BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Accordo Comune-azienda, dopo 3 anni riapre la scuola primaria di Masano

Grazie a un accordo tra l'amministrazione comunale e la ditta Saint Gobain lo stabile diventerà una struttura multicomfort all'avanguardia

Nel 2014 la scuola primaria di Masano (frazione di Caravaggio) venne chiusa per gravi carenze di natura strutturale, costringendo gli alunni iscritti – poco meno di un centinaio di bambini per un totale di cinque classi – a cercar rifugio all’interno dell’oratorio, adibito a scuola temporanea. Ora, a distanza di circa tre anni, arriva dall’amministrazione comunale la notizia di un’importante partnership con la ditta Saint Gobain, che possiede tra gli altri uno stabilimento a Vidalengo, per la realizzazione di un progetto innovativo per rendere la struttura, ad oggi in fase di riqualificazione da parte del Comune per un costo complessivo di 440mila euro, un polo innovativo dotato di tecnologia multicomfort grazie ai materiali (forniti a titolo gratuito) da questa multinazionale specializzata in isolamenti.

L’azienda, come detto, fornirà gratuitamente i materiali – del costo complessivo di svariate decine di migliaia di euro – ma avrà la possibilità di utilizzare la struttura, attraverso iniziative realizzate in collaborazione con l’amministrazione, come prototipo da mostrare ai clienti i quali potranno verificare direttamente le qualità e le migliorie specifiche portati alla struttura grazie ai loro materiali.

Saranno diversi i benefici che questi elementi all’avanguardia, composti in alcuni per l’ottanta percento da materiali riciclati, porteranno alla struttura. Verranno messi in posa, ad esempio, degli isolanti a pareti, coperture e alle finestre per garantire un comfort termico avanzato. Saranno poi installati particolari vetri alle finestre per garantire la massima comodità visiva grazie a un filtraggio della luce naturale che aumenterà in maniera sensibile l’illuminazione delle aule assicurando però allo stesso tempo un mantenimento del calore e un isolamento acustico mai visto prima.

Sempre per quanto riguarda l’isolamento acustico, grazie a materiali isolanti e a pannelli fonoassorbenti sempre di produzione della multinazionale, vi sarà una schermatura sonora sia verso i rumori provenienti dall’esterno che un’attenuazione del riverbero all’interno delle classi, con conseguente vantaggio per gli studenti che non risentiranno di distrazioni derivanti da rumori o suoni – come affermato dagli stessi progettisti è stato studiato che l’assenza di fonti sonore fastidiose aumenta fino al 20% l’apprendimento degli studenti -. Infine vi sarà anche un miglioramento della qualità dell’aria respirata grazie all’utilizzo di intonaci e vernici speciali che limitano al massimo l’immissione di sostanze nocive volatili e respirabili.

Intervenuto durante la conferenza stampa di presentazione del progetto Giulio De Gregorio, responsabile di Saint Gobain, ha affermato: “Siamo orgogliosi per questa collaborazione, siamo particolarmente felici perchè questa iniziativa sposa in maniera totale quella che è la nostra politica aziendale, ovvero vendere comfort in maniera sostenibile”.

Per quanto riguarda l’utilizzo da parte loro della struttura come “campione” da portare ai clienti ha spiegato: “Le iniziative in merito verranno concordate col comune e con la dirigenza scolastica. Sicuramente il nostro sarà un intervento di responsabilità sociale ma anche di business. Utilizzeremo questa scuola prototipo per promuovere le nostre soluzioni nell’ambito dell’edilizia, dell’edilizia scolastica e tramite i nostri contatti. La useremo quindi come prototipo, come risultato di un intervento fatto. Ci sarà poi un aspetto di marketing che vedremo poi insieme con l’amministrazione per promuovere, anche dal punto digitale, la nostra realizzazione.” Infine per quanto riguarda le migliorie portate dalla nuova dotazione De Gregorio esclama: “Siamo in fase valutativa con l’architetto, rispetto a come era messa prima la scuola l’incremento di benefici sarà enorme”.

“Provo grande soddisfazione nel constatare che ciò che per anni ha rappresentato un problema per Masano stia per diventare un motivo di orgoglio – ha affermato raggiante il sindaco di Caravaggio Claudio Bolandrini – L’incontro con Saint Gobain e la disponibilità dell’azienda a supportarci nella ricostruzione della nostra scuola elementare ci permetterà di vantare un esempio di eccellenza unico in Italia per ciò che riguarda edilizia scolastica”.

Sulle tempistiche di fine lavori in primo cittadino invece ha dichiarato: “L’obiettivo, non più procrastinabile, è iniziare il nuovo anno scolastico a settembre con l’inaugurazione della scuola; vogliamo terminare i lavori un po’ in anticipo per consentire il trasloco e la messa a punto di questi spazi per la didattica del nuovo anno scolastico 2017/2018”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.