatro Aurora con il convegno «Il Centro di promozione della Legalità in un bene confiscato alla criminalità». Ai saluti istituzionali del sindaco Cristian Vezzoli e di altre autorità presenti seguirà la testimonianza di Marisa Fiorani, madre di Marcella Di Levrano, vittima di mafia, e l’intervento di don Luigi Ciotti. A moderare l’incontro Andrea Crippa, presidente della Rete di scuole S.O.S. Alle 12.30 partirà un corteo da via del Fabbro verso via Marconi, dove il sindaco di Seriate consegnerà al presidente della Consulta studentesca le chiavi del bene confiscato, intitolato a Marcella.

«Sono molto soddisfatta per quanto avverrà sabato a Seriate. E lo sono sia da amministratore di una città, che crede nei valori della legalità, dell’ordine, del rispetto delle tradizioni e investe molto nelle giovani generazioni, sia da dirigente scolastico della scuola che fa parte della rete promotrice di questa collaborazione tra più enti – dichiara l’assessore al Patrimonio Paola Raimondi, nonché cerimoniere della giornata di sabato, aprendo il convegno -. Il Centro di Promozione della Legalità Bergamo e Rete S.O.S opera quotidianamente perché i ragazzi raggiungano il successo formativo e diventino cittadini attivi e propositivi, nel rispetto delle regole sociali. La giornata che ci attende sarà intensa e ricca di emozioni e il cuore del programma sarà la testimonianza di Marisa Fiorani. Chiedo ai ragazzi di farne tesoro e cogliere i messaggi di chi lotta, giorno dopo giorno, per rendere libero il nostro mondo da ingiustizie. La presenza di don Ciotti avvalora il senso dell’incontro, perché attraverso la sua esperienza e le sue parole, tutti possiamo trarne insegnamento ed esempio di vita».

L’appartamento in via Marconi 49/B, dotato di 3 posti auto, venne confiscato nel 1999 a seguito di una sentenza per reato di contrabbando. Nel 2002 fu consegnato al Comune di Seriate dall’Agenzia del Demanio, con l’indicazione di inserire l’immobile nel patrimonio indisponibile del Comune e destinarlo esclusivamente per finalità istituzionali, sociali e in particolare adibito a sede di associazioni di volontariato. Nel 2004 fu assegnato all’associazione ALMIS – Fondazione per la ricerca sulle lesioni del midollo spinale – Onlus. Nel 2015 il bene confiscato venne riconsegnato al Comune perché l’associazione chiuse. L’anno scorso è stato destinato, in concessione in comodato d’uso gratuito, come sede a 3 associazioni: il Centro di Promozione della Legalità Bergamo e Rete S.O.S. (Scuola Offerta Sostenibile), per promuovere la legalità e creare un centro di promozione della legalità, che raccoglie circa 60 scuole e 20 enti istituzionali pubblici e privati; le Guardie Ambientali onlus, per l’attività di guardia eco-zoofila, finalizzata a sensibilizzare e controllare sul territorio comunale gli animali di affezione; l’Associazione delle Botteghe di Seriate per la valorizzazione del commercio seriatese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.